Pippo Pollina & Palermo Acoustic Quintet in concerto al Teatro Vascello (Martedì 28 Febbraio)


PIPPO POLLINA
&
Palermo Acoustic Quintet

martedi 28 febbraio 2017 ore 21,00
Teatro Vascello, Roma
approda in Italia
IL SOLE CHE VERRA’ EUROPA TOUR 2017
“Progetto speciale per l’Italia, Tour della memoria – passi di legalità”, nato per celebrare il Venticinquennale delle stragi di Falcone e Borsellino

A seguito dell’uscita, del suo 22esimo album IL SOLE CHE VERRÁ ed al relativo Tour Europeo che ha già toccato Zurigo, Monaco, Vienna, Salisburgo, Stoccarda, Amburgo, Berlino, Francoforte, Lugano e altre importanti venue europee, e che prevede ben 30 concerti nel primo mese e mezzo di apertura, il 25 Febbraio Pippo Pollina approda in Italia. Verona, Firenze, Roma e Misano Adriatico, le tappe di questo primo tour italiano; l’artista tornerà a Maggio nel Bel paese, con altre date.
Lo spettacolo, che ha già registrato il tutto esaurito a Coira, Zurigo, Allensbach, Vienna, Amburgo, richiamando più di 11.000 persone in sole due settimane di tour, vede con Pippo Pollina sul palco una fomazione tutta italiana, il Palermo Acoustic Quintet: Roberto Petroli al clarinetto e sassofoni, Fabrizio Giambanco alla batteria e percussioni, Filippo Pedol al contrabbasso e basso elettrico, Michele Ascolese alle chitarre acustiche ed elettrica e Gianvito Di Maio alle tastiere e fisarmoniche. Una band di musicisti appassionati che arricchisce la presentazione del nuovo programma musicale dell’artista siciliano: oltre ai brani dell’ultimo disco, nuovi arrangiamenti di brani storici del suo vasto canzoniere, raramente eseguiti dal vivo.
Il tour italiano farà tappa a Roma, martedì 28 febbraio, al Teatro Vascello, con il “Progetto speciale per l’Italia, Tour della memoria – passi di legalità”, nato per celebrare il Venticinquennale delle stragi di Falcone e Borsellino, un tour della memoria per ripercorrere i passi di legalità che dal 1992 al 2017 sono stati fatti in Italia sul tema della lotta alla mafia. Il progetto speciale toccherà Firenze, Roma e Misano Adriatico per una serie d’iniziative legate ai temi della legalità e della giustizia, in collaborazione con le associazioni locali e/o i Comuni.
L’occasione del Venticinquennale delle stragi di mafia del ‘92 carica di significato questo tour italiano di Pippo Pollina che, in 30 anni di carriera, 22 album e più di 4000 concerti, oltre ad essere considerato un grande rappresentante della migliore tradizione cantautorale italiana, ha sempre tenuto il ruolo di ambasciatore nei paesi di madrelingua tedesca, principale bacino del suo grande pubblico, di una italianità legata anche ai temi della legalità e della giustizia. Tanto che al concerto finale della scorsa tournèe, a Zurigo nell’Agosto del 2015, uno stadio con più di 8.000 spettatori ha accolto Giovanni Impastato (fratello di Peppino Impastato ucciso dalla mafia nel 1978) con una standing ovation sorprendente, pensando alla composizione prevalentemente straniera del pubblico in sala.
Pippo Pollina, che ha fatto parte del primo grande movimento antimafia siciliano degli anni ’80 e che giovanissimo collaborava con il mensile I Siciliani di Giuseppe Fava, andato via dalla Sicilia dopo l’omicidio del direttore del giornale, ha peregrinato in giro per il mondo per poi insediarsi in Svizzera dove ha intrapreso una brillante carriera artistica. L’impegno ha sempre caratterizzato i temi del suo canzoniere facendogli ottenere premi e riconoscimenti in Italia e all’estero.
Il coinvolgimento di Giovanni Impastato, che accompagnerà entrambi i tour italiani, è stato pensato con il fine di prevedere due momenti: uno di mattina, convegno/ conferenza/incontro con le scuole (a Roma incontrerà gli allievi dell’I.C.” Nelson Mandela ” alle ore 11) e l’altro serale con il concerto di Pippo Pollina e del Palermo Acoustic Quintet: un programma che, grazie alla bella amicizia con Impastato, permette di agire concretamente sui temi cari all’artista, attraverso il coinvolgimento dei giovani delle scuole e dell’associazionismo locale per segnare insieme i passi da compiere nella direzione del sole che verrà.




IL SOLE CHE VERRA’ 3 POSTO NELLA HIT IN SVIZZERA.
IL SOLE CHE VERRA’ NELLA CLASSIFICA IN GERMANIA
IL SOLE CHE VERRA’ è al posto 61 della Hit Parade in Germania. L’ultimo album di CANZONE D’AUTORE italiana che era entrato nelle top 100 in Germania è stato (a parte L’APPARTENENZA sempre di Pollina) nel 1979 Banana Republic di Dalla e De Gregori.

L’album è entrato anche nella classifica austriaca. Un quarantottesimo posto.
Per informazioni, prenotazioni e biglietti: prenotazioni@pippopollina.com

Pippo Pollina & Palermo Acoustic Quintet
Pippo Pollina: voce, piano e chitarra
Roberto Petroli: clarinetto e sassofoni
Fabrizio Giambanco: batteria e percussioni
Filippo Pedol: contrabbasso e basso elettrico
Michele Ascolese: chitarre acustiche ed elettrica
Gianvito Di Maio: tastiere e fisarmoniche

Teatro Vascello – Via Giacinto Carini, 78 – Roma
Ingresso: Intero Euro 20,00
Biglietti al botteghino del Teatro Vascello:+39 06 58 98 031 – botteghino@teatrovascello.it oppure online sul sito del teatro.

BIOGRAFIA
Pippo Pollina nasce a Palermo nel 1963 da una famiglia borghese di origini contadine. Cresce e studia nel capoluogo siciliano frequentando negli anni 80 la facoltà di giurisprudenza e l’accademia “Amici della musica” con studi di chitarra classica.
Impegnato nell’allora nascente movimento antimafia collabora al mensile catanese “I siciliani” fino all’omicidio ad opera di cosa nostra del suo direttore storico Giuseppe Fava. Insieme ad altri musicisti palermitani fonda il gruppo Agricantus con il quale lavora fino alla fine del 1985 in sei anni di intensa attività concertistica in Italia e all’estero, e seminaristica nelle scuole medie e superiori della Sicilia.
Pippo Pollina lascia l’Italia alla fine del 1985 per intraprendere un viaggio senza una meta precisa e dopo 3 anni di giro del mondo approda in Svizzera, dove oggi vive, nella città di Zurigo.
Un canzoniere di circa 250 brani incisi nel solco di 22 album. Oltre 4.000 concerti in Italia, Germania, Austria, Francia, Svizzera, Olanda, Svezia, Belgio, Egitto e U.S.A.
Innumerevoli collaborazioni artistiche fra cui rimarchevoli quelle con Franco Battiato, Inti-Illimani, Konstantin Wecker, Linard Bardill, Nada, Georges Moustaki, Schmidbauer & Kälberer, Charlie Mariano, Patent Ochsner, Giorgio Conte etc. fanno di Pollina un artista in perenne movimento creativo.
Svariati premi della critica in rinomate rassegne musicali sia in Italia che all’estero lo indicano come uno dei depositari della tradizione della grande canzone d’autore italiana.
Pippo Pollina vive con sua moglie Christina e i suoi figli Julian e Madlaina a Zurigo.