‘Na Cosetta Live, i concerti della settimana: il 29 maggio Paolo Benvegnù


‘NA COSETTA LIVE
Concerti 23 – 29 maggio
Via Ettore Giovenale, 54
Roma – Pigneto
Inizio concerti ore 22:00
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA AL NUMERO 06.45598326
www.nacosetta.com
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/nacosetta
– INGRESSO GRATUITO –

Lunedì 23 maggio
OPEN SWING LAB
L’appuntamento settimanale con il laboratorio sperimentale di swing tra jam session e lindy hop a cura di Giorgio Cùscito

Martedì 24 maggio
PINO MARINO

Mercoledì 25 maggio
‘NA COSETTA JAZZ con ACHILLE SUCCI QUARTET

Giovedì 26 maggio
TOM ARMATI E I DISARMATI

Venerdì 27 maggio
SERENA ABRAMI

Sabato 28 maggio
EMMET RAY MANOUCHE ORKESTRA

Domenica 29 maggio
CONCERTO/EVENTO!
PAOLO BENVEGNÙ in “CRONOILLOGICAL SOLITUDO”

Lunedì 23 maggio
OPEN SWING LAB
L’appuntamento settimanale con il laboratorio sperimentale di swing tra jam session e lindy hop a cura di Giorgio Cùscito

‘Na cosetta tutti i lunedì sera diventa OPEN SWING LAB, l’unico originale “gruppo di studio” degli stili del jazz classico e dello swing.
Un appuntamento fisso dedicato ai musicisti di qualsiasi estrazione e ai ballerini di lindy hop. Il salotto del bistrot, animato da musicisti e lindy hoppers, si trasforma in un grande laboratorio dove il jazz – suonato e raccontato – riscopre una delle sue declinazioni più antiche: la danza. Open Swing Lab è infatti più di una jam session, si tratta di una vera e propria scuola di musica a palco aperto. Direttore dei lavori, il sassofonista Giorgio Cùscito, consacrato durante il Roma Jazz Festival 2014 “Ambasciatore dello swing a Roma”, con lui sul palco Gino Cardamone alla chitarra e Giuseppe Talone al contrabbasso. Dopo il primo set, il trio diventa open swing lab e partecipano alla musica nomi noti del panorama jazzistico e ballerini di lindy hop, pronti a cimentarsi nella scoperta di un nuovo linguaggio.

Primo set
Giorgio Cùscito – sax tenore
Gino Cardamone – chitarra
Giuseppe Talone – contrabbasso

Secondo set: OPEN SWING LAB

Martedì 24 maggio
PINO MARINO

Un concerto “Capolavoro” con la musica e la poesia di uno dei cantautori più preziosi della scena contemporanea italiana. Pino Marino arriva finalmente sul palco di ‘na cosetta con i brani del suo quarto disco CAPOLAVORO (2015 – ALTIPIANI – DISTR. AUDIOGLOBE) e con qualche sorpresa che sa di inedito. Vincitore del Premio Ciampi a Livorno con “Dispari” – miglior disco di esordio nel 2000 – seguito da “Non Bastano i Fiori” nel 2003 e da “Acqua Luce e Gas” nel 2005 – vincitore del Premio Lunezia Elite per il valore musical letterario dell’opera nel 2006 e finalista per il Premio Tenco come miglior album, insieme a quelli di Francesco De Gregori, Samuele Bersani, Baustelle e Vinicio Capossela, Pino Marino calca il palco del club accompagnato da Fabrizio Fratepietro, Andrea Ruggiero e Emiliano Bonafede. Insieme ripercorreranno le tracce del suo repertorio e le canzoni del nuovo disco, dall’omaggio a Pier Paolo Pasolini con “Io so” a “L’amore non ricorda”, canzone scritta a quattro mani con Andrea Pesce, da “Dimenticare il Pane”, singolo apripista della raccolta presentato con un video di Federico Annicchiarico e la regia di Giorgina P, a “Non basterà”, prossimo singolo con videoclip in lavorazione.
Una serata intima tra la magia della canzone, l’improvvisazione e la teatralità che da sempre contraddistingue Pino Marino nei suoi “Concertacoli”.

Pino Marino: Piano / Chitarra acustica / voce / armoniche e mangianastri
Fabrizio Fratepietro: Batteria/elettronica/basso elettrico/voce
Andrea Ruggiero: Violino / pianoforte / basso elettrico / voce
Emiliano Bonafede: Chitarra elettrica e acustica / basso elettrico

Biografia e approfondimenti sul disco a questo link:
http://www.bigtimeweb.it/pino-marino

Mercoledì 25 maggio
‘NA COSETTA JAZZ con Achille Succi Quartet
Jam session con ospiti speciali diretta da Alessandro D’anna e Leonardo De Rose

Il bistrot del Pigneto diventa, come ogni mercoledì sera, un vero e proprio jazz club con luci soffuse e cocktail ispirati alle atmosfere newyorchesi della “cinquantaduesima strada”. Alessandro D’Anna alla batteria e Leonardo De Rose al contrabbasso sono i padroni di casa e, sulle note degli standard della storia del jazz, coinvolgono numerosi musicisti della capitale e non solo in una jam session. Ogni appuntamento ha uno o più ospiti speciali stasera, durante il primo set, Achille Succi al clarinetto basso, Danilo Blaiotta al pianoforte e Stefano Battaglia al contrabbasso calcano il palco del club accompagnati da Alessandro D’Anna alla batteria. Nel secondo set si apre la jam e inizia il momento dedicato all’incontro, alle aperture, alle sperimentazioni e alle contaminazioni.

Achille Succi, clarinetto basso
Danilo Blaiotta, pianoforte
Stefano Battaglia, contrabbasso
Alessandro D’Anna, batteria

Giovedì 26 maggio
TOM ARMATI E I DISARMATI

“Nei migliori negozi di dischi” è il titolo del primo EP di Tom Armati, una manciata di canzoni pop che attingono con ironia pungente e disinvolta a paradossi, emblemi e grattacapi della vita quotidiana. Un Ep di canzoni italiane con una musicalità che strizza l’occhio alla tradizione pop britannica. Tom è abile nel trovare le parole giuste per descrivere stati d’animo e condizioni in cui riconoscersi o disconoscersi. Una sorniona consapevolezza nei testi che si miscela abilmente a melodie che già al primo ascolto ti si
appiccicano addosso. Dopo una lunga militanza come bassista e autore nel rock sperimentale degli Alfaprivativo, Tom decide di dare spazio alla sua vocazione cantautorale e di creare nuovi brani. Nel 2010 valigia alla mano e chitarra in spalla parte per la volta di Glasgow dove resterà un anno esibendosi in diverse serate Open Mic, cantando cover e brani originali. Il confronto con la realtà artistica della città scozzese lascia il segno e tornato a Roma decide di dedicare sempre più tempo e passione al suo progetto solista. I suoi brani cercano di unire l’ironia e l’intimità di situazioni quotidiane ad una miscela musicale aperta a varie influenze stilistiche, unendo il pop più tradizionale a virate folk, blues e rock e trovando il riscontro positivo nel pubblico nei principali palchi della Capitale. Le sue canzoni sono canticchiate da quelli che odiano l’aria condizionata, hanno contratti a progetto o si svegliano ogni mattina con il blues. Fanno sorridere e ogni tanto anche riflettere.




Venerdì 27 maggio
SERENA ABRAMI

La cantautrice marchigiana Serena Abrami dopo il successo di “Lontano da tutto” torna con un nuovo disco d’inediti in uscita il prossimo autunno e anticipato dal video del singolo CREDO. Serena ha collaborato con Max Gazzè nel singolo “Scende la pioggia (da un’ora)” e Tommaso Cerasuolo dei Perturbazione nel brano “Ottobre”. Rocco Papaleo ha diretto il suo primo videoclip (Lontano da tutto) con la partecipazione dell’attore Paolo Briguglia. Ha interpretato brani scritti per lei da Ivano Fossati (“Tutto da rifare”, contenuto nel suo primo album e nella compilation “Pensiero stupendo – Le canzoni di Ivano Fossati interpretate dai più grandi artisti italiani”) e da Niccolò Fabi (“Lontano da tutto”, con cui si classifica quarta al Festival di Sanremo 2011). A gennaio 2016 si sono concluse le registrazioni del secondo album, lavoro che distanzia il primo di ben cinque anni. Durante questo periodo, Serena si è dedicata alla scrittura di nuove canzoni, a diversi progetti teatrali, alla ricerca etno-vocale collaborando con musicisti della scena italiana e straniera. Ad oggi, con la sua band, mescola esperienze diverse ed atmosfere che strizzano l’occhio al BritPop così come alla musica indipendente italiana. Il nuovo disco è una produzione di Ale Bavo, Filo Q e Steve Lyon. Serena Abrami calca il palco di ‘na cosetta in tour tra vecchi e nuovi successi e qualche anticipazione; ad accompagnarla in questo viaggio i musicisti con cui ha registrato il disco e con cui condivide i palchi da diversi anni: Enrico Vitali (Bankey Moon, Disorder) alla chitarra, Marcello Piccinini (Dardust, Beatrice Antonini) alla batteria, Mauro Rosati (Epo, Unorsòminore) al piano e synth.

Sabato 28 maggio
EMMET RAY MANOUCHE ORKESTRA

Una nuovissima orchestra jazz-manouche formata da alcuni dei principali esponenti romani del genere. Otto musicisti uniti dalla musica di Django e di Emmet Ray.

Emmet Ray – personaggio immaginario interpretato dal grande Sean Penn per il film di Woody Allen “Sweet and Lowdown” (Accordi e Disaccordi) – è il musicista manouche per antonomasia. Nottambulo e poetico, con la chitarra sempre in mano, una sigaretta o un whisky nell’altra ed una vera e propria venerazione per Django Reinhardt, colui che inventò il genere “jazz manouche” nella Parigi degli anni Trenta.
È nel nome di Emmet Ray e quindi di fatto nel nome di Django che nasce una nuova orchestra di 8 musicisti in grado di spaziare dai tradizionali standars del genere fino alla musica italiana più attuale.
Da un’idea del cantautore swing Piji, per la prima volta alcuni tra i migliori artisti jazz manouche della capitale si uniscono in un grande progetto corale nato dalle diverse esperienze: un’orchestra – con 2 contrabbassi, 5 chitarre, un clarinetto e una voce – da ascoltare con attenzione o da ballare sfrenatamente con swing, capace di stupire con un ricco cocktail di colori e repertori diversi, con raffinatezza e allegria, con virtuosismo e passione, regalando a chi ascolta un entusiasmo davvero contagioso.
La nuovissima “Emmet Ray Manouche Orkestra” ha avuto pochissime uscite live, ma tutte molto prestigiose: è stata ospite dell’Edicola Fiore di Fiorello, ha tenuto un grande concerto per il Festival del Jazz Tradizionale di Lanciano ed ha avuto una prima romana al Cotton Club registrando “sold out”. Il 28 maggio tornerà live nel salotto di ‘na cosetta.

PIJI – VOCE, CHITARRA RITMICA
GIAN PIERO LO PICCOLO – CLARINETTO
MORENO VIGLIONE – CHITARRA SOLISTA
AUGUSTO CRENI – CHITARRA SOLISTA
GABRIELE GIOVANNINI – CHITARRA SOLISTA
GIANFRANCO MALORGIO – CHITARRA RITMICA
RENATO GATTONE – CONTRABBASSO
GIUSEPPE CIVILETTI – CONTRABBASSO

Domenica 29 maggio
CONCERTO/EVENTO
PAOLO BENVEGNÙ in “CRONOILLOGICAL SOLITUDO”

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Paolo Benvegnù, in assoluto uno degli artisti più preziosi della musica italiana, arriva il 29 maggio in versione acustica sul palco di ‘na cosetta, con il concerto dal titolo “Cronoillogical solitudo”. Dopo il tour per “Earth Hotel” (Woodworm 2014), Paolo Benvegnù è ora in viaggio con il tour Europeo (ELECTROMECHANICAL EUROPEAN TOUR), grazie al quale sta toccando città come Parigi, Amsterdam, Berlino e Bruxelles. Tra una tappa e l’altra, in attesa del nuovo album, il cantautore lascia la sua band e regala al suo pubblico un mini tour acustico – Cronoillogical solitudo tour – nei club italiani. Un concerto intimo per salutare ed incontrare tutti prima di iniziare i lavori del nuovo disco. Un concerto evento in cui è possibile esplorare da molto vicino l’arte e la poetica di Benvegnù in uno dei momenti più maturi della sua carriera in cui conferma una capacità notevolissima di scrittura, musicale e lirica, che lo elegge di diritto tra i migliori artisti del nostro Paese. Sul palco Benvegnù porterà i brani tratti dall’ultimo album, Earth Hotel e i pezzi più significativi della sua lunga carriera.

###
‘Na cosetta è un bistrot all’italiana che sperimenta nuovi abbinamenti tra socialità, ricercatezza enogastronomica e live show ispirandosi ai club newyorchesi.
Chiara, Angelo, Luca e Stefano sono i padroni di casa: due pubblicitari, uno chef e un barman al lavoro per ricreare un’atmosfera familiare tra libri per il bookcrossing, divani accoglienti, wi-fi free per il coworking, un tavolo da ping pong per i più sportivi e un palco per ospitare musicisti nazionali e internazionali.
Il locale, aperto a dicembre 2014, si trova a Roma est, nel cuore del Pigneto off, quartiere popolare della capitale raccontato da Pasolini e oggi conosciuto e frequentato per le opere a cielo aperto di street art, i vintage shop, le piccole librerie e i numerosi club che animano la vita notturna.
‘Na cosetta è aperto sette giorni su sette, dalla mattina fino a tarda notte.
Tutte le sere, i piatti sono serviti con musica live. La programmazione è particolarmente orientata verso proposte legate a etichette indipendenti, i generi spaziano dal cantautorato al rock, dall’elettronica al jazz fino ad arrivare al manouche e a rassegne dedicate a racconti inediti di volti noti del panorama musicale.

‘Na Cosetta
Via Ettore Giovenale, 54 Roma (Pigneto)
Ingresso gratuito
Aperti tutti i giorni dalle 10:00 fino a tarda notte
Colazione, co-working, pranzo, cena
Inizio concerti dalle ore 22:00
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA AL NUMERO 06.45598326
www.nacosetta.com
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/nacosetta