I live della settimana a ‘Na cosetta (programma dal 17 al 22 marzo)


‘NA COSETTA LIVE

Martedì 17 marzo dalle ore 22:00
SIMONE MI ODIA

Mercoledì 18 marzo dalle ore 22:00
‘NA COSETTA JAZZ
JAM SESSION con Leonardo De Rose, Alessandro D’Anna e Alessandro Presti

Giovedì 19 marzo dalle ore 22:00
HOWBEATSWHY

Venerdì 20 marzo dalle ore 22:00
ENERI

Sabato 21 marzo dalle ore 22:00
DOMENICO IMPERATO

Domenica 22 marzo dalle ore 12:00
ADRIANO BONO EN SOLO
al COLANZO della domenica

via Ettore Giovenale, 54 Roma

– Ingresso gratuito –

Una settimana all’insegna della musica live tra indie rock, jazz e canzone d’autore italiana a ‘Na cosetta, il nuovo bistrot aperto a Roma in zona Pigneto.

Martedì 17 marzo Sul palco di ‘Na cosetta, Simone Stopponi, cantautore, chitarrista, rumorista (Petramante, Pedro Ximenex) – in arte Simone mi odia – presenta “Saturno”, il suo primo full length in uscita il 2 aprile. Il mondo di Simone mi odia prende vita da ricordi infantili, attraversa problemi e pulsioni di tutti i giorni, arrivando a temi universali e planetari, salvo poi abbandonarli per incantarsi su una betoniera che gira, sui messaggi cifrati del mondo onirico o sulla prepotente pareidolia di una fila di piastrelle.

BIOGRAFIA
Simone mi odia è il progetto solista di Simone Stopponi, cantautore, chitarrista, rumorista: nove dischi tra Petramante (in studio con Paolo Benvegnù), Pedro Ximenex, e Il pianto di Rachel cattiva, per Martelabel, Toast Records, Jestrai, ToLoseLaTrack, Storie di Note. Insieme al compositore Arturo Annecchino registra anche la colonna sonora del film “Venuto al mondo” di Sergio Castelllitto. Centinaia di concerti per la penisola, in Europa e Sudamerica, tra cui Arezzo Wave e l’Auditorium Parco della Musica, numerosi opening-act come Subsonica, Dente, Capossela, Asaf Avidan, Bandabardò, Bugo, Diaframma, Mau Mau. Per guadagnarsi il pane vende vino e nel tempo libero, invece di esercitarsi alla chitarra, gestisce un locale di musica live “Il Magazzino” a Orvieto. Il primo ep omonimo, edito da Lilium Produzioni, è composto da 3 pezzi a metà strada tra indie-pop e il cantautorato anni ’70 (Battiato, Dalla, Battisti, Gaetano i nomi di riferimento).
Il 2 aprile arriva Saturno, primo full length di Simone mi odia, in uscita per La Fame Dischi. Dal vivo Simone mi odia si presenta da solo o ben accompagnato dal polistrumentista Francesco Bufalini, Maurizio Freddano al basso e Luca Costantini alla batteria, arricchendo il repertorio originale con riletture di Tenco, Dalla, Fiumani, Endrigo, Battiato, Caputo e bossa nova.

Sito: www.simonemiodia.com
Facebook: https://www.facebook.com/simonemiodia
Twitter: https://twitter.com/simonemiodia
Youtube: http://www.youtube.com/user/simonemiodia
EVENTO FB https://www.facebook.com/events/1607538806142162/

Mercoledì 18 marzo: JAM SESSION con Leonardo De Rose, Alessandro D’Anna e Alessandro Presti. ‘NA COSETTA JAZZ è ormai un appuntamento fisso del Bistrot. Tutti i mercoledì, Alessandro D’Anna alla batteria e Leonardo De Rose al contrabbasso ospitano sul palco diversi artisti dando vita a una jam session che vede protagonisti numerosi jazzisti della capitale e non. Questa settimana ospite d’onore: Alessandro Presti alla tromba.

Alessandro Presti – tromba

Leonardo De Rose – contrabbasso

Alessandro D’Anna – batteria

Giovedì 19 marzo: HOWBEATSWHY (il come batte il perché) è un progetto indie Rock-Pop, fondato dal cantante chitarrista Posho (Giogio Carotenuto) della band romana underground di culto Dispo. Dopo il primo disco Pink Pigeon, il gruppo sta lavorando al nuovo progetto discografico: Blunk. La band è in tour promozionale e a ‘Na cosetta presenterà in anteprima il nuovo disco, per il quale sta lanciando un’originale campagna di crowdfunding.

Blunk presenta nuovi spazi ritmici e melodici grazie all’introduzione di due componenti – Sabrina Coda e Nicoletta Nardi – che conferiscono alla band i connotati di una formazione unica e di forte carattere, grazie all’uso dei sassofoni, dei synth e delle voci femminili.

POSHO (Giorgio Carotenuto) – batteria

NICO (Nicoletta Nardi) – voce e synth

SAB (Sabrina Coda) – sassofoni

PIT (Francesco Pitarra) – batteria

Facebook: https://www.facebook.com/Howbeatswhy
EVENTO FB https://www.facebook.com/events/784724698270944/

Venerdì 20 marzo arriva in tour al Pigneto la cantautrice salentina Irene Bello in arte ENERI. Il salotto musicale di ‘Na cosetta sarà avvolto da atmosfere metropolitane, sonorità jazz ed etniche. Eneri narra di storie di vita, e lo fa accompagnandosi ad un pianoforte. La sua è una musica d’oltreoceano contaminata dai ritmi della sua terra, New York e il Salento, un personale percorso che va dalla ricca tradizione cantautorale femminile americana (Tori Amos, Fiona Apple, Ani DiFranco), fino a personalizzarne i canoni di genere, innestandovi elementi etnici, propri alla tradizione salentina. Il groove ricercato sposa una voce dalle tonalità chiaro scure che scava nell’intimo, esprimendosi dall’italiano all’inglese, al francese; la sua musica è ancorata agli appigli di una scrittura interiore intima e impalpabile.

Eneri (Irene Bello) – voce e tastiere

BIOGRAFIA

Quello di Eneri è un percorso musicale che la vede nelle vesti di cantautrice/compositrice/arrangiatrice dopo gli studi di pianoforte classico. Inizia successivamente un percorso musicale dettato da influenze che vanno dal moderno al jazz, ampliando le sue conoscenze laureandosi presso la facoltà di Conservazione dei Beni Musicali, dell’Università di Lecce. Col tempo si avvicina anche ad altri strumenti (chitarra e percussioni etniche). Ha studiato per 10 anni danza classica e moderna. Ha frequentato un corso di improvvisazione teatrale e interpretazione, tenuta da professionisti di una scuola romana, e applicato successivamente allo studio del canto moderno. Collabora con giovani registi salentini per la realizzazione di colonne sonore per cortometraggi. Ha collaborato con la casa discografica Universal per la realizzazione del singolo “L’Infinito”, premiato come miglior brano secondo il DaBomb, magazine ufficiale dell’ Hip Hop in Italia. Vince il concorso nazionale Fanote. Partecipa a meeting interculturali in Francia organizzato da Melting Potes Music e qui collabora con musicisti internazionali. Ha collaborato come autrice/compositrice/arrangiatrice presso l’Accademia del Suono di Milano, ed ha in attivo la roduzione del suo disco insieme alla Dasè Sound Lab Records (MI) e la Parole e Dintorni (MI). E’ autrice di testi e musiche del suo progetto musicale “Eneri”;scrive in lingua italiana, inglese e francese, i testi sono accompagnati da una musica d’oltreoceano che non manca di elementi caratteristici della sua terra. Si esibisce in due formazioni: da sola (piano/voce) o accompagnata dal suo percussionista Roberto Chiga (Piano/voce + tamburi a cornice/cajon). Ha alle spalle una ricca esperienza di concerti live in giro per l’Italia e all’estero. Apre molti concerti importanti, ultimi quelli di Christiano De Andrè, Daniele Silvestri, Cristina Donà, Le luci della centrale elettrica e Paola. E’ voce femminile e seconda chitarra del “progettomusicaledeandrè”, in scena in vari teatri d’Italia, accanto al maestro Ellade Bandini (batterista storico di Fabrizio De Andrè) e Mariella Nava.. Tra le varie performance è stata rappresentante salentina della musica euromediterranea presso il prestigioso festival musicale Adriaticomediterraneo di Ancona, ospite del Circo Teatro Distratto di Empoli, ospite al Jazz Wine Festival accanto a grandi artisti come Fabrizio Bosso, e Kelly Joice, ha partecipato al prestigioso evento Piano City accanto a nomi come Paolo Jannacci e Raphael Gualazzi.




Sito: http://eneriofficial.it/
Facebook: https://www.facebook.com/pages/ENERI/194638039360
Youtube: http://www.youtube.it/enerisong

Sabato 21 marzo Dall’Abruzzo arriva al Pigneto Domenico Imperato, cantautore vincitore del Premio Fabrizio De Andrè 2014, nella sezione Canzone d’Autore. Sul palco di ‘Na cosetta, Imperato propone in trio il suo disco d’esordio “Postura Libera”, pubblicato a luglio 2014. Da molti il suo stile è definito “Tropicalismo Mediterraneo”, per il suo particolarissimo modo di cantare, comporre e suonare la chitarra. Il suo album è stato prodotto e registrato in Brasile ed è stato segnalato tra le candidature per il Premio Tenco nella sezione miglior disco d’esordio; in pochi mesi ha ricevuto ottime recensioni nel panorama musicale indipendente.

Domenico Imperato – voce e chitarra

Nicola Di Camillo – contrabbasso

Bruno Marcozzi – batteria

Sito: http://www.domenicoimperato.com/
Facebook: https://www.facebook.com/domenicoimperatomusic

Domenica 22 marzo, a mezzogiorno, Adriano Bono calca il palco di ‘Na cosetta in versione one-man-band. Con tono confidenziale e affabulatorio, in stile menestrello, con ukulele e sonagli alle caviglie, Bono offre un “colanzo” dal sapore decisamente balcanico e turbo-folk.

Nel salotto musicale, il cantastorie inizierà in maniera poetica con qualche sonetto messo in musica di Giuseppe Gioachino Belli, per poi virare, in base all’ispirazione del momento, verso l’altra specialità della casa: un viaggio nella musica Giamaicana. Adriano Bono en solo, spazia dai classici del Calypso, del Rocksteady e dello Ska, fino ai brani originali scritti per il Reggae Circus o risalenti al periodo Radici Nel Cemento.

Il rischio che la mattinata si trasformi in una festa danzante è alto, l’obiettivo del cantante è chiudere lo show con l’ormai celebre limbo-contest.

Il colanzo – brunch all’italiana, tra un buffet di cucina dolce e salata, – è ormai l’appuntamento fisso della domenica mattina a ‘Na cosetta, il nuovo bistrot aperto a Roma in zona Pigneto.

L’ingresso a ‘Na cosetta è GRATUITO

IL COLANZO DELLA DOMENICA è ALL YOU CAN EAT! Costa 13,00 € con consumazione alcolica, 10,00 € con consumazione analcolica.

ADRIANO BONO

BIOGRAFIA

Autore, cantante, polistrumentista, organizzatore di eventi e produttore dalle mille anime musicali, direttore, ring master e domatore di leoni nel Reggae Circus.

Nell’autunno del 2009 divorzia dal collettivo Radici Nel Cemento, storica band della scena reggae-ska-dub Italiana, della quale dal 1993 era stato fondatore, cantante e autore. Nello stesso periodo fonda e milita anche ne La Tribù Acustica, un delizioso set di musica calypso con il quale pubblica due album, uno dei quali, IN THIS TIME, insieme a una delle leggende del reggae mondiale: Max Romeo.

Con queste due formazioni ha pubblicato 8 album, eseguito qualcosa come 1.000 concerti, collaborato con artisti di fama internazionale (Max Romeo, Alton Ellis, Fermin Muguruza e molti altri), firmando e portando al successo piccoli grandi successi come Bella Ciccia (inno contro l’anoressia), M’Illumino Di Meno (sigla ufficiale dell’edizione 2007 della Festa Del Risparmio Energetico indetta dal popolare programma radiofonico di Rai2 Caterpillar), Alla Rovescia, Ansai Come Ce Piace, Er Traffico De Roma, Me Ne Vojo Annà, Cicileu, Echelon, Pappa E Ciccia, Il Paese Di Pulcinella, Siamo Tutti Omosessuali, La Bicicletta, solo per citarne alcuni.

Dal 2002 al 2007 gestisce allegramente anche un fallimentare negozio di dischi a Fiumicino, che è costretto a chiudere per “manifesta inferiorità” nei confronti del nuovo enorme centro commerciale sorto proprio dietro l’angolo, esperienza che comunque lo arricchisce enormemente sul piano umano e musicale.

Nell’autunno del 2008 vara un progettino chiamato Adriano Bono e La Minima Orchestra, una fomazione snella e agilissima, specializzata in esecuzioni estemporanee e improbabili come serenate, Limbo-contest, matrimoni balcanici, busker-festival, pub e vinerie, centri anziani e bocciofile, raduni surf, bikini party sulla spiaggia e quant’altro, senza però disprezzare affatto anche i palchi di importanti Festival. Dal 2009 è l’ideatore e il direttore artistico di uno spettacolo itinerante chimato THE REGGAE CIRCUS di Adriano Bono che sta già strabiliando il mondo con il suo mix di musica Reggae e arte circense.

Nel Settemre del 2012 esce il suo primo disco solista, a nome Adriano Bono e la Banda De Piazza Montanara, intitolato ‘996 Vol.1′ e interamente dedicato ai sonetti romaneschi di Giuseppe Gioachino Belli.

Dal 2009 ha collaborato strettamente con Greenpeace Italia alla realizzazione di diversi singoli musicali a supporto di diverse campagne mediatiche insieme ad artisti come Alessandro Mannarino, 99Posse, Radiodervish, Assalti Frontali e molti altri.

E’ inoltre un pioniere della scena ukulelistica Italiana e l’organizzatore di un raduno ukulelistico con cadenza vagamente mensile chiamato BIG UKULELE NIGHT.

E’ anche un valente menestrello specializzato in spettacoli “en solo”, one-man-band, un set con il quale gira l’Italia in lungo e in largo passando da minuscoli secret-show a palchi di live club e festival.

Per il resto, è un maniaco della bicicletta (intesa come mezzo di locomozione e stile di vita), segue una dieta prevalentemente fruttariana e crede che il futuro sia Vegan, si diletta di boxe amatoriale, è felicemente sposato (con rito balcanico) e padre di due gatti Sphynx, ama la letteratura, il cinema e l’arte in genere, insieme alll’astronomia e tante altre cose. Insomma, per farla breve, è un perfetto disadattato.

‘Na cosetta è un bistrot nato per iniziativa di Luca Bonafede (già chef e socio del Fanfulla), di Angelo Cocchini (barman storico del Necci), Chiara Ioele e Stefano Cicconardi (proprietari dell’agenzia di comunicazione Kook). I soci, tutti trentenni, hanno scelto di creare un locale in grado di proporre e sperimentare nuovi abbinamenti tra socialità, ricercatezza enogastronomica e live show. A soli due mesi dall’apertura, il bistrot ha già ospitato numerose formazioni live muovendosi tra jazz, soul&funk e cantautori italiani e internazionali.

‘Na Cosetta

via Ettore Giovenale, 54 Roma

06.45598326

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/nacosetta

Ufficio stampa

Fabrizia Ferrazzoli

333.2985368

– Ingresso gratuito –