MAMAVEGAS: il video di “January 19” e le prime date del tour


In attesa di “Arvo”, album in uscita il 7 aprile per 42 Records, la band pubblica un nuovo clip e annuncia le date di presentazione del disco a Bologna, Milano e Roma.

Guarda il video di January 19

January 19 è il nuovo brano estratto da “Arvo”, ultimo lavoro discografico dei Mamavegas in uscita il 7 aprile in Vinile (edizione limitata e numerata, vinile trasparente), CD e digitale per 42 Records con distribuzione Master Music, e che arriva a tre anni di distanza dall’apprezzato esordio di “Hymn for the Bad Things”. January 19 è uno dei brani più particolari e sentiti di “Arvo”, una perfetta sintesi del nuovo suono del gruppo: sporco e al tempo stesso elegante, grezzo e curato, pop e psichedelico.

La band lo racconta così: “È una canzone sulla paternità, o meglio, sui sentimenti che scandiscono l’attesa. Racconta la paura, di cui tanti padri parlano, di sentire all’inizio la propria figlia come una sconosciuta: una paura destinata a svanire proprio nel momento della nascita per tramutarsi in altro (curiosità, protezione, amore)”.




Non a caso il video cerca di riprodurre attraverso trucchi visivi quello che secondo molti studiosi è il punto di vista di un neonato nelle prime ore di vita. Quando il mondo che hai intorno sembra solo una macchia di colore.

“Arvo” è stato presentato in anteprima streaming per sole 24 ore mercoledì 25 marzo sul portale Rockit. Lunedì 30 marzo sarà possibile ascoltarlo (sempre per 24 ore) su Dlso, in attesa di nuove sorprese.

Il disco sarà inoltre presentato con una serie di tre concerti speciali, una vera e propria anteprima del tour che li porterà a calcare i palchi di tutta Italia.

“Arvo” – Anteprima Tour:
8 aprile – Bologna – Arteria
10 aprile – Milano – Salumeria della Musica
11 aprile – Roma – Auditorium Parco della Musica

L’album è stato coprodotto e registrato dalla band insieme ad Andrea Sologni (Gazebo Penguins, Giardini di Mirò, Fine Before You Came, Crimea X…) all’Igloo Audio Factory di Correggio (RE), mixato da Giacomo Fiorenza e masterizzato da Andrea Suriani all’Alpha Dept (BO).