Le quattro stagioni di Joe


 a cura di Raffaella Ceres

Milady è il tempo che scorre scandito, stagione dopo stagione.
Milady è il senso della famiglia, oltre le etichette.
Milady è una torta: La Torta di Joe.

In scena presso il Teatro Lo Spazio di Roma dal 3 all’8 Marzo , la compagnia teatrale Antigone ha presentato la commedia brillante La Torta di Joe, meritando un’ attenzione di riguardo da parte di critica e pubblico e, la speranza di vederlo ancora in scena nei tanti teatri romani.

Se il buongiorno si vede dal mattino, la cura per la scenografia ( Antonio Iannacone) e i costumi ( Mary Valente) sono già ottimo biglietto da visita per questo spettacolo firmato da Elisabetta Tulli, con la regia di Serena Mastrosimone e Gino Matrunola e le musiche a cura di Piero Pintucci.
Ci troviamo nel retro di un ristorante, dove si cucina multietnico per accontentare i clienti ma, si sogna di essere il motivo per il quale l’arte del saper mangiare sia la buona scusa per ogni avventore di farvi ritorno.
C’è colore, tanto.
E il colore è la cornice perfetta per le vite intrecciate dei protagonisti in scena.
Martina Gatto, Brunella Platania , Elisabetta Tulli e Valentina Naselli sono le irresistibili protagoniste femminili di questa deliziosa commedia.
Brave tutte: ritmi serrati, presenza scenica sicura e capace di gestire i piccoli inconvenienti della diretta.
Ognuna di loro ha restituito un colore personale ( tanto per rimanere in tema ), al personaggio affidato, rendendolo reale , credibile e soprattutto riconoscibile.
Daniele Derogatis, protagonista maschile, accompagna le vicende delle donne presentate con fare incisivo ed al contempo in perfetto equilibrio con la performance delle colleghe, accompagnato da un bravissimo Danny Zazzini al quale viene affidato il difficile compito del protagonista silente.




Cosa accade se un posto di lavoro si trasforma in qualcosa che è molto più di un posto di lavoro? Diventa casa, diventa famiglia.
Diventa l’unico posto dove sia possibile e necessario raccontare e raccontarsi, fra anoressia, amori rincorsi e mai conosciuti, apparentemente persi eppure sempre pronti a vegliare su di noi, così come il legame unico fra una madre e la propria figlia.
C’è la speranza per un futuro costruito con le proprie forze fra le battute di questo spettacolo che si muove fra l’allegria delle avventure del piccolo chef del Ratatouille disneyano e la poesia di Julie & Julia , film del 2009 scritto e diretto da Nora Ephron con Amy Adams e Meryl Streep.

Insieme ai bravi attori in scena, il pubblico si lascia prendere dagli eventi per un atto unico che fa volare il tempo fra risate e colpi di scena.
La sorpresa è assicurata a partire dai saluti del cast ed un finale nel finale che lascerà tutti con un “ dolce” ricordo !

E ricordate che l’amicizia non è come una fetta di torta: 3 morsi e via…- La Torta di Joe –