SUR presenta L’ESERCITO DI CENERE live soundtrack by Gramentieri & Sapignoli from SACRI CUORI a LE MURA (Martedì 31 Marzo)


Musica di Antonio Gramentieri & Diego Sapignoli dei SACRI CUORI + reading di Daniele Onorati di Teatrolab
da un’idea di edizioni SUR

31 marzo • ore 21
LE MURA (via di Porta Labicana 24 – Roma)
L’ESERCITO DI CENERE live soundtrack
ingresso 6 euro (per prenotazioni scrivere a: info@lemuramusicbar.com)

A pochi mesi dalla pubblicazione, edizioni SUR celebra uno dei romanzi più suggestivi del Novecento argentino, «L’esercito di cenere» di José Pablo Feinmann.
Osannato dalla critica come inedito esperimento letterario nel solco fra Buzzati e Melville, racconta la tortuosa avventura del tenente Quesada, tormentato reduce delle guerre d’indipendenza, che si trova ad affrontare un lungo, lento pellegrinaggio fra meditazione e allucinazione agli ordini del sinistro colonnello Andrade: è suo il solenne compito di accompagnarlo attraverso la pampa più vasta e uniforme, alla ricerca del nemico.
A dare forma e corpo ai paesaggi e alle visioni di questa storia saranno Antonio Gramentieri e Diego Sapignoli dei Sacri Cuori, band romagnola di fama internazionale che del sound cinematico ha fatto il proprio marchio di fabbrica. Dopo un lungo tour mondiale che ha toccato anche il Sudamerica, e dopo aver ancora una volta diviso il palco con nomi di altissimo profilo (Hugo Race dei Bad Seeds e Dan Stuart dei Green On Red, fra gli altri), si presentano in duo, in attesa dell’uscita del nuovo disco della band, «Delone».
Per l’occasione, i due eseguiranno una vera e propria sonorizzazione del romanzo di Feinmann, accompagnando e amplificando le suggestioni del testo. Uno spettacolo unico, una vera e propria live soundtrack di sfondo alle letture di Daniele Onorati, attore, musicista e direttore artistico della scuola di recitazione TeatroLab: le composizioni e le improvvisazioni dei Sacri Cuori e l’intensità della storia di Feinmann andranno a intrecciarsi in un’unica esperienza narrativa.

***




ANTONIO GRAMENTIERI: chitarrista, compositore, produttore e anima di SACRI CUORI, sviluppa il suo percorso artistico partendo dal blues tradizionale.
DIEGO SAPIGNOLI: batterista e percussionista, di formazione classica ma che ha sviluppato un percorso sonoro che abbraccia tante influenze.
Con i SACRI CUORI (del cui nucleo storico fa parte anche il bassista Francesco Giampaoli), Gramentieri e Sapignoli intrecciano i suoni del folk e del blues (del deserto) americano e la tradizione della colonna sonora all’italiana (Nino Rota e Trovajoli). Una musica che, a spasso sulle strade della Los Angeles più meticcia, ritrova anche le suggestioni letterarie dell’italo-americano John Fante, le allucinazioni di David Lynch, il Messico immaginato dalla fisarmonica di Castellina/Pasi. Una musica dagli ascolti colti ma dall’anima popolare, che affronta senza remore la propria italianità e la sfida della melodia.
Il loro primo disco in studio «Douglas and Dawn», è stato registrato presso il Wavelab Studio a Tucson, Arizona, nel 2008 con la partecipazione di John Convertino e Jakob Valenzuela dei Calexico, Howe Gelb, Thoger Lund, James Chance, Marc Ribot. Gli ha fatto seguito «Rosario» uscito in cd su Decor e in vinile su Interbang nel 2012 e registrato fra Richmond, Los Angeles e Lido di Dante in compagnia di amici vecchi e nuovi: il leggendario batterista Jim Keltner (John Lennon, Dylan, Neil Young e mille altri), David Hidalgo dei Los Lobos, John Convertino dei Calexico, Marc Ribot (Tom Waits, Lounge Lizards), Woody Jackson, Stephen McCarthy (Long Ryders, Jayhawks), Isobel Campbell.
Sul finire del 2013 è uscita (su etichetta Brutture Moderne) la loro colonna sonora di «Zoran il mio nipote scemo», film d’esordio di Matteo Oleotto.
Il 22 maggio 2015 esce «Delone», terzo lp ufficiale della band. Lo pubblica la prestigiosa Glitterbeat (costola della Glitterhouse e casa di artisti come Dirt Music, Eno/Hassell, Bombino, Samba Touré). Hanno collaborato al disco: Evan Lurie (Lounge Lizards), Marc Ribot, Howe Gelb, Steve Shelley (Sonic Youth), Carla Lippis.