I Concerti nel Parco 2016


I CONCERTI NEL PARCO, ESTATE 2016
ROMA, CASA DEL JAZZ – VILLA ADA
7 LUGLIO– 3 AGOSTO 2016

XXVI EDIZIONE DEL FESTIVAL I CONCERTI NEL PARCO 2016

Nonostante le mille difficoltà, in un’estate tormentata per i festival storici, I Concerti nel Parco pur con una programmazione ridotta, mantiene intatto il livello di qualità e originalità delle sue proposte.

Il jazz raffinato di Paolo Fresu, il consueto omaggio alla tradizione classica della canzone napoletana con Peppe Servillo e i Solis String, il latin jazz esplosivo e solare di Gonzalo Rubalcaba, la canzone d’autore al femminile di De André rivisitata da un gruppo formidabile composto da Cristina Donà, Rita Marcotutlli, Enzo Pietropaoli, Fabrizio Bosso e Javier Girotto, una giovane orchestra in bilico tra classica e leggera, la nuova comicità di Edoardo Ferrario, un omaggio al grande Frank Zappa con special guest Antonello Salis, per chiudere in bellezza con la voce celestiale di Arisa.

Il Festival, I Concerti nel Parco, Estate 2016, giunto alla sua ventiseiesima edizione si svolgerà a Roma, invece che nell’usuale cornice di Villa Pamphilj, per la prima volta alla Casa del Jazz dal 7 luglio al 2 agosto ed avrà una grande serata conclusiva il 3 agosto a Villa Ada.

Le fonti economiche di sostegno ipotizzate provengono dal MIBACT Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo e dalla Regione Lazio, Assessorato Cultura e Politiche Giovanili nonché dagli introiti di botteghino. Il Mibact ha già assicurato al festival un contributo essendo esso inserito nella programmazione triennale 2015/2017, la Regione Lazio si dovrà esprimere prossimamente sulla richieste di contributo già presentata per il 2016 .

Il festival si svolgerà questa edizione 2016 tra Casa del Jazz e Villa Ada, non essendosi quest’anno create le condizioni economiche, organizzative e procedurali per programmare l’estate di spettacolo a Villa Pamphilj. Da una parte, in mancanza di entrate commerciali, l’impossibilità di sostenere interamente in autonomia il peso economico degli allestimenti esterni, e dall’altra la mancanza delle necessarie tempistiche per la richiesta delle autorizzazioni necessarie all’occupazione dell’area pubblica. Si ringrazia la Casa del Jazz, l’Azienda Speciale Palaexpo ed in particolare Luciano Linzi, per la disponibilità dimostrata nell’accoglienza dei nostri concerti a Casa del Jazz.

Teresa Azzaro, direttore artistico della manifestazione, nella dichiarazione allegata comunica le motivazioni della presentazione di un cartellone ridotto rispetto a quello programmato per la XXVI edizione del festival I Concerti nel Parco Estate 2016.

Sette eventi nella splendida cornice della Casa del Jazz, che ringraziamo per la disponibilità all’accoglienza dei nostri eventi ed il concerto di chiusura a Villa Ada, per un totale di otto produzioni originali, in prima assoluta o prima romana, che oltrepassano i generi con particolare attenzione alla qualità ma anche all’innovazione, com’è consuetudine per il Festival. Altri quattro sono gli eventi già programmati ma la cui realizzazione è stata posposta tra settembre ed ottobre 2016, sempre per le motivazioni espresse nella dichiarazione allegata.

Grande inaugurazione il 7 luglio alla CASA del JAZZ con PAOLO FRESU in un trio d’eccezione con il pianista Bojan Z e il trombonista Gianluca Petrella, in Prima assoluta. Un trio nato dall’incontro di due “duo” formatisi in occasioni diverse ma accomunati dallo stesso enorme successo, e che riassume al meglio la linfa vitale di entrambe le figurazioni sonore trovando nell’energia interpretativa la propria ragione di essere. Davvero travolgenti, creativi e immensamente comunicativi, questi tre eroi del suono moderno non faticano nemmeno un momento per conquistare e affascinare ogni tipo di pubblico. I tre si divertono e riescono a divertire, attraversando territori di assoluta originalità, toccando “sacri” standard della storia della musica afro-americana e brani originali da loro arrangiati e perfezionati. Nel classico triangolo “standard – brani originali e libera improvvisazione”, la musica del trio sembra fluire con naturalezza massima, spinta da una parte dalla sorprendente ed esaustiva energia del pianista di Belgrado, dall’altra dalle architetture vulcaniche del trombonista pugliese, il tutto amalgamato dalla sempre magica naturalezza musicale di Paolo Fresu.

L’8 luglio, sempre in Prima assoluta, alla CASA del JAZZ Edoardo Ferrario Show il nuovo spettacolo di EDOARDO FERRARIO, stand-up comedian che spazia dalla televisione al web alla radio, uno dei talenti più giovani del panorama italiano della comicità. Ha ottenuto l’attenzione dei media e del pubblico grazie alla web serie “Esami” e per la sua versione di Romeo e Giulietta ai tempi di Gomorra. Il suo nuovo spettacolo è un monologo animato da personaggi assurdi quanto familiari, dagli assistenti universitari e gli studenti di “Esami” passando per frati trappisti, organizzatori di sagre paesane, segretarie dell’antica Atene, giovani storici dell’arte, criminali umbri, odontoiatre quarantenni, proprietari di compro oro dal fosco passato fino allo zio di Bob Dylan. Una serata di monologhi e nuovi personaggi ispirati alla folle realtà del quotidiano, sempre più surreale ed imprevedibile.

Il 14 luglio, in Prima assoluta, alla CASA del JAZZ, Leggermente classica lo spettacolo dell’ORCHESTRA GIOVANILE DI ROMA con la cantante MARGHERITA VICARIO e il chitarrista GIAN MARCO CIAMPA. “Leggermente Classica” propone un viaggio alternativo nella musica attraverso esecuzioni di brani classici in versione originale e arrangiamenti ed elaborazioni in “chiave classica” di brani di musica d’autore italiana ed internazionale. L’esecuzione è affidata all’Orchestra Giovanile di Roma, (prestigiosa orchestra giovanile romana costituita da 45 elementi) diretta dal M° Vincenzo Di Benedetto, alla chitarra di Gian Marco Ciampa e all’intrigante personalità di Margherita Vicario, che proporrà anche alcuni brani da lei composti. Il programma spazia da J.S. Bach, a Tarrega, da Silvestri a G. Rossini, da Aranjuez a Vivaldi, da Paul McCartney a John Lennon, da Battisti a Jovanotti. Musica classica e musica leggera d’autore sono da sempre visti come due mondi paralleli. Invece succede che Gian Marco Ciampa, giovane astro nascente della chitarra classica italiana, già vincitore di numerosi concorsi internazionali, e Margherita Vicario, attrice e cantautrice di riferimento della nuova generazione, decidano di unirsi per dar vita a uno spettacolo sorprendente che fa incontrare questi due linguaggi musicali.

Il 23 luglio ancora una Prima a Roma alla CASA del JAZZ, Amore che vieni, amore che vai, un nuovo progetto-omaggio a Fabrizio de Andrè dedicato alle donne delle sue canzoni ma non solo, da parte di un gruppo di musicisti di grande talento e spessore artistico: CRISTINA DONA’, RITA MARCOTULLI, ENZO PIETROPAOLI, FABRIZIO BOSSO e JAVIER GIROTTO.
La poetica di Fabrizio De André era una poetica colta, curiosa della vita, attenta al mondo e alle sue ingiustizie e gran parte di essa era dedicata alle donne. Tutte. A quelle che volano, che piangono; che amano riamate o che vengono lasciate e diventano storie struggenti… quelle che creano il mondo, lo amano ma vorrebbero cambiarlo per essere felici. Paul Eluard ha scritto: “ci sono parole che aiutano a vivere e sono parole innocenti” e le parole dedicate da Faber alle donne sono tutte parole innocenti: da Maria a Boccadirosa.

Il 24 luglio ancora una Prima assoluta alla CASA del JAZZ con degli habitué del festival, PEPPE SERVILLO & SOLIS STRING QUARTET e il loro nuovo progetto Presentimento. A distanza di tre anni da “Spassiunatamente” che aveva visto per la prima volta Peppe Servillo ed i Solis String Quartet affrontare con dovuto rispetto capolavori della canzone classica napoletana, “Presentimento” può essere considerato a tutti gli effetti la naturale prosecuzione di un progetto che spazia all’interno di un immenso panorama musicale senza cercare di circoscriverlo ad un periodo o ad un autore. Da Gil a Viviani, da E. A. Mario a Cioffi/Pisano, da Scalinatella a Mmiez’o grano, la lista di autori e canzoni si inseguono e si incastrano con rigore regalando uno spettacolo a 360° che tocca musica, teatro e … cuore! Quella del presentire è spesso la condizione degli artisti, dei narratori, come dei poeti autori di queste canzoni che nei loro versi presentono e annunciano segreti, presenze, tradimenti, ciò che di nuovo potrebbe accadere o si vorrebbe accadesse.




Il 28 luglio, in esclusiva, unica data a Roma, alla CASA del JAZZ il Volcan Trio, un potente e irruento super trio latin jazz formato da GONZALO RUBALCABA, ARMANDO GOLA, HORACIO “el negro” HERNANDEZ. È una band di prodigiosi musicisti legati da una grande amicizia ognuno dotato di un vastissimo bagaglio musicale. Gonzalo Rubalcaba, eccezionale pianista, nato nel 1963 nell’Avana post-rivoluzionaria, è diventato una vera icona del mondo jazz moderno. Vanta ben otto nomination ai Grammy e ha sicuramente dimostrato di essere una forza consolidata nel mondo del jazz moderno. Talentuoso in ogni stile musicale, le sue creazioni sono melodiose, ritmiche ed emozionanti. Horacio ‘El Negro’ Hernandez rappresenta una nuova generazione d’interpreti dopo i conterranei Arturo Sandoval, Paquito D’Rivera, Ignacio Berroa e altri. Il suo stile alla batteria riflette anche una fiera eredità culturale che ha le radici nella tradizione popolare. Jose Armando Gola, anche lui nativo de L’Avana, ha vinto due Grammy – con Arturo Sandoval e Alejandro Sanz – e ha suonato con Ignacio Berroa e con la pop star Jennifer Lopez. Terra, aria, vento e fuoco sono gli elementi che interagiscono in un vulcano e a cui il trio dedica questo progetto.

Il 2 agosto, in Prima Assoluta, ultimo spettacolo alla CASA del JAZZ, RICCARDO FASSI – TANKIO BAND plays the music of FRANK ZAPPA special guest ANTONELLO SALIS, uno dei progetti più interessanti su Frank Zappa, tra i tanti realizzati dalla scomparsa del genio di Baltimora. Il compositore, arrangiatore e raffinato musicista jazz Riccardo Fassi e la sua Tankio Band dedicarono un cd al Maestro già subito dopo la sua morte. Ora tornano con il nuovo progetto “in concerto”, un appuntamento imperdibile per gli amanti di Zappa, di Fassi e della grande musica, con la presenza di un musicista ‘zappiano’ storico come Antonello Salis. Frank Zappa è sicuramente una delle figure più interessanti e discusse del panorama musicale contemporaneo. In quasi 30 anni di attività ha scritto, suonato ed inciso una grande varietà di musiche dando un enorme contributo all’evoluzione non solo del rock, ma di tutta la musica moderna. Il programma prevede l’esecuzione delle più importanti pagine ‘zappiane’ dagli anni dell’esordio ad oggi. La Tankio Band affronta il poliedrico universo di Zappa con verve ed ironia, dandone una nuova personalissima chiave di lettura.

Grande chiusura il 3 agosto a VILLA ADA con ARISA che torna a Roma dopo due anni di assenza con il live Voce d’Estate. Dopo la vittoria del 2009 con “Sincerità”, quella del 2014 con “Controvento” e il secondo posto de “La notte” nel 2012, è stata co-conduttrice del Festival di Sanremo nel 2015 assieme a Conti. Nel 2016 Arisa è tornata in gara al Festival di Sanremo con “Guardando il cielo”, canzone di rara magia e intensità scritta da Giuseppe Anastasi e che ha anticipato l’omonimo disco d’inediti pubblicato 12 febbraio. Dalla passione alla speranza e all’Universo, l’album è espressione del desiderio dell’artista di ricongiungersi con la natura. Nei suoi cinque album Arisa ha parlato di amori, felici e infelici, dolore, sincerità, bizzarri tradimenti, democrazia, pace, condominii, Terra e Cielo. Per Arisa è importante che nelle sue canzoni ci sia sempre un messaggio: “Vorrei essere testimone di un vissuto che possa arricchire la vita degli altri. Sono sempre più convinta che l’arte sia l’unico mezzo per cambiare il mondo.”

A seguire i quattro spettacoli già programmati ma la cui realizzazione è stata posposta, in relazione agli esiti della richiesta di contributo presentata alla Regione Lazio.

RossinTesta il nuovo spettacolo di PAOLO ROSSI con I VIRTUOSI DEL CARSO e le musiche di Gianmaria Testa. La poesia del cantautore prova ad abitare la satira dell’attore in un progetto speciale ideato e pensato da Teatro Colosseo e Produzioni Fuorivia. Paolo Rossi, il più stralunato e incisivo degli attori comici italiani, una passione e un talento mai nascosto per la musica, e Gianmaria Testa, cantautore, recentemente scomparso che è stato una delle presenze più interessanti della musica italiana d’autore degli anni ‘90/2000, noto in Europa forse più che in Italia. Paolo e Gianmaria hanno condiviso per molto tempo un viaggio fatto di amicizia, destino, lavoro. Le canzoni di Gianmaria – scritte per alcuni lavori teatrali di Rossi fra cui il nuovo Molière – trovano nell’interpretazione di Paolo una nuova veste, restituendo spazio al concetto stesso del teatro canzone che fu di Gaber e di Iannacci. Un viaggio che è diventato uno spettacolo dove convivono musica, sogno, speranza, parola, risate.

L’Inseguitore, con VINICIO MARCHIONI e il FRANCESCO CAFISO QUARTET. Si tratta di un Monologo in jazz sulla vita di Charlie Parker il cui testo, tratto da “L’Inseguitore” di Julio Cortázar, è stato riadattato da Vinicio Marchioni che è anche protagonista e regista dello spettacolo. Un’ora e mezza per entrare fin dentro al midollo di una vita vissuta per il jazz. Marchioni racconta che “mettere mano a L’Inseguitore è come entrare in un tempio. Un percorso pieno di voragini dominate dall’ossessione per il tempo. Voragini che un genio musicale persegue, inseguendo la possibilità di annullare il tempo, combattendolo, odiandolo, trovando l’estasi solo squarciandolo, attraverso un sassofono che perde in continuazione. La possibilità di “giocare” in scena con questo capolavoro insieme ad un gigante del jazz come Francesco Cafiso, di provare insieme a far sì che le parole di Cortázar inseguano la musica di Cafiso o viceversa, di provare a intrecciare il racconto orale al jazz e rendere la musica parola è il tentativo di questo spettacolo. Cercando di riempire il silenzio della vita o della mente, quei “buchi” di cui parla Jhonny/Charlie, e di renderli musica.” Produzione Torino Jazz Festival

The Black Blues Brothers Summer 2016 il nuovo travolgente spettacolo dei THE BLACK BLUES BROTHERS, cinque acrobati in stile americano ma con l’Africa nel sangue che inseguono i capricci di una scalcagnata radio d’epoca che trasmette brani Rhythm & Blues e mettono in scena la loro incredibile carica di energia con un repertorio vastissimo di discipline acrobatiche. Tra limbo, salti mortali, piramidi umane, gag di ogni genere, questa band composta da equilibristi, sbandieratori e danzatori con fuoco, sulle note della colonna sonora del leggendario film presenta uno spettacolo in grado di coinvolgere qualsiasi pubblico. Le Musiche di J. Cocker, R. Charles, Nat King Cole, A. Franklin, C. Lafong Trio, Offenbach, M. Cass unite al linguaggio universale del circo regaleranno ai presenti in una serata di acrobatica africana dal ritmo made in USA. E il mito dei Blues Brothers rivivrà tra mille acrobazie.

Sin Fronteras – The Soul of Rio de la Plata lo spettacolo del “collettivo artistico” SIN FRONTERAS nato dall’incontro di alcuni tra i più importanti musicisti sudamericani, presenti da oltre vent’anni sulla scena musicale mondiale e che annoverano collaborazioni con i migliori esponenti della musica del nuovo continente come Milton Nascimento, Chico Buarque De Holanda, Djavan, Mercedes Sosa, Horacio Ferrer, Los Angeles Negros, Juan Carlos Caceres, Dino Saluzzi, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gustavo Beytelman, Cordoba Ruenion, Habana Mambo, Luis Bakaloff, Gaia Cuatro. e molti altri. Lo spettacolo è un viaggio immaginario nella regione del Rio de la Plata, punto d’incontro tra diverse culture, dove l’Africa e l’Europa si fondono, si abbracciano e incontrano la tradizione degli indios. Un vero carrefour di suggestioni, suoni, colori, tipici del sud del mondo: tango, milonga, candombe, murga e habanera, rivistati in chiave contemporanea.

Info tel. 06.5816987 | 339.8041777
info@iconcertinelparco.it
www.iconcertinelparco.it

LUOGO: CASA DEL JAZZ

INDIRIZZO: Viale di Porta Ardeatina, 55 00153 Roma

ORARIO SPETTACOLI ORE 21:30
PREZZI DEI BIGLIETTI

Casa del Jazz 7, 8, 14, 23, 24, 28 luglio, 2 agosto
Posto unico Intero € 13,50 + 1,70 dp – Ridotto € 10 + 1,70 dp

Villa Ada 3 agosto
Posto unico Intero € 22 + 2,50 dp

BIGLIETTERIA IN LOCO
Per gli eventi con inizio alle ore 21:30 la biglietteria è aperta al pubblico dalle ore 19:30 alle ore 22:30.

RIDUZIONI
Veli elenco dettagliato sul sito www.iconcertinelparco.it
Le riduzioni saranno applicate fino ad esaurimento posti in convenzione disponibili.
Hanno diritto all’ingresso gratuito i bambini fino a 5 anni e gli spettatori diversamente abili fino a n° 6 ingressi. Gli accompagnatori degli spettatori diversamente abili non hanno diritto all’ingresso gratuito.
Prenotazione posti spettatori diversamente abili
Se interessati, gli spettatori diversamente abili e i loro accompagnatori possono effettuare la prenotazione dei posti disponibili scrivendo all’indirizzoinfo@iconcertinelparco.it entro 3 giorni lavorativi dalla data dell’evento.

PREVENDITE INTERNET
www.ticketone.it

PREVENDITE TELEFONICHE
Telefono: 892.101
(dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 21:00 e il sabato dalle 9:00 alle 17:30)

PARCHEGGIO
La Casa del Jazz è servita da un parcheggio adiacente alla villa, in via Cristoforo Colombo angolo viale di Porta Ardeatina

Arrivare in Bus
Utilizzare la Linea 714, frequenza ogni 6 minuti, fermata Colombo/Marco Polo

Arrivare in Metro
Utilizzare la Linea B, fermata Piramide

DOVE MANGIARE
La Casa del Jazz è dotata di un piacevole punto ristoro