‘Na Cosetta Live: i concerti della settimana


‘NA COSETTA LIVE
Concerti dal 16 al 22 GENNAIO
Via Ettore Giovenale, 54
Roma – Pigneto
Inizio concerti ore 22:00
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA AL NUMERO 06.45598326
www.nacosetta.com
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/nacosetta
– INGRESSO GRATUITO –

Lunedì 16 gennaio
OPEN SWING LAB
Appuntamento con il laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e della cultura Swing ideato da Giorgio Cùscito con Gino Cardamone e Giuseppe Talone

Martedì 17 gennaio
THE MIXTAPERS
MONDIAL TIPS!
In diretta dal salotto musicale di ‘na cosetta il sound internazionale e molto personale che caratterizza questo collettivo che incrocia l’hip-hop con lo stile modern funk di casa a Los Angeles

Mercoledì 18 gennaio
SIMONE NEBBIA
Un inedito progetto musicale in cui l’ironia dissacrante e la forza sociale delle sue canzoni si sono equilibrate con note più evocative e poetiche

Giovedì 19 gennaio
LEO PARI
Nell’ultimo disco di Leo Pari “Spazio” c’è tutto il sapore degli anni ’80. Canzoni spesso nate dalla base strumentale, piene di synth suoni dilatati e testi pop

Venerdì 20 gennaio
BEA ZANIN
Gli anni ’80 e ’90 si impossessano di questa cantautrice e violoncellista torinese e del suo potente electro-pop “A Torino come va”

Sabato 21 gennaio
VELODRAMA
La rock band torna sul palco di ‘na cosetta con un set rinnovato e sempre ben piantato sulle sonorità alternative rock

Domenica 22 gennaio
ZELO IN CONDOTTA
FRANCESCO FORNI & LUCA CAROCCI con DARIO SANSONE
Il format originale di Francesco Forni e Luca Carocci ospita tra vinili e racconti il cantante e chitarrista dello storico dello storico gruppo folk-rock napoletano dei “FOJA”
​Riapre la cucina di ‘na cosetta e con lei anche la nuova stagione musicale del bistrot del Pigneto, che continua a sperimentare con sapore newyorkese nuovi abbinamenti tra socialità, ricercatezza enogastronomica e live show. “Pensala Speziata” è la direttiva di ‘na cosetta sia per le novità nel menù gourmet che per le proposte inserite nella programmazione musicale. Tutto segue un pensiero speziato alla ricerca della vivacità, delle collaborazioni e delle sfumature che si creano combinando sapori e sonorità che arrivano anche da lontano.

Lunedì 16 gennaio
OPEN SWING LAB
Torna il laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e della cultura Swing ideato da Giorgio Cùscito con Gino Cardamone e Giuseppe Talone

‘Na cosetta tutti i lunedì sera diventa OPEN SWING LAB, l’unico originale “gruppo di studio” degli stili del jazz classico e dello swing.
Un appuntamento fisso dedicato ai musicisti di qualsiasi estrazione e ai ballerini di lindy hop. Il salotto del bistrot, animato da musicisti e lindy hoppers, si trasforma in un grande laboratorio dove il jazz – suonato e raccontato – riscopre una delle sue declinazioni più antiche: la danza. Open Swing Lab è infatti più di una jam session, si tratta di una vera e propria scuola di musica a palco aperto. Direttore dei lavori, il sassofonista Giorgio Cùscito, consacrato durante il Roma Jazz Festival 2014 “Ambasciatore dello swing a Roma”, con lui sul palco Gino Cardamone alla chitarra e Giuseppe Talone al contrabbasso. Dopo il primo set, il trio diventa open swing lab e partecipano alla musica nomi noti del panorama jazzistico e ballerini di lindy hop, pronti a cimentarsi nella scoperta di un nuovo linguaggio.

Primo set
Giorgio Cùscito – sax tenore
Gino Cardamone – chitarra
Giuseppe Talone – contrabbasso

Secondo set: OPEN SWING LAB

Martedì 17 gennaio
THE MIXTAPERS
MONDIAL TIPS!
In diretta dal salotto musicale di ‘na cosetta il sound internazionale e molto personale che caratterizza questo collettivo che incrocia l’hip-hop con lo stile modern funk di casa a Los Angeles

In diretta dal salotto musicale di ‘na cosetta su Radio Kaos il live dei The Mixtapers, collettivo fondato dai musicisti e producer Michele Manzo e Martino Bisson. Un sound internazionale e allo stesso tempo molto originale e personale che incrocia l’HipHop (con influenze sia dalla golden age di gruppi come i Tribe Called Quest e i De La Soul, sia dalla scena attuale di Madlib, MF Doom, Kendrick Lamar) con lo stile Modern Funk di casa a Los Angeles che sta conquistando il mondo musicale con Dam Funk. The Mixtapers si presentano al pubblico con un EP su vinile 12″, distribuito in tutto il mondo, per la storica etichetta di Berlino, Sonar Kollektiv, fondata dai Jazzanova negli anni ’90. We So Good, la titletrack vede due featuring di peso della scena hip hop internazionale, il duo di MC Yancey Boys composto da Illa J (fratello della leggenda del beatmaking J Dilla) e Frank Nitt. La band può contare su un solido e variegato bagaglio musicale grazie all’esperienza dei suoi componenti nell’ambito del jazz, del funk, della musica brasiliana, influenze che contribuiscono a dare spessore e calore al loro sound aggiungendo un tocco ancora più originale al progetto. Quella che nacque come un’idea di due musicisti è ora diventata una band allargata, un collettivo di devoti alla musica.

EP – https://soundcloud.com/prflr/sets/the-mixtapers-we-so-good/s-f32l7 

FB: https://www.facebook.com/The-Mixtapers-463831507037535/

Mondial Tips! È un nuovo format che si inserisce nel programma TIPS! scritto e condotto da Ant De Oto con la regia di Luigi Giannetti. Appuntamento mensile in diretta da ‘na cosetta in collaborazione con Radio Kaos Italy che vedrà alternarsi sul palco musicisti italiani e stranieri dall’anima soul e funk, dalle sonorità afrobeat fino all’hip hop e al jazz. Prima della diretta del live, i musicisti si racconteranno on air ai microfoni di Tips! e al pubblico in sala. Un viaggio continuo attraverso storie, atmosfere e contaminazioni musicali.

WEB: http://www.radiokaositaly.com/
FB: https://www.facebook.com/tipsradio/

MONDIAL TIPS! ore 22:00 intervista ore 22:30 live.
DIRETTA WEB su: http://www.radiokaositaly.com/

Mercoledì 18 gennaio
SIMONE NEBBIA
Un inedito progetto musicale in cui l’ironia dissacrante e la forza sociale delle sue canzoni si sono equilibrate con note più evocative e poetiche

Come cantautore solista è stato già protagonista sul palco di ‘na cosetta nella rassegna “Una poltrona per quattro”. Adesso è pronto a esibirsi nuovamente con un inedito progetto musicale in cui l’ironia dissacrante e la forza sociale delle sue canzoni si sono equilibrate con note più evocative e poetiche.

SIMONE NEBBIA – BIO
Simone Nebbia si sentiva solo. Nel senso proprio che si ascoltava soltanto, nessuno lo ascoltava tranne sé stesso. Per questo ha formato una band. Che porta il suo nome. Tipo modesto insomma. Però da quel momento la sua musica intrisa di tante parole ha iniziato a perderne qualcuna, i toni si sono fatti ora duri ora docili, l’ironia dissacrante e la forza sociale delle sue canzoni si sono equilibrate con note più evocative e poetiche. Giura che presto inciderà il suo primo disco. Un modo come un altro per dare la colpa a qualcuno. Giura anche che eviterà, il disco, di chiamarlo Simone Nebbia.

Simone Nebbia, voce e Chitarra
Edoardo Petretti, pianoforte e Tastiere
Filippo Schininà, batteria
Giacomo Nardelli, basso
Claudio Toldonato, chitarre

Giovedì 19 gennaio
LEO PARI
Nell’ultimo disco di Leo Pari “Spazio” c’è tutto il sapore degli anni ’80. Canzoni spesso nate dalla base strumentale, piene di synth suoni dilatati e testi pop

Leo Pari calca il palco di ‘na cosetta per suonare i brani del suo ultimo disco “Spazio”; dopo 5 album in cui l’artista ha mescolato rock, rap, grime, folk ed elettronica passando per il cantautorato folk rock, con questo nuovo lavoro discografico Leo Pari sposa il POP come gli ha insegnato il Lucio Battisti di “Una Donna per Amico” e “Una Giornata Uggiosa”. In Spazio troviamo riflessioni importanti sul mondo di Leo Pari, un album dal sapore anni 80 con canzoni spesso nate dalla base strumentale, piene di sintetizzatori e suoni dilatati, per cercare prima di tutto immediatezza, abbandonando il ruolo di protagonista e lasciando che testi e melodie parlino al suo posto.

Bacia Brucia Ama Usa – https://www.youtube.com/watch?v=2f-WLJujgz4
I piccoli segreti degli uomini – https://www.youtube.com/watch?v=uMRPYh_ELJM

IL DISCO
In Spazio troviamo riflessioni importanti sul proprio mondo – “I cantautori sono i depuratori della società” (I Cantautori), riflessioni sui rapporti uomo/ donna dal tenore provocatorio – “Scopo con un’altra le ho detto che la amo, ma sto pensando ancora a te” (I Piccoli Segreti Degli Uomini), oppure dal tenore più divertito – “Ti porterò a ballare la sera, andiamo fuori per cena, facciamo mattina” (Bacia Brucia Ama Usa). Ma in Spazio troviamo anche il passare del tempo, raccontato in modo esistenzialista ne La Fine Del Mondo – “Arriverà la fine del Mondo ma non ci stupirà, arriverà con la musica di Beethoven in sottofondo, ma non ci ucciderà” – e in modo più individualista ne La Seconda Volta “E di colpo avevi 18 anni, partivi con gli amici in Interrail, con i capelli lunghi tutta la vita avanti, era l’estate del ’96”. E ancora il crollo dei valori tradizionali “Ave Maria piena di graffi” (Ave Maria). Un disco molto ricco da tanti punti di vista: suono, immediatezza, contenuti e ricerca musicale.

LEO PARI – BIO
Dopo 2 album piuttosto sperimentali in cui si mescolavano rock, rap, grime, folk ed elettronica, ha preso la strada del cantautorato folk rock.
Il 14 novembre 2010 esce un album con la band “San La Muerte”, dal titolo omonimo, in cui Leo Pari suona, canta e compone. Le sonorità questa volta si muovono sui confini del Rock\Blues\LoFi.
Nel gennaio 2012 esce “Rèsina” un disco prodotto artisticamente dallo stesso Leo Pari in collaborazione con Marco Fabi, dove hanno suonato: Leo Pari (voce, chitarre, piano, sintetizzatori), Roberto Angelini (chitarre slide), Pier Cortese (IPad), Andrea Pesce [FISH] (pianoforte), Samuele Matteucci (piano, sinth, chitarre), Emanuele Guidoboni (basso), Pietro Sinatra (batteria), Jeff Mancini (chitarre). Con “Rèsina” Leo Pari spegne computer e campionatori e torna alle radici del folk\rock.

Oltre all’attività di musicista Leo Pari gestisce insieme ad altri amici e collaboratori uno studio di registrazione ed un’etichetta musicale dal nome Gas Vintage Records.
È autore di diverse canzoni di successo interpretate da Simone Cristicchi.




L’8 novembre 2013 esce “Sirèna” secondo capitolo di una Trilogia iniziata con il precedente “Rèsina”. Registrato presso i Gas Vintage Studios di Roma, vanta la collaborazione di Daniele Rossi aka Mr.Coffee (già collaboratore di Niccolò Fabi e Tiromancino). Sirèna è stato mixato da Tommaso Colliva (Afterhours, The Muse, Calibro 35, Dente). Leo Pari inoltre dal 2010 fonda l’etichetta discografica indipendente Gas Vintage Records, con sede a Roma, per la quale produce, oltre ai suoi stessi album: Discoverland (il progetto di rivisitazioni musicali di Pier Cortese e Roberto Angelini), Thee Elephant, e due compilation di musicisti della scena indipendente italiana (rispettivamente Gas Vintage Super session Vol.1 e Vol.2)
Dal 2013 Leo Pari è membro del Collettivo Dal Pane insieme a Roy Paci, Roberto Angelini, Pino Marino, Francesco Forni ed altri.
Attualmente è anche in tour con i Thegiornalisti.

Venerdì 20 gennaio
BEA ZANIN
Gli anni ’80 e ’90 si impossessano di questa cantautrice e violoncellista torinese e del suo potente electro-pop “A Torino come va”

Cantautrice e violoncellista torinese, Bea fonde un elegante electro-pop con dichiarati richiami allo stile 80s e 90s alle sonorità più classiche del suo violoncello. Carismatica e originale Bea fa parlare di sé da ormai un paio d’anni, già attiva al fianco di Bianco, Daniele Celona, Luca Morino e molti altri – finalmente – a settembre ha fatto uscire per Libellula/Audioglobe il suo album d’esordio “A Torino Come Va”, con la produzione artistica di Diego Perrone (Niagara, Medusa, Caparezza).
Da poco è uscito il videoclip di Se Ti Annoi è Colpa Tua diretto da Donny Sansone (che in Italia ha già lavorato con Verdena, Subsonica, Afterhours e molti altri). Il brano ironico estratto dal disco racconta della vita universitaria della cantante torinese tra social network, serate, noie e ansie.

BEA ZANIN – BIO
Bea muove i primi passi nel 2008 col gruppo Hidre Intime, che associa l’electro-pop a strumenti inusuali mutuati dall’industriali. Da sempre è attratta dai suoni grezzi dell’underground torinese e collabora, soprattutto come violoncellista pop/post-rock, con vari artisti della scena italiana. Parallelamente porta avanti un progetto di musica anni ’50-’60 con il trio femminile “Le Bahamas”. Il 24 ottobre 2014 ha pubblicato online il suo primo lavoro solista autoprodotto, un omonimo EP di quattro tracce con sonorità che spaziano dall’electro-pop alla musica classica. L’ep si diffonde in maniera virale, fino a fruttarle una segnalazione su Rolling Stone di marzo 2016 e una intervista su Rumore a maggio 2016, ed è accompagnato da una intensa attività live. A marzo 2016 esce il brano “Pazzo di te”, con il featuring di Diego Perrone (Caparezza, Niagara, Medusa) e che anticipa di qualche mese il suo album d’esordio. Il singolo è accompagnato dal “Pazzo tour”, in cui Bea e Diego si esibiscono in diverse città italiane.

VIDEO: https://youtu.be/h0OjRP_w0kI

WEB: http://www.beazanin.com

Sabato 21 gennaio
VELODRAMA
La rock band torna sul palco di ‘na cosetta con un set rinnovato e sempre ben piantato sulle sonorità alternative rock

I Velodrama, l’alternativa rock band di Roma, torna a esibirsi nel salotto di ‘na cosetta con un set rinnovato, ma sempre ben piantato sulle sonorità di matrice anglosassone e dei connazionali Afterhours, Marlene Kuntz e Verdena.
Con il loro ultimo album “L’eticAmorale” il gruppo si è esibito al fianco di Verdena, The Giornalisti, Nobraino e Francesco Tricarico, oltre ad aver vinto il FrasSuono Festival. Il disco – esordio discografico della band – è ricco di testi intensi, rigorosamente in italiano e profondamente legati all’attualità e alla denuncia sociale e personale. Il lavoro discografico pubblicato da Latlantide e distribuito da Edel, anticipato dall’uscita dei singoli “I miei giorni di anarchia”, passato in diffusione su oltre 180 radio ed entrato nella Top 50 della Indie Airplay Chart di RadioAirplay, Fm realizzata in esclusiva per il Mei, e “Io personalmente me ne frego”.

Io Personalmente Me Ne Frego – https://www.youtube.com/watch?v=x7GmWu0HExE
Il patto delle iene – https://www.youtube.com/watch?v=qYx0TBu9WJA

Stefano Pilloni, voce, chitarra ritmica
Flavio Gianello,chitarra solista
Corrado Ciaccia, basso
Fabio Cesarini, batteria

VELODRAMA – BIO
I Velodrama, fondati da Stefano Pilloni nel 2009,sono un’alternative rock band italiana, dalle sonorità aggressive, ispirate e influenzate in parte dai connazionali Afterhours, Marlene Kuntz e Verdena, in parte dai Placebo e Smashing Pumpkins, accompagnate da testi intensi, rigorosamente in italiano e profondamente legati all’attualità e alla denuncia sociale e personale.
A fine 2011 i Velodrama avviano un rapporto di collaborazione con Alex Marton, che inizia a curare l’intera produzione artistica della band. I primi risultati di questa fruttuosa collaborazione sono l’uscita di due videoclip, il primo (“L’Immagine”) realizzato a dicembre del 2011, il secondo (“Escluso il cane”) l’anno seguente e un’intensa attività live su tutto il territorio nazionale a partire dalla fine del 2012 e per tutto il 2014. Ai concerti si accompagnano prestigiose presenze radiofoniche e televisive, tra cui DeeJay Tv e Roxy Bar Tv.
Nel 2014 esce il primo lavoro ufficiale della band, il mini-cd “La terra di nessuno”, che verrà reso disponibile online a giorni. Nella primavera dello stesso anno la band inizia a registrare il primo album full-lenght, che verrà completato a fine ottobre e pubblicato a marzo 2015.Nasce così “L’eticAmorale” il primo L.P. che contiene 9 tracce inedite più una cover, un disco denso di atmosfere punk-rock che ricordano le sonorità anni 90, con testi raffinati e carichi di denuncia sociale, dove evince la voglia di reagire e non sedersi sulle apparenti comodità quotidiane.La produzione viene affidata anche questa volta ad Alex Marton, mentre la distribuzione spetta all’etichetta bergamasca ” Atlantide”,il disco viene apprezzato e recensito bene dalle varie testate giornalistiche addette ai lavori, tra cui Rock it. Inizia così il tour che vedrà la band impegnata per tutto il 2015 e 2016 a suonare nei vari club italiani. Attualmente è in lavorazione il nuovo disco dal titolo ” a cosa serve” che vedrà come anticipazione, la pubblicazione di 3 singoli a partire da aprile 2017.

FB: https://www.facebook.com/velodrama.rock/
WEB: http://www.velodrama.it

Domenica 22 gennaio
ZELO IN CONDOTTA
FRANCESCO FORNI & LUCA CAROCCI con DARIO SANSONE
Il format originale di Francesco Forni e Luca Carocci ospita tra vinili e racconti il cantante e chitarrista dello storico dello storico gruppo folk-rock napoletano dei “FOJA”

Torna sul palco di ‘na cosetta il quinto appuntamento con il format ZELO IN CONDOTTA ideato da Francesco Forni con Luca Carocci. Un giradischi, una tavola imbandita, qualche chitarra, dei vinili e molte cose da raccontare. Questi i presupposti della serata ZELO IN CONDOTTA dove il palco del club diventa il tavolo degli sposi, il lancio dei brindisi, le note cantate per innamoramento alla notte in compagnia. Tra musica, poesia e racconti, i due artisti si aprono al pubblico coinvolgendo per questo appuntamento Dario Sansone, voce e chitarra dei Foja. Sono già stati ospiti della serata GNUT, al secolo Claudio Domestico, ERICA MOU, Roberto Angelini e Davide Combusti in arte The Niro.

BIO FRANCESCO FORNI
Francesco Forni ha alle spalle una carriera longeva e ricca di produzioni che spaziano dalla composizione di colonne sonore per teatro, per cinema ad una copiosa discografia in cui figura in diversi ruoli: chitarrista, compositore, produttore, cantautore. Artista originale e caparbio nella ricerca delle sonorità che meglio lo rappresentano, Forni è sempre aperto ad innesti e contaminazioni di altri generi, estroso nella scrittura dei testi, abilissimo nel creare ambienti suggestivi, psichedelici, passionali e visionari, generoso nel concedersi in intense esibizioni d’indubbia destrezza vocale e strumentale dal vivo. Dal 2012 è legato artisticamente ad Ilaria Graziano in un progetto amatissimo da pubblica e critica. Fra i suoi ultimi lavori le colonne sonore di “Educazione Siberiana” di N.Lilin regia di G. Miale Di Mauro, “Erodiade” di P. Sepe con Maria Paiato, “Santos” di R. Saviano/M. Gelardi, la collaborazione con l’Angelo Mai per le produzioni Blumotion e l’ideazione e produzione con Armando Pirozzi del Caracallas Total Show (ad oggi 15 spettacoli diversi), con Niccolò Fabi per il concerto video live di “Ecco”, con i Calibro 35. Nelle passate collaborazioni anche partecipazioni a colonne sonore come “Le conseguenze dell’amore” di Paolo Sorrentino, “Volevo solo dormirle addosso” di Eugenio Cappuccio, tour con James Senese e Napoli Centrale, Marina Rei, Capone.

BIO LUCA CAROCCI
Neo vincitore del Premio del Pubblico e del Premio della Critica (ex equo con Mimosa Campironi) delle “Audizione live” di Musicultura 2016, Luca Carocci è al lavoro per l’atteso nuovo disco in uscita quest’anno con la produzione artistica di Filippo Gatti e la produzione esecutiva di Pietro Sermonti.
La sua storia musicale nasce nel 1996 quando parte per un viaggio in Sri Lanka e decide di mischiarsi con altri musicisti, in un modo diverso e più intimo. Il suo viaggio è continuato: Zanzibar, Maldive, Brasile, Miami, Repubblica Dominicana, Grecia, Barcellona ed infine Messico. Da qui, il ritorno in Italia e la necessità di fermarsi e sistemare tutte le storie vissute in quegli anni di lunghi viaggi. Circa 15 anni dopo, Luca entra a far parte della “Fiorirari” ed esce nel 2014 il suo progetto musicale “GIOVANI EROI”, album realizzato con la produzione artistica di Luca e Claudio Domestico (Gnut) e la collaborazione di Angelini/Rossi. Oggi coinvolge per le registrazioni del suo nuovo lavoro artisti come Margherita Vicario, Francesco Forni, Roberto Angelini, Alberto Bianco e due musicisti di eccezione: Fabio Marchiori (Bobo Rondelli, Linton Kwesi Johnson) e Fabio Rondanini (Calibro 35, Afterhours).

BIO DARIO SANSONE
Presenta con i Foja il primo disco nel 2011, ‘Na storia Nova’ con l’etichetta indipendente Full Heads/Materia Principale e la produzione artistica di Fabrizio Fedele (Osanna). Il singolo ‘O sciore e o’ Viento’ ha da subito un grandissimo successo e ad oggi resta uno dei brani a cui i fan sono più affezionati. Nel 2011 tornano a produrre qualcosa di nuovo e lanciano il singolo inedito ‘Tu me accire’, una ballata che conquista tantissimi cuori ed anime accompagnato dal video diretto da Simone Veneruso e Chiara Grassi.
Nel 2013 i Foja vengono chiamati ad aprire il concerto di Manu Chao alla Mostra d’Oltremare di Napoli, un concerto che riscuote grandissimo successo e nel quale la band fa ascoltare alcuni dei brani composti per il secondo album.
Nel 2013 viene presentato il secondo disco ‘Dimane torna o sole’ con l’etichetta indipendente Full Heads e lo studio Mad Ent con la produzione artistica di Claudio Domestico (Gnut). Come per il primo disco, anche per Dimane torna o sole i Foja hanno scelto di collaborare con tantissimi musicisti italiani di fama internazionale, convinti che dalla condivisione possano nascere sempre grandi note. Uno dei singoli del disco ‘A malia’ è stato scelto per la colonna sonora del film di animazione di Alessandro Rak e Luciano Stella ‘ L’Arte della Felicità – il Film, un traguardo davvero importante per la band, che ha portato la loro musica in moltissime città italiane ed estere, fino alla lontanissima India! ‘A malia’ tra l’altro si è conquistata un posto tra le candidature del prestigioso premio Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello, come migliore canzone originale. Sempre nel 2014 un’altra importante collaborazione, un brano inedito ‘Da sule nun se vence maje’, scritto da Alessandro Siani con le musiche di Dario Sansone e gli arrangiamenti curati dalla band.