#Inittate 1: Giovanni Truppi Release Party all’Init di Roma (14 Marzo 2015)


SABATO 14 MARZO 2015

Le Inittate#1
w/

GIOVANNI TRUPPI 
Giovanni Truppi Release Party

opening act
CALCUTTA
GIUSEPPE LIUZZI

dj set
Radio Bombay

porte 20:30
concerti 22:00
ingresso 7 euro / 5 euro lasciando il proprio nome sulla bacheca facebook dell’evento

@ Init
Via Della Stazione Tuscolana – Roma

Sabato 14 Marzo all’Init Club GIOVANNI TRUPPI presenta il suo terzo disco omonimo, uscito per Woodworm.

In apertura Calcutta e Giuseppe Liuzzi
Dj set a cura di Radio Bombay.

GIOVANNI TRUPPI

CVTruppiGIOVANNI TRUPPI è un disco che parla di amore e di sesso, di politica e di Dio, delle donne e degli uomini.

 

È un disco psichedelico perché è un viaggio dentro, intorno e fuori la coscienza di un uomo e dell’Uomo ed è un disco di musica complessa che arriva dritta al cuore e al cervello.

 

Prodotto da Marco Buccelli e registrato da Ivan Antonio Rossi presso lo Studio Nero di Roma è una raccolta di dieci canzoni dai molteplici livelli di lettura.

 

Dall’alt-rock di Stai Andando Bene Giovanni alla cavalcata r’n’r di Superman, dallo struggente avant-pop di Pirati alla canzone d’autore di Eva (che sarebbe bello sentire cantata da Mia Martini), dalla lucida descrizione del mondo contemporaneo di Conversazione con Marco sui Destini dell’Umanità alla sfrontatezza goliardica di Hai messo in cinta una scema ed Alieno!, fino alle preghiere in musica Tutto l’universo e Il Pilota è vivo.

 

La collaborazione con Antonio Moresco (tra i più importanti ed accreditati scrittori italiani contemporanei) in Lettera a Papa Francesco I – potentissimo inno rock di una portata d’altri tempi – è solo uno degli elementi che sottolineano quanto abbia rilevanza oltre la musica, nelle canzoni di Truppi, la componente letteraria: da ogni canzone emergono vividi personaggi e situazioni che si concretizzano e si insediano nell’immaginazione dell’ascoltatore.

 

“Ho iniziato a scrivere questo disco nel maggio 2013 ed ho finito a giugno 2014, poco prima di iniziare a registrare.

 

L’intenzione era fare un disco con caratteristiche diverse dal precedente sia nei testi che nell’impianto produttivo. Il mondo è come te lo metti in testa tratteggia un personaggio – vero o fittizio che sia – che si racconta attraverso le canzoni, con questo disco volevo rendere le canzoni indipendenti dal personaggio e porle su un piano avanzato rispetto ad esso.

 

Dal punto di vista musicale c’era la voglia di esplorare una dimensione che non fosse quella di band (cosa che di fatto Marco ed io siamo stati negli ultimi anni e che Il mondo è come te lo metti in testa rappresenta) e in questo senso, anche se siamo rimasti fondamentalmente gli stessi (salvo le incursioni di Gabriele Lazzarotti al basso e Beppe Scardino al sax), il modo di lavorare è stato differente: gli arrangiamenti sono più elaborati, ci sono sovraincisioni, abbiamo utilizzato campioni e samples.

 

Sempre nel maggio 2013 ho acquistato un pianoforte verticale.

 

Mentre lavoravo al disco, nel corso dei mesi, gli ho segato le estremità destra e sinistra (legno e ghisa) per ridurne l’estensione e renderlo trasportabile e ho creato – con l’aiuto dell’artigiano romano Daniele Pintaldi che si è innamorato della mia idea – un sistema di pick-up magnetici per poter collegare il piano ad un amplificatore e suonarlo come una chitarra elettrica (il tutto è documentato in un diario fotografico su Twitter).




 

Il piano che si sente nel disco (fatta eccezione per Eva) e che – schiena permettendo – porterò in tour da Gennaio è questo.”

 

 

GIOVANNI TRUPPI | BIO

 

Giovanni Truppi è nato a Napoli nel 1981.

 

Ha pubblicato due dischi: C’è un me dentro di me (CinicoDisincanto/CNI 2010) e Il mondo è come te lo metti in testa (IMiracoli-JabaJabaMusic/Audioglobe 2013).

 

Più di cento concerti in meno di due anni sono i numeri del tour del suo ultimo disco, un crescendo esponenziale dovuto soprattutto al passaparola tra pubblico e addetti ai lavori ed al magnetismo dei suoi live, che lo ha portato a calcare con i suoi set in solo voce e chitarra elettrica palchi come il Carroponte (in apertura a Marta Sui Tubi), l’Alcatraz (in apertura a The Zen Circus) o il Primo Maggio di Taranto.

 

Cantante, chitarrista e pianista come pochi, negli anni la musica di Truppi è stata accostata dai critici agli artisti più disparati (da Jeff Buckley a Giorgio Gaber, da Paolo Conte a Lou Reed) probabilmente per cercare di prendere le misure ad un talento compositivo e performativo completamente inedito nel panorama italiano, che non è riconducibile a nessuna ‘scuola’ pur mostrando di averne digerite molte e che fa della trasversalità e della felice convivenza di opposti uno dei propri tratti distintivi. Rock, avanguardia, e canzone d’autore; poesia e ironia, potenza espressiva e leggerezza, complessità e ingenuità sono i poli attraverso i quali si muovono le sue canzoni.

 

GIOVANNI TRUPPI (Woodworm/Audioglobe 2015) è il suo terzo disco.

 

 

CALCUTTA | BIO

 

Edoardo Calcutta è un giovane di Latina. Dal 2007 fonda e partecipa a centinaia di band fallimentari e rumorosissime nella sua città.

Un giorno decide di fondare con Marco Crypta i Calcutta, duo chimp pop all’italiana, una miscela indie fra Beat Happening e Lucio Battisti.

Il gruppo si esibisce la prima volta al sottoscala 9 come gruppo spalla dei Timber Rattle, conquistando subito i cuori dei presenti.

L’entusiasmo generale li porterà a riempire qualsiasi buco possibile nella programmazione del locale.

Nel 2011 Marco lascia la band e con lui anche la sezione ritmica svanisce, di conseguenza Edoardo si ritroverà solo e cantautore.

Nel 2013 esce il suo primo disco “Forse…” per la romana Geograph.

Suona molto in giro per l’Italia, spesso insieme al suo amico Pop_X e attualmente sta lavorando al secondo disco.

 

 

GIUSEPPE LIUZZI | BIO

 

In principio erano una chitarra acustica, una voce e la curiosità di esplorare la musica britannica. Dopo mesi di prove domestiche, il progetto di Giuseppe Liuzzi nasce ufficialmente nel 2011 con le prime esibizioni nella sua Puglia. Nel 2012, abbracciata la scrittura di brani inediti in italiano, pubblica il suo primo demo, “Via”. Nel maggio 2014, con molte performance ed esperienze in studio alle spalle, abbandona la dimensione solista e si fa affiancare nei live e in sala di registrazione da Vittorio Nacci e Onny Allegretti (rispettivamente chitarra/voce e batterista degli Io Ho Sempre Voglia) e dal bassista Pasquale Annese. Il 2 marzo 2015 dà alle stampe un EP omonimo autoprodotto.

 

 

http://www.giovannitruppi.com/

https://www.facebook.com/pages/Giovanni-Truppi/53744895878

https://soundcloud.com/calcutta-1

https://www.facebook.com/pages/Calcutta-pagina-di/551656621523296

https://www.facebook.com/giuseppeliuzziofficial

http://www.initroma.com/