I Concerti nel Parco, Autunno 2016 al Teatro Vascello con “Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori…”


I CONCERTI NEL PARCO, AUTUNNO 2016
COOP. LA FABBRICA DELL’ATTORE
17 NOVEMBRE 2016 – ore 21 e 18 NOVEMBRE – ore 10.30
TEATRO VASCELLO

In occasione dei 500 anni dalla pubblicazione dell’Orlando Furioso
di Ludovico Ariosto, I Concerti nel Parco, in collaborazione
con La Fabbrica dell’Attore, presenta
“Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori…”
un progetto a cura di PAOLO VIVALDI e l’ENSEMBLE BRADAMANTE
con le voci recitanti di MATTEO BELLI e KATIA PIETROBELLI

“Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori…”

Lettura – Concerto dai Canti dell’Orlando Furioso
di Ludovico Ariosto

PAOLO VIVALDI
ENSEMBLE BRADAMANTE

Paolo Vivaldi pianoforte
Alberto Mina violino
Gaia Leardini violoncello
Yasemin Sannino voce
Mohssen Kasirossafar zarb,daff e voce
Alessandro Sartini live electronics
Matteo Belli e Katia Pietrobelli voci recitanti

Musiche di Paolo Vivaldi

Giovedì 17 novembre al Teatro Vascello (con replica venerdì 18 novembre alle 10,30) per i 500 anni dalla prima pubblicazione, a Ferrara a cura dell’editore Giovanni Mazzocco, dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto I Concerti nel Parco, in collaborazione con la Cooperativa La Fabbrica dell’Attore, presenta lo spettacolo” Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori…” un progetto a cura di PAOLO VIVALDI, rinomato compositore di colonne sonore per cinema, televisione e teatro, e l’ENSEMBLE BRADAMANTE, che prende il nome proprio dal leggendario personaggio femminile dell’Orlando Furioso, con le voci recitanti di MATTEO BELLI e KATIA PIETROBELLI.

Attingendo alla tradizione del ciclo carolingio e in parte a quella del ciclo bretone, riprendendo le vicende di Orlando e dei paladini di Carlo Magno, già note presso la corte estense di Ferrara grazie al quattrocentesco “Orlando innamorato” di Matteo Maria Boiardo, l’opera ebbe subito successo, e tra i suoi primi ammiratori ci fu anche Niccolò Machiavelli. Il poema ebbe presto fortuna anche in ambito musicale e molti compositori intonarono i suoi versi, in linea con l’ideale unione di poesia e musica nel canto dichiarata fin dal celebre primo distico: «Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori, le cortesie, l’audaci imprese io canto». Una testimonianza di affinità con il mondo dei suoni che prefigura la fortuna musicale che avrebbe accompagnato l’Orlando furioso nel corso dei secoli a venire.

Questa messa in scena, in forma di lettura-concerto, del primo Canto del celebre poema ariostesco, offre la preziosa occasione di riscoprire la smagliante versificazione in ottave incarnata dal plasticismo di una drammaturgia musicale che s’incontra con il concertato sinfonico delle voci recitanti in un dialogo immaginifico, ma al contempo vivissimo, intessuto dalle trame disegnate dai fili d’oro di quella grande letteratura che rilegge il tema classico dell’epica cavalleresca, come recuperandolo dalle nebbie oniriche di un passato che può rivivere solo grazie ai sortilegi di un’estrema tensione estetica. Nel famoso chiasmo dell’incipit si prefigura il doppio interesse tematico per le eterne figure di ogni grande narrazione universale: di donne, di amori, di gesta eroiche e di loro protagonisti, in fondo, si nutre la voce dei grandi cantori di ogni epoca e latitudine.

La musica composta da Paolo Vivaldi offre punti d’incontro tra scrittura europea e sistemi musicali dell’India settentrionale e persiani, seguendo il filo rosso della poetica ariostesca. E’ la traccia di un Oriente immaginario, evocata dal compositore che mette insieme, con tessiture sorprendenti e avvincenti, architettura cameristica, raga indiani, canti sufi e melodie persiane, costruendo un dialogo serrato tra canto e recitato, pianoforte, archi, strumenti persiani a corda come il tar, il setar o a percussione come lo zarb e il daff.

L’ensemble Bradamante prevede al pianoforte lo stesso Paolo Vivaldi, al violino Alberto Mina, spalla dei secondi violini dell’Accademia di Santa Cecilia, al violoncello Gaia Onofri, alle voci Yasemin Sannino, cantante ed attrice italo-turca, evocativa voce solista di numerose colonne sonore cinematografiche e Mohssen Kasirossafar, cantante e polistrumentista etnico iraniano, attivissimo performer in diverse formazioni dall’antico al contemporaneo e infine ai live electronics Alessandro Sartini, technical score engineer e compositore.

Biglietti: intero 15,00 euro – ridotto 12,00 euro

Info e prenotazioni:
www.iconcertinelparco.it; tel. 06.5816987 | 339.8041777; info@iconcertinelparco.it

Orari spettacoli:
Teatro Vascello ore 21.00
Apertura botteghino: orario 9.00/ 21.30 – Domenica 15.30/21.30

Biografie

PAOLO VIVALDI
Ha conseguito il diploma di composizione presso il conservatorio di Santa Cecilia in Roma sotto la guida dell’insegnante Teresa Procaccini.
Scrive colonne sonore per cinema, televisione e teatro.
Per la televisione ricordiamo, tra le altre musiche, quelle di De Gasperi ed Einstein per la regia di Liliana Cavani, Rino Gaetano di Marco Turco, David Copperfield di Ambrogio Lo Giudice, La Baronessa di Carini di Umberto Marino, Olivetti, la Forza di un Sogno di Michele Soavi, K2 – la Montagna degli Italiani di Robert Dornhelm, Barabbas di Roger Young, Edda Ciano e il Comunista e Gli Anni Spezzati di Graziano Diana.
Per il cinema, Ghost Son e The Torturer per la regia di Lamberto Bava, Salvatore Questa è la Vita e La bella società di Gian Paolo Cugno, Maternity Blues di Fabrizio Cattani, Leone nel Basilico di Leone Pompucci, Non Essere Cattivo di Claudio Caligari.
Delle numerose musiche per il teatro citiamo Una Tragedia Reale per la regia di Giuseppe Patroni Griffi, Zio Vania di Sergio Fantoni, Shakespeare Re di Napoli di Ruggero Cappuccio, Tre Sorelle di Cechov e Quattro Quartetti di T.S. Eliot diretti da Maurizio Panici, L’avaro di Moliére con Lello Arena regia di Claudio di Palma.
Ha conseguito il premio “Sonora – Musica per l’immagine” nel 2007, 2008, 2010 e 2011 ed il premio “Colonnesonore.net 2012” – miglior colonna sonora cinematografica – per Maternity Blues.

MATTEO BELLI
Laureato in Lettere Moderne, presso l’Università di Bologna, con una tesi in Letteratura italiana sulle “‘Rime giullaresche e popolari d’Italia’ di Vincenzo De Bartholomaeis”, dopo anni di studi classici e musicali, dal 1989 inizia a lavorare in teatro come mimo-fantasista e attore, realizzando spettacoli come regista, autore e attore. Come mimo-giullare, ha partecipato alla rassegna ‘Kleines fest im großen garten’ ad Hannover (1994) e ha rappresentato l’Italia in occasione del 1° Festival europeo della comicità ‘United Slapstick’ di Francoforte (1993). Per diversi anni (dal 1998) ha lavorato, come attore, autore e insegnante per il Festival ‘Un puente, dos culturas’, in Argentina e Uruguay, di cui è stato anche co-direttore artistico; ha presentato all’Università di Toronto il progetto “La parola rappresentativa. Il lavoro dell’attore sulla poesia medioevale italiana” (2000); su
analogo tema, dal 2003, ha lavorato, come attore e insegnante, anche in Svizzera, Brasile, Spagna e Francia. Tra i progetti che lo hanno visto autore e interprete vi sono: “La bottiglia delle smorfie di sapone”(1990-1), “Lo scienziato e la formica. Giullarata di fine millennio” (1992), “Perseverare humanum est” (Piccolo mosaico di storie bibliche e moderne) (1994), da cui è stato realizzato anche un DVD, così come dallo spettacolo “Trittico per un altare” (1996), “N come No, dai, un altro Recital?” (1999), “Genti, intendete questo sermone” (Monologhi giullareschi medioevali e moderni) (2000), “Ora X: Inferno di Dante” (2001, DVD del 2007), “Marzabotto” (2008), scritto assieme a Carlo Lucarelli, “Bononia ridens” (Ritratti universali di comicità bolognese) (2013) e “Cuore in gola” (Storie di coraggio e di libertà) (2014).
Come autore di riscritture e interprete realizza “Le maschere di dentro” (Omaggio a Italo Calvino) (2001), “Favolando per il mondo” (5 favole per 5 continenti) (2003), “Le guerre di Walter” (Omaggio a Walter Chiari) (2007), riduzione solistica del precedente “Caro Walter…” (2006).
Come regista e interprete mette in scena, oltre ad almeno una dozzina di letture-spettacolo (spesso con la presenza della musica in scena), “Un amore impossibile” di Giorgio Manganelli (2001), con l’attrice Katia Pietrobelli.
Il felice connubio che vede sul palco attori e musicisti, ampiamente sperimentato da Matteo Belli, lo
induce a ricercare, anche come regista e autore di adattamenti, testi in cui il tessuto letterario s’intrecci e si completi nell’esecuzione musicale dal vivo, come in “Del mondo ho cercato – Poesia e musica medioevale italiana” con il Trio di musica antica ‘Giocolari del Micrologus’ (1999) e “Concerto dal VI libro dell’Eneide” (2000), con le musiche di Paolo Vivaldi, da cui è stato tratto un
CD (2001). Dal 2003 ha più volte portato in scena “Nuove parole per le Stagioni”, su “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, assieme all’Ensemble Respighi, di cui è stato realizzato un CD (2005). Del 2006 è invece “Come l’aria dei venti, come i voli del sonno”, lettura-concerto dal II libro dell’Eneide di Publio Virgilio Marone, con le musiche eseguite dal polistrumentista Fabio Tricomi, mentre numerose, a partire dal 1996, sono le edizioni dell’“Historie du soldat”, su musica di Igor Stravinsky e libretto di Charles-Ferdinand Ramuz.
Come mimo, attore e voce recitante partecipa a più di cento eventi, tra letture, letture-concerto e spettacoli con altri artisti e compagnie.
È stato ospite di numerose trasmissioni radiofoniche e televisive in Italia e all’estero, oltre ad aver partecipato, come voce recitante, a diverse produzioni discografiche.
Dal 2005 conduce, assieme al foniatra prof. Franco Fussi, una ricerca sulle qualità risonatorie della
voce attoriale, presentata nel corso di alcuni convegni internazionali e confluita, nel 2010, nella pubblicazione del DVD multimediale “Orchestra Solista. Il lavoro vocale nel Teatro di Matteo Belli”. Dal 1992 conduce un’intensa attività didattica, spesso concretizzatasi nella produzione di spettacoli di fine corso, vincendo anche alcuni premi e menzioni speciali e collaborando, come docente, con le Università di Bologna, Pisa e Milano. Ha inoltre realizzato ulteriori regie, tra cui il film-documentario “Pianoro strada statale 65” (1994) e il monologo teatrale “Dedicato a Firdaus” (2003), tratto da “Firdaus” di Nawal al Sa’dawi, con l’attrice Katia Pietrobelli.
Circa una decina sono le tesi di laurea dedicate al lavoro teatrale di Matteo Belli.
È tra i fondatori e presidente dell’Associazione culturale Ca’ Rossa/Centro Teatrale per l’Oralità con cui ha realizzato, come direttore artistico, le rassegne di spettacoli “Ci sarà una volta… Radici antiche e nuovi orizzonti del Teatro d’Arte Popolare”, “Parola d’attore” e “Verba volant”.




KATIA PIETROBELLI
Recitazione presso il teatro “Le Salette” con la Compagnia Poiesis di Roma.
Seminari sulla commedia dell’arte diretto da Attilio Duse.
Studi sul Metodo di Lee Strasberg a cura di Ilza Prestinari.
Laboratorio “Santi, Parenti, Padroni, Briganti” a cura di Laura Curino.
Laboratorio sul canto a cura di Antonio Pizzicato.
Laboratorio sul canto a cura di Johnatan Hart Makwaia.
Laboratorio Commedia dell’Arte a cura di C. Di Palma.
Laboratorio “Il cantiere dell’Orlando Innamorato” (Boiardo) a cura di M. Martinelli.
Studi di teatro corporeo con Gilles Coullet, Studi su Michail Cechov.
Seminario con Enrique Pardo.

TEATRO
“IFIGENIA IN AULIDE” di Euripide, regia di S. M. Salvato
“BIFORA” di Ruzante, regia di A. Duse
“LA VOGLIA DEL DIAVOLO” regia di A. Duse
“LA RIGENERAZIONE” di I. Svevo, regia A. Duse
“ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI” di C. Goldoni, regia di A. Duse
“LAZZI SULLA COMMEDIA DELL’ARTE” regia di A. Duse
“BERTOLDO” di B. Croce, regia di A. Duse (prot.)
“DRACUL BAZAR” di M. Milani, regia di L. Terranera
“LETTURE CONFERENZE DA GOLDONI, SHAKESPEARE, RUZANTE” regia di A. Duse
“CONTRASTI” di Giustinian, regia di A. Duse
“PULCINELL’ADE” di R: Cappuccio – C. Di Palma, regia di C. Di Palma
“I SILENZI DELLA MEMORIA” da G. T. di Lampedusa, regia di R. Cappuccio
“MANFRED ORATORIO” da G. G. Byron, regia di C. Di Palma
“DECAMERONE 2000” di S. Snajder, regia di P. Magelli
“LETTURE – CONCERTO ORLANDO FURIOSO” regia di R. Cappuccio
“UN AMORE IMPOSSIBILE” di G. Manganelli, regia di M. Belli
“SANGITA” da testi sacri indiani, regia di M. Belli
“CANTO REMOTO” lettura concerto di Bjorson, regia di M. Belli
“DEDICATO A FIRDAUS” monologo, regia di M. Belli
“GIROTONDO” di A. Schnitzler, regia di Matteo Belli
“IL CODICE DI PERELA’” tratto dall’omonimo romanzo di A. Palazzeschi, regia di V. Nasci
“HISTOIRE DU SOLDAT” lettura concerto, regia di Matteo Belli
“ILIADE” lettura concerto, regia di M. Belli
“T ERRA SENZA SENTIERI” lettura concerto con flauto, regia di M.Belli
“R.S.V.P” Epistolario femminile in attesa di risposta. Lettura concerto. Regia di M. Belli
“CLARA SCHUMANN” Lettura concerto. Note Muse, la musica delle donne. Regia di M. Belli

CINEMA E TELEVISIONE
“L’AVVOCATO DELLE DONNE” regia di A. e A. Frazzi
“NOTTE” regia di M. De Teffé (corto)
“ALLA RICERCA DI SHERAZADE” regia di F. Giraldi
“LINDA E IL BRIGADIERE” regia di A. Simone
“NIENTE DI STRAORDINARIO” regia di R. Cappuccio (corto)
“GIORNALISTI” regia di G. Manfredonia e V. Terraciano
“IL COMMESSO VIAGGIATORE” regia di F. Dal Bosco
“STRISCE” regia di P. Durante e L. Terranera (corto)
“AMPIO, LUMINOSO, VICINO METRO” regia di M. Cappelli (corto)
“HANNOVER” regia di F. Vicentini Orgnani
“IO TI SALVERO’” regia di M. Caiano
“FACCIA DA MARITO” regia di G. Morricone
“UN MEDICO IN FAMIGLIA 3” regia di C. Norza
“BUONGIORNO NOTTE” regia di M. Bellocchio
“AMATEMI” regia di R. De Maria
“LA VITA CHE VORREI” regia di G. Piccioni
“DISTRETTO DI POLIZIA 5” regia di L. Gaudino
“I VICERE’ regia di R. Faenza”
“UOVA” regia di A. Celli cortometraggio vincitore del David di Donaltello 2008
“HO SPOSATO UNO SBIRRO 2” regia di Andrea Barzini 2010
“IL TREDICESIMO APOSTOLO” regia di A. Sweet 2010
“REGALO A SORPRESA” regia di F. Casini 2010
“CHE DIO CI AIUTI” regia di Francesco Vicario 2011

MOHSSEN KASIROSSAFAR
Nasce a Mashad (Khorasan, Iran) nel 1955. Inizia a studiare lo Zarb nel 1980. dal 1983 in poi incontra i Maestri K. Kalhor, R. Lotfi, H. Alizadeh, B. Kamkar e M. Aayan con i quali comincia a perfezionare la tecnica, per completare poi la sua formazione con il grande musicista Nasser Farhângfar. Dal 1978 vive a Roma dove collabora con musicisti e compositori come Ennio Morricone, Giancarlo Schiaffini, Giorgio Battistelli, Angelo Branduardi, Mauro Pagani, Rita Marcotulli, Daniele Sepe, il duo Antonello Salis e Alessandro Satta e altri.
In questi lunghi anni di permanenza ha imparato dalla vastissima cultura Italiana un po’ di musica, un po’ di letteratura, un po’ di cinema, un po’ di liuteria e fotografia. Ha al suo attivo numerosissime incisioni discografiche e ha partecipato a svariati festival musicali e programmi radiotelevisivi. Fa parte attiva dei gruppi: Giancarlo Schiaffini quintet, Mish Mash quartet, trio Alesini, Compagna Felix, Sarawan Tamburi d”Iran e Cadira, con collaborazioni che si muovono dalla musica persiana d’arte e popolare alla musica medievale e rinascimentale, fino alla musica contemporanea e sperimentale.
Attualmente oltre alla carriera di musicista si dedica all’insegnamento dello zarb e del daff e alla liuteria. Vive e lavora insieme a due sue gatte Musetta e luna a Trastevere, antico cuore di Roma.

YASEMIN SANNINO
Laurea in Chimica Pura conseguita presso l’universita’ “La Sapienza” di Roma.  Scuola di recitazione Studio”Duse International” diretto da Francesca De Sapio Canto classico con Luciana Valente e Margherita Pace; canto jazz con M. Pia De Vito.
Nata ad Istanbul da madre turca e padre italiano, ha iniziato gli studi di pianoforte a 8 anni e successivamente intrapreso gli studi di canto classico e jazz, nel contempo laureandosi in Chimica Pura all’universià “ La Sapienza” di Roma. Come cantante è particolarmente nota per aver interpretato il brano turco “Birdenbire” della colonna sonora del film “Le fate ignoranti” del connazionale Ferzan Ozpetek ma sua è anche la voce e suoi i testi della colonna sonora inglese e turca di uno dei cartoni animati più seguiti degli ultimi anni in tutto il mondo: “Winx Club”.
Nel 2009 ha lavorato con la “Royal Philharmonic Orchestra” al progetto discografico “Alma Mater” accanto ad un partner d’eccezione: Papa Benedetto XVI. Il disco è stato candidato al prestigioso “Classical Brit Awards” 2010. Nel 2011 e’ stata interprete di alcuni brani nel CD “Tu es Christus” (SONY) in onore della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, insieme a Placido Domingo e Andrea Bocelli. Dal 2012 e’ stata la protagonista delle serie televisive turche “Sevdaluk” (2014) e “Merhaba Hayat” (2012).
Attualmente sta lavorando al progetto di musica popolare e barocca “Alba Maryam” con l’ensemble  musicantiqualatina del violoncellista Giordano Antonelli.

CINEMA:
2016 BABYLON SISITERS Gigi Roccati
2016 IN THE SAME GARDEN Ali Asgari
2016 IFTARLIK GAZOZ  Yuksel Aksu
2011 GHOST TRACK Fabrizio Rossetti
2010 AMANDA KNOX: MURDER ON TRIAL IN ITALY Robert Dornhelm
2010 ZEN John Alexander
2009 PECCATI DI GOLA  Mario Orfini
2008 NO PROBLEM   Vincenzo Salemme
2005 LA PORTA DELLE SETTE STELLE  Pasquale Pozzesserre
2005 MACBETH (cortometraggio)  M. Morucci
2005 ALFA-OMEGA (cortometraggio)   M. Morucci
2000 LE SCIAMANE  Anna Rita Ciccone
2000 QUANDO UNA DONNA NON DORME Nino Bizzarri

TELEVISIONE:
2013-2014 SEVDALUK Yuksel Aksu
2012 MERHABA HAYAT Kerem Cakiroglu
2011 DON MATTEO 8 Fernando Muraca
2010 ZEN John Alexander
2010 HO SPOSATO UNO SBIRRO 2  Andrea Barzini
2009 BORIS 3   Davide Marengo
2007 NATI IERI L. Miniero e P. Genovese
2006 LA PROVINCIALE   Pasquale Pozzessere
2004 DON MATTEO 4    Giulio Base e Andrea Barzini

TEATRO:
ISTANBUL, AD OVEST DELLA MOSCHEA BLU A. Sena
Il PITTORE DI ISTANBUL A. Sena
FERITO A MORTE C. Di Palma
CHI È DEVOTO  (dance theatre) A. Borriello
HEDWIG (musical) E. Lamanna
MAN  (musical) G. Giacobelli
DAL VUOTO PROFONDO (opera video- teatrale) A. Alemanno

MUSICA:
VOCE SOLISTA DELLE COLONNE SONORE DEI FILM:
2012 Barabba  musiche di P. Vivaldi R. Young
2010 LE COSE CHE RESTANO  musiche di M. Betta G.M. Tavarelli
2009 Barbarossa musiche R. Martinelli di Pivio e De Scalzi
2009 MOANA  musiche di Pivio De Scalzi A. Peyretti
2007 DONNE DI MAFIA  musiche  di F. Gazzara Giuseppe Ferrara
2006 CARNERA  musiche di Pivio De Scalzi R. Martinelli
2006 IL MERCANTE DI PIETRE  musiche di P. De Scalzi Renzo Martinelli
2001 LE FATE IGNORANTI musiche di A. Guerra Ferzan Ozpetek
2000 LE SCIAMANE musiche di Massimo Nunzi