DON BOSKOV w/ Rame @ LE MURA (Martedì 3 Marzo)


Martedì 3 Marzo 2015
DON BOSKOV w/ Rame @ LE MURA

ingresso 3 euro più tessera “Le Mura” (1 euro)

Le Mura
Via di Porta Labicana 24
San Lorenzo, Roma

 

DON BOSKOV

https://www.facebook.com/donboskovband?ref=bookmarks

Nascono a Terni nell’autunno del 2012, persuasi dalla malsana idea che si possa fare hardcore con un pianoforte.
Fortemente influenzati dalla corrente post-rock e math degli ultimi anni, nonché dalla scena postcore americana (il tutto condito dalla paraculaggine del pop), esordiscono dal vivo nel dicembre 2013, condividendo il palco con i Gazebo Penguins, proseguendo la propria intensa attività live aprendo i concerti di OvO, Majakovich e Kill Your Boyfriend e molti altri.
Nell’autunno 2014 esce Il loro EP d’esordio, “Istruzioni per allontanarsi ancora un po’”, registrato presso i Busthard Studios di Terni e masterizzato da Andrea Suriani presso l’Alpha Dept Studio di Bologna, rilasciato in free download per Metrodora e DreaminGorilla Records il 18 novembre 2014.

Qui in streaming e free download
http://donboskov.bandcamp.com/album/istruzioni-per-allontanarsi-ancora-un-po

Qui bei commenti a riguardo
http://www.rockit.it/recensione/26923/donboskov-istruzioni-per-allontanarsi-ancora-un-po




Il video del primo estratto “La miseria dell’inverno” ne ha anticipato l’uscita:
https://www.youtube.com/watch?v=KEtkOxFAQ-M

Giacché le prolisse presentazioni poco comunicano riguardo a quella che, se fossimo più alla moda chiameremmo “urgenza comunicativa tipica del punk”, a seguire un elenco di punti e di brevi ma intense dichiarazioni sulla loro musica a cura di amici e parenti:
1) “Non capisco perché ci sono le urla.” (Giulia, amica)
2) “Sono fiaccole dell’anarchia ” (Corrado, zio)
2) “Esteticamente lasciano a desiderare ma sono agili e pronti a tutto ” (Paulo, estetista)
3) “Sono ragazzi problematici che non vedranno mai la luce in fondo al tunnel ” (Breda, Psicoterapeuta)

RAME

https://www.youtube.com/watch?v=BQ61wQy0IKo

”RAME è il primo progetto ufficiale di Mattia Brescia, dopo gli anni alla ricerca di una misura, tra istinto e ragionevolezza.

Nato dall’incontro con Fabio Grande, cantante de I Quartieri (produttore per Marcello e il mio amico Tommaso, TheShalalas, JoeVictor, Fantasmi, Maistatoaltrove) e fonico de LeMura, uno dei più importanti e apprezzati live-club della capitale, e Matteo Portelli (bassista dei Mamavegas, ex MiceCars e YuppieFlu, già produttore di Jonny Blitz, Bue, Tom Armati, Roberto Scippa, e collaboratore a tempo non perso del progetto Carpacho),
sembra essere proprio il punto in cui, questa visione, queste due voci, istinto e ragionevolezza, si sono fuse in una sola voce finalmente possibile, finalmente plausibile.

È in giro per promuovere il suo primo ep che uscirà in Primavera.