Piccolo Festival Animalto al Centro Culturale Elsa Morante di Roma con Aires Tango e Peppe Servillo (dal 27 al 31 Marzo)


PICCOLO FESTIVAL ANIMATO
Letture animate, laboratori creativi per bambini di musica e pittura, concerti di musica dal vivo di grandi artisti a cura del Saint Louis College of Music.
Dal 27 al 31 marzo 2015 presso il Centro Culturale Elsa Morante di Roma

Ingresso libero

Il Piccolo Festival Animato, ideato dal Saint Louis College of Music, mette in scena le arti e le avvicina al pubblico. Per quattro giornate di grande forza comunicativa, concomitanti con l’arrivo della Primavera, grandi e piccini saranno coinvolti in attività creative presso gli ampi spazi del Centro Culturale Elsa Morante di Roma.

Tante le proposte del Festival, suddivise in attività pomeridiane per bambini e concerti serali: dalle letture animate all’illustrazione, dai laboratori creativi di musica e scultura alla musica dal vivo dei concerti serali affidati alla maestrìa di artisti illustri.

Il Festival si articolerà nelle giornate di venerdì 27, sabato 28, domenica 29 e martedì 31 marzo 2015.

Le giornate di sabato e domenica prevedono il pomeriggio dedicato ad attività per bambini accompagnati dai genitori.
Le letture animate dei classici (Pinocchio, Cappuccetto Rosso e Il brutto anatroccolo), a cura di Rossella Gaudenzi e Alberto Scala sono tratte dalle versioni degli illustratori Max Frezzato e Eleonora Trinca; quest’ultima seguirà i piccoli ospiti nei laboratori successivi al racconto attraverso la realizzazione di disegni a tema e realizzazione di strumenti musicali.
Per i laboratori musicali è previsto un Drum Circle, che coinvolgerà attivamente i piccoli ospiti in un cerchio di ritmo percussivo.

Il sabato proseguirà con il concerto della prestigiosa Saint Louis Combo – feat. Gegè Telesforo.
I concerti sono in programmazione per le serate di venerdì 27, sabato 28 e martedì 31 marzo.

Questo il programma dei concerti:
venerdì 27 marzo

ore 21:30 RADIO TRIO
(Enrico Zanisi, Marco Siniscalco, Emanuele Smimmo)

ore 21:00 opening act: A-Trio
(Gianluca Massetti, Dario Giacovelli, Moreno Maugliani)

sabato 28 marzo
ore 21:30  SAINT LOUIS COMBO feat. GEGE’ TELESFORO

martedì 31 marzo
ore 21:30 AIRES TANGO & PEPPE SERVILLO
ore 21:00 opening act: Bipolary Jazz Duo
(Bianca Maria Scoccia, Alessandro Donadei)

L’intera manifestazione è a ingresso libero con prenotazione obbligatoria
06.88650081-francesca@slmc.it

I CONCERTI 27/03/2015

Ore 21 A-TRIO
Gianluca Massetti – piano Dario Giacovelli – basso Moreno Maugliani – batteria

Gli A-trio vedono la luce nel novembre 2011. Il progetto vede confluire i tre musicisti da contesti diversi: Gianluca Massetti e Moreno Maugliani lavorano nell’ambito pop, il primo con Alexia ed insieme al secondo nel tour nazionale di Radio italia, dove hanno accompagnato artisti del calibro di Annalisa Minetti, Paolo Vallesi, Massimo Di Cataldo, Fiordaliso, Valerio Scanu, i ragazzi delle trasmissioni “Amici” e “Io canto”.
Vincitore dell’Outstanding Musicianship presso le Berklee clinics di Perugia nel 2011, Dario Giacovelli vanta collaborazioni con Robertinho de Paola e insieme a Moreno Maugliani con un pilastro della musica jazz in italia: Amedeo Tommasi.
Gli A-trio ormai da qualche anno, oltre ad esibirsi live, passano attraverso studi di registrazione e partecipano a importanti concorsi, primo tra tutti quello della decima edizione del “premio nazionale delle arti” di Torino. Insieme nell’arco degli anni i tre scoprono la potenza della musica jazz, dalla cui tradizione attingeranno a piene mani materiale che passerà poi tra i filtri dati dalle loro rispettive influenze.
Il risultato è un flusso musicale che spazia da atmosfere propriamente bop, ad altre funk, latin e fusion, tutto coniugato da un piacevole interplay.

Ore 21.30
RadioTrio
Marco Siniscalco, Bassi Elettrici e Live Electronics
Emanuele Smimmo, Batteria e Percussivita’
Enrico Zanisi, Pianoforte
RadioTrio si ispira al divertimento che ogni radio offre ai propri ascoltatori, un mix continuo e selezionato di brani che spesso hanno in comune solo il background stilistico. Il bello per chi ascolta è il ritrovare pezzi conosciuti che non si sentivano da tempo oppure scoprire brani che non si conoscevano e rimanerne ammaliati.
RadioTrio attinge il suo repertorio al mondo del Rock storico; coniuga tutta l’energia di cui è capace il Rock con tutta l’eleganza che caratterizza il Jazz.
I brani sono i più vari della migliore tradizione rock, da Emerson, Lake & Palmer a Tom Waits, dai Led Zeppellin ai Genesis, da Jimi Hendrix a Bruce Springsteen e via di seguito. La libertà d’interpretazione è totale, come insegna il Jazz, e contempla l’improvvisazione nel senso più moderno del termine, come contaminazione, citazione e creazione di nuovi orizzonti. Il senso della canzone è garantito dal rispetto delle melodie originali, che sono il vero filo conduttore delle avventure musicali in cui i tre si lanciano.
Una sintesi possibile grazie al trascorso musicale di ognuno dei tre componenti del progetto “Radio Trio” al fianco di grandi figure artistiche della scena rock/jazz (Patti Smith, Tommy Emmanuel, Andy Sheppard, Cuong Vu, Phil Markowitz, Kenny Wheeler, Eumir Deodato, Sheila Jordan, David Liebman etc.)
E la parola d’ordine per i tre musicisti così come per il pubblico in ascolto é Divertimento allo Stato Puro.

Ore 21,30 28/03/2015
GEGE’ TELESFORO
Gegé Telesforo, nome d’arte di Eugenio Roberto Antonio Telesforo, nasce a Foggia il 14 ottobre del 1961. Polistrumentista, compositore, conduttore e autore di programmi radiofonici e televisivi è inoltre appassionato e profondo conoscitore del jazz e dello scat, ovvero l’improvvisazione vocale (arte della sillabazione che viene utilizzata come fraseggio, ad ogni sillaba corrisponde una nota).
Oltre ad essere noto al grande pubblico soprattutto per

aver preso parte alle trasmissioni televisive di Renzo Arbore, Telesforo fa parte dell’Orchestra Italiana e durante la sua carriera ha duettato con Jon Hendricks, Dizzy Gillespie, Clark Terry, Dee Dee Bridgewater, e molti altri. Da trent’anni sulla scena musicale italiana, ad oggi pubblica undici album da solista (esordisce nel 1990 con il disco che porta il suo nome). L’ultimo, pubblicato nel 2012, si intitola NU JOY.
Attualmente ha una cattedra alla Venice Voice Academy di Los Angeles dove insegna jazz e improvvisazione vocale.
Saint Louis Combo, diretta dal M° Antonio Solimene
Formazione giovane, leggera, dinamica e In stile con la mission di promozione dei nuovi talenti, la Saint Louis Combo è un organico snello, composto da voci, ritmica (piano, chitarra, basso, batteria), 6 fiati – cuore pulsante del gruppo – e tutta l’energia di una Big Band, in formato tascabile! Punto di forza della Combo, l’estrema flessibilità e adattabilità: a seconda del contesto e del progetto l’organico si avvale di collaborazioni varie, con cantanti, cori e artisti di musica elettronica.
In progress Ad esempio, il progetto “Combo VS Sonic Arts”, in cui gli ottoni e la tradizione filo jazzistica, riarrangiata ad hoc, incontrano le sonorità di avveniristici musicisti elettronici. Attualmente la formazione sta lavorando, con una ensamble corale, ad un omaggio a Miles Davis. Originale e innovativo il repertorio, che muove a partire dagli standard della tradizione jazzistica per contaminarsi, rinfrescarsi, mettersi in discussione, grazie agli arrangiamenti appositamente creati dagli allievi del corso di composizione e arrangiamento del Saint Louis.
Spazio anche al repertorio pop americano e a composizioni originali, sempre ad opera di giovani musicisti di ambito Saint Louis.
Per una performance di musica giovane, eseguita da giovani.

31/03/2015
 Ore 21
BIPOLARY JAZZ DUO
Bianca Maria Scoccia- voce Alessandro Donadei – chitarra
Ore 21.30
Aires Tango con Peppe Servillo
Il gruppo nasce nel 1994 da un idea del sassofonista e compositore argentino Javier Girotto, che ispirandosi alle proprie radici musicali e fondendole con le modalità espressive tipiche del Jazz crea un terreno musicale nuovo. Facendo esplicito riferimento alla musica del grande Astor Piazzolla, Javier Girotto con Aires Tango arriva ad un repertorio di musica originale in progressiva evoluzione, sia per la natura improvvisativa che per il continuo ricambio del materiale musicale.
La musica Javier Girotto- Aires Tango rispecchia fedelmente i tratti della melodia tangueira e dell’improvvisazione jazzistica. Il risultato è una sorta di Tango trattato, dalle caratteristiche spiccatamente latine per le melodie ed i ritmi che lo animano, ma meno vincolato dai canoni del Tango tradizionale e perciò terreno fertile per un improvvisazione d’ispirazione Jazz; in questo modo gli Aires giungono a una musica di notevole libertà espressiva e di grande fascino, nella quale gli echi del passato si fondono con le istanze del linguaggio musicale più moderno.Nel 2009 Esce il loro 10° disco “10/15” che testimonia i 15 anni di vita del gruppo e i 10 dischi fatti in tutto questo tempo di lavoro musicale e di amicizia. Sempre in questo anno Javier Girotto realizza un disco a suo nome per la collana del Espresso “Jazz Italiano Live 2009” invitando a far parte di questo disco il suo gruppo storico di Aires Tango con ospite un altro collaboratore di sempre “Luciano Biondini”.




POMERIGGI PER I BAMBINI
Le letture Animate a cura di
ALBERTO SCALA
TEATRO
1984 Visione di primavera di Peter Coke. Regia di M. Milazzo. 1984 Eros e Thanatos di Duilio Simonelli. Regia di P.B. La Fonte. 1986/87 Zoo Story di Edward Albee. Regia di Sergio Salvi.
1987 Miami da Mi ami? di R.D. Laing. Regia di M.L. Ranaudo. 1987 Romeo e Giannina di Jean Anouilh. Regia di Daniele Griggio. 1987 Il canto di Genet da “Diario di un ladro” di Jean Genet. Regia di P. Columba.
. 1987 Edipo da Edipo tiranno di Sofocle. Regia di Enrico Frattaroli.
1987  Mad dog blues di Sam Shepard. Regia di R. Marcucci.
1988  L’asino d’oro di Apuleio. Regia di Riccardo Reim.
1988/89/90 Anna dei miracoli di William Gibson. Regia di Giancarlo Sepe. 1990/91 Processo a Gesù di Diego Fabbri. Regia di Giancarlo Sepe. 1992 Metamorfosi di una melodia, Le guerre giudaiche Flavio Giuseppe. Regia di Amos Gitai.
1992 Rappresentazione del viaggio di Uliva di Anonimo
Fiorentino. Regia di M. Missiroli.
1993/94 Vigilanza stretta di Jean Genet. Regia di Umberto Cantone.
1994 Giacinti da La terra desolata di T.S. Eliot. Regia di Claudio Collova’. 1994/95/96 Il tamburi di fuoco di F.T. Marinetti. Regia di Enrico Frattaroli.
1995  L’isola incandescente di V. Consolo. Regia di Claudio Collova’.
1996  Compagnia di guerra scritto e diretto da Lucilla Lupaioli.
1997  dai radiodrammi dei fratelli Marx. Regia di F. Collepiccolo.
1997/98 Girotondo di A. Schnitzler. Regia di Daniela Giordano.
1999 Decameron di Giovanni Boccaccio. Regia di Daniela Giordano.
1999/2000 Oggi voglio essere felice da Sabina Spielrein/Jung/Freud. Regia di Maria Inversi.
2000 Fuenteovejuna di Lope de Vega. Regia di Daniela Giordano.
2000-2002 Bintou di Koffi Kwahulé. Regia di Daniela Giordano
2003 Eneide di Virgilio. Regia di Daniela Giordano.
2005 Carré Blanc di Dieudonné Niangounà. Regia di Daniela Giordano.
2006/2007 La tenda rossa dal romanzo di Anita Diamant. Regia di Claudia Della Seta e Ze’ev Kelaty. 2006-2012 Le parole di Enea da Eneide di Virgilio. Regia di Antonio Mastellone.
2008-2012 Le vie del sale di Giusi Zaccagnini. Regia di Giusi Zaccagnini.
2008-2012 VIitanova da La vita nova di Dante Alighieri. Regia di A. Mastellone.
CINEMA E TELEVISIONE

1992
1995
1996 2002/2003 – 2006 –
2010 – 2013 –
Metamorfosi di una melodia. Regia di Amos Gitai (riprese di Ciprì e Maresco) (Gibellina film festival) I ragazzi del muretto. Regia di P. Calderone
Un mostro da niente. Regia di P. Calderone.
Il Maresciallo Rocca 4. Regia di Giorgio Capitani (comprimario)
Papa Luciani- Il sorriso di Dio. Regia di Giorgio Capitani (comprimario) Un passo dal cielo. Regia di Enrico Oldoini (comprimario)
Il regalo. Regia di Sebastiano Tecchio (protagonista)

ROSSELLA GAUDENZI
Anno 2004-2005: Master universitario di II livello dell’Università di Tor Vergata (Roma) in “Musealizzazione, tutela e valorizzazione dei beni archeologici”.
A. a. 2002-2003: Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
Laurea in Lettere e Filosofia, indirizzo archeologico, materia di laurea Epigrafia latina 
FORMAZIONE
Ottobre-Novembre 2014: Il giardino segreto. Coltivare lettori. Corso di formazione per aspiranti mediatori di letture. Parlare di libri e parlare con i libri ai ragazzi. Con Carla Ghisalberti.
Aprile 2014: Corso di formazione per animatori alla lettura, organizzato da Editrice Sinnos, Roma. Qualifica conseguita: attestato.
Anno 2010-2011: Oblique artigianato per l’editoria e la comunicazione
Corso principe per redattori editoriali. Lavorare nel mondo dell’editoria. Princìpi di editoria e tecniche redazionali, Roma. Qualifica conseguita: attestato.
Anno 2009: Casa Editrice Giulio Perrone, diretto da Paolo Di Paolo Corso avanzato di giornalismo culturale. Qualifica conseguita: attestato.
Anno 2008: Casa Editrice Giulio Perrone, diretto da Paolo Di Paolo. Corso avanzato di giornalismo culturale. Qualifica conseguita: attestato.
2006: Corso di qualifica professionale per tecnico della comunicazione, critica e marketing musicale. Tra i docenti: Paolo Zaccagnini, Marco Molendini, Adriano Mazzoletti, Felice Liperi, Alessandro Cusatelli, Gianluca Podio, Danilo Ciotti, Lorenza Foschini, Gilda Sabetti, Emilio Albertario, Maurizio Quattrini.
Storia della musica classica, rock, jazz, Storia della musica italiana, Ufficio Stampa, Marketing, Tecnica di conduzione radio e video con realizzazione di un documentario televisivo, scrittura di format televisivi e radiofonici, realizzazione di programmi radiofonici. Qualifica conseguita: attestato. 
ESPERIENZE LAVORATIVE
2014: letture animate per bambini e ragazzi c/o il Centro Estivo Ex Snia e per l’Emergency Day gruppo RomaEst
2013: collaboratrice della testata Il turismo culturale, sezione Di Sosta in Sosta.
2012 ad oggi: collaboratrice della rivista Orlando Esplorazioni, Giulio Perrone Editore, diretta da Paolo Di 
Paolo, presentata a Più libri più liberi 2012.
2011 ad oggi: redattrice blog letterario Via dei Serpenti: www.viadeiserpenti.it
Aprile 2011: testimonial del nuovo spot televisivo della Moby tv
2010-2012: collaborazione sporadica per la prestigiosa rivista Specchio Economico (Ciuffa Editore), mensile di 
economia, politica e attualità.
2007 ad oggi: redattrice e caporedattore dal 2010 della testata giornalistica Music In (Stefano Mastruzzi 
Editore), bimestrale di cultura musicale e cinematografica: www.musicin.eu
2009: autrice della guida My local guide Roma, edizioni Lightbox
settembre 2008: ufficio stampa Festival di Letteratura: Leggere. Parole tra noi, Centro Culturale Artipelago, 
Castelnuovo di Porto (RM)
2006-2007: redattrice del sito www.romamusica.it, sezione jazz-blues 
2004: Hostess di bordo su bus turistici Trambus ed Archeobus per la I.R.S. EUROPA, società cooperativa interventi e ricerche sociali

Le illustrazioni a cura di
Massimiliano Frezzato
Massimiliano “Max” Frezzato è nato a Torino nel 1967 ed è uno dei più apprezzati fumettisti e illustratori italiani. Tra il 1982 e il 1986 ha frequentato il Liceo Artistico di Torino e, durante gli studi, si è classificato secondo al concorso nazionale di fumetto a Prato. Bisogna aspettare il 1989 perché vinca il primo premio.
I suoi primi lavori sono stati pubblicati su varie riviste a
partire dal 1985. Nel 1990 realizza Margot scritto da Jerome Charyn. Tra il 1994 e il 1997 tiene un corso di
fumetto e d’illustrazione editoriale presso l’Istituto Europeo di Design a Torino.
Nel 1996 pubblica il primo volume della saga I custodi del Maser, che lo terrà impegnato sino all’aprile 2005. Dal 2007 si affida alla matita di Fabio Ruotolo per il proseqio della saga, questa scelta ha così permesso, all’autore e ideatore originario, di dedicarsi alla scrittura e alla supervisione dell’opera. La saga viene pubblicata in diversi paesi tra i quali: Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Belgio, Danimarca e Stati Uniti. Tra il 1998 e il 1999 insegna all’Accademia d’Arte Pictor di Torino.
Le sue ultime fatiche sono un’eccezionale rivisitazione della favola di Pinocchio e l’Immortale in cui l’autore si perde nell’esplorazione di oggetti accumulati negli anni da un robivecchi, trasformandone la magia racchiusa in essi attraverso i suoi potenti colori.

I laboratori creativi a cura di
Eleonora Trinca
Eleonora Trinca è nata a Roma, 1971: diplomata all’Icei , Istituto Comunicazione e Immagine di Roma, ha lavorato come grafica (suo il logo
della RodeoDrive Produzioni), illustratrice e scenografa.
Suoi quadri sono apparsi su riviste di arredamento come ADdesign. Dal 2003 presta i suoi pennelli alla colorazione di libri e fumetti iniziando una collaborazione con Massimiliano Frezzato: suoi infatti i colori per I custodi del Maser 6 (Pavesio, 2005), Tour de France (Pavesio, 2006), Calendrocchio (Little Nemo, 2012), I tarocchi di Pinocchio (Edizioni Di, 2010), Pausa pranzo (Edizioni Di, 2011) e Il gatto stregato (Lavieri, 2013).
A dicembre 2014 presenta alla fiera “Più libri Più liberi!” Il brutto anatroccolo (Lavieri), rielaborazione di uno dei racconti di Andersen più amati.
—————————————————————-

DRUM CIRCLE
I laboratori musicali a cura degli allievi di
GIOVANNI IMPARATO

– cerchio di percussioni – è un coinvolgente evento ritmico in cui un gruppo di persone si trova insieme a suonare tamburi e percussioni, sperimentando ed espandendo il senso di unicità e di unità tramite il sostegno del facilitatore, che attraverso delle semplici tecniche rende facile ed immediato per tutti essere a ritmo e creare musicalità coinvolgenti.
E’ accessibile a persone di ogni età e cultura, e sta conoscendo sempre più espansione ed applicazione in ambito aziendale, sociale, terapeutico, clinico, ricreativo, formativo e pedagogico. Mentre ognuno ha la libertà di esprimere se stesso creando musica nel momento, il livello di musicalità ed empatia collettiva cresce gradualmente attraverso il sostegno del facilitatore, favorendo la formazione di una coscienza di gruppo in cui è possibile sperimentare il potenziale individuale e la coesione di gruppo. Il livello di musicalità è proporzionale alle capacità di relazione, ascolto e comunicazione tra i membri del gruppo, qualità che vengono rivelate e nutrite nell’ambito di ogni evento. In questa cooperazione musicale, tramite il potere del ritmo e del cerchio, vengono apprese nuove comprensioni e chiavi per migliorare la relazione con se stessi e con gli altri.