‘Na Cosetta: i live della settimana


‘NA COSETTA
Concerti dal 27 NOVEMBRE al 3 DICEMBRE
Via Ettore Giovenale, 54
Roma – Pigneto
Inizio concerti ore 22:00
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA AL NUMERO 06.45598326
www.nacosetta.com
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/nacosetta
– INGRESSO GRATUITO –

Lunedì 27 novembre
OPEN SWING LAB
Il laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e della cultura Swing ideato da Giorgio Cùscito con Gino Cardamone e Giuseppe Talone

Martedì 28 novembre
DALLA GERMANIA: NOSOYO
Duo pop-elettro-folk che sembra saltato fuori da un road movie indipendente

Mercoledì 29 novembre
FRANCESCO FORNI & LUCA CAROCCI con CELONA per ZELO IN CONDOTTA
L’originale concerto con la musica dal vivo di Francesco Forni e Luca Carocci con CELONA ospite d’onore

Giovedì 30 novembre
Ore 18:00 LA MASCHERA – SHOWCASE di presentazione del nuovo album “ParcoSofia”

Giovedì 30 novembre
Ore 22:00 PIERPAOLO CAPOVILLA per SALOTTO CANTAUTORI
Il leader de Il Teatro degli Orrori prende posto nel salotto del club per un incontro curato dall’Associazione Altramusica e condotto da Agnese Ermacora

Venerdì 1 dicembre
LIEDE – STARE BRAVI
Un piccolo gioiello indie pop con dentro il giusto pizzico di irriverenza e cinismo

Sabato 2 dicembre
XHU – MUSIC FROM
Prima tappa nella capitale per il tour della band di origine napoletana ma con un respiro più che internazionale

Domenica 3 dicembre
LUCA MADONIA – IL TEMPO È DALLA MIA PARTE
Il cantante siciliano celebra con questo album 35 anni di carriera e torna a Roma con uno specialissimo set acustico

 

Lunedì 27 novembre
OPEN SWING LAB
Il laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e della cultura Swing ideato da Giorgio Cùscito con Gino Cardamone e Giuseppe Talone

Una vera jazz renaissance che va in scena tutti i lunedì sera nel salotto di ‘na cosetta. L’OPEN SWING LAB da ormai tre stagioni è l’unico originale “gruppo di studio” degli stili del jazz classico e dello swing. Un appuntamento fisso dedicato ai musicisti di qualsiasi estrazione e ai ballerini di lindy hop. Il bistrot, animato da musicisti e lindy hoppers, si trasforma in un grande laboratorio dove il jazz – suonato e raccontato – riscopre una delle sue declinazioni più antiche: la danza. Open Swing Lab è infatti più di una jam session, si tratta di una vera e propria scuola di musica a palco aperto. Direttore dei lavori, il sassofonista Giorgio Cùscito, consacrato durante il Roma Jazz Festival 2014 “Ambasciatore dello swing a Roma”, con lui sul palco Gino Cardamone alla chitarra e Giuseppe Talone al contrabbasso. Dopo il primo set, il trio diventa open swing lab e partecipano alla musica nomi noti del panorama jazzistico e ballerini di lindy hop, pronti a cimentarsi nella scoperta di un nuovo linguaggio.

Primo set
Giorgio Cùscito – sax tenore
Gino Cardamone – chitarra
Giuseppe Talone – contrabbasso

Secondo set: OPEN SWING LAB

Martedì 28 novembre
DALLA GERMANIA: NOSOYO
Duo pop-elettro-folk che sembra saltato fuori da un road movie indipendente

Un duo che sembra saltato fuori da un road movie del cinema indipendente di cui continuano a scriverne la colonna sonora. Le loro sonorità pop oscillano delicatamente tra l’indie e l’elettro folk più ipnotico, scandito dalle note più basse dei sintetizzatori su cui si appoggiano cori e voci stratificate. Daim de Rijke e Donata Kamarz sono a tutti gli effetti musicisti europei perché la loro musica sembra fare base tra Amsterdam, Bonn, Berlino e Istanbul indovinando sempre il ritmo più orecchiabile.

Old soul https://www.youtube.com/watch?v=o5HyZugo278
Losing Time https://www.youtube.com/watch?v=gqTXQPi6Zbk
Disillusioned https://www.youtube.com/watch?v=X99VanWIMXQ

FB: https://www.facebook.com/nosoyomusic/

Mercoledì 29 novembre
FRANCESCO FORNI & LUCA CAROCCI con CELONA per ZELO IN CONDOTTA
L’originale concerto con la musica dal vivo di Francesco Forni e Luca Carocci con CELONA ospite d’onore

Torna sul palco di ‘na cosetta ZELO IN CONDOTTA, l’originale concerto che vede suonare e cantare insieme Francesco Forni e Luca Carocci con un ospite differente in ogni appuntamento. Il salotto del club si riempie di racconti, canzoni e storie; una seconda stagione di originali concerti che lo scorso anno ha visto combinazioni incredibili e momenti musicali altissimi. I due artisti si aprono al pubblico coinvolgendo per questo appuntamento CELONA.
Sono già stati ospiti della serata GNUT, al secolo Claudio Domestico, ERICA MOU, Roberto Angelini, Davide Combusti in arte The Niro, Dario Sansone, voce e chitarra dei Foja, lo scrittore Claudio Morici, Colandrea, Marco Fabi e Ilaria Porceddu.

BIO FRANCESCO FORNI
Francesco Forni ha alle spalle una carriera longeva e ricca di produzioni che spaziano dalla composizione di colonne sonore per teatro, per cinema ad una copiosa discografia in cui figura in diversi ruoli: chitarrista, compositore, produttore, cantautore. Artista originale e caparbio nella ricerca delle sonorità che meglio lo rappresentano, Forni è sempre aperto ad innesti e contaminazioni di altri generi, estroso nella scrittura dei testi, abilissimo nel creare ambienti suggestivi, psichedelici, passionali e visionari, generoso nel concedersi in intense esibizioni d’indubbia destrezza vocale e strumentale dal vivo. Dal 2012 è legato artisticamente ad Ilaria Graziano in un progetto amatissimo da pubblica e critica. Fra i suoi ultimi lavori le colonne sonore di “Educazione Siberiana” di N.Lilin regia di G. Miale Di Mauro, “Erodiade” di P. Sepe con Maria Paiato, “Santos” di R. Saviano/M. Gelardi, la collaborazione con l’Angelo Mai per le produzioni Blumotion e l’ideazione e produzione con Armando Pirozzi del Caracallas Total Show (ad oggi 15 spettacoli diversi), con Niccolò Fabi per il concerto video live di “Ecco”, con i Calibro 35. Nelle passate collaborazioni anche partecipazioni a colonne sonore come “Le conseguenze dell’amore” di Paolo Sorrentino, “Volevo solo dormirle addosso” di Eugenio Cappuccio, tour con James Senese e Napoli Centrale, Marina Rei, Capone.

BIO LUCA CAROCCI
Vincitore del Premio del Pubblico e del Premio della Critica (ex equo con Mimosa Campironi) delle “Audizione live” di Musicultura 2016, Luca Carocci è al suo secondo disco “Missili e somari” che vede la produzione artistica di Filippo Gatti e la produzione esecutiva di Pietro Sermonti. La sua storia musicale nasce nel 1996 quando parte per un viaggio in Sri Lanka e decide di mischiarsi con altri musicisti, in un modo diverso e più intimo. Il suo viaggio è continuato: Zanzibar, Maldive, Brasile, Miami, Repubblica Dominicana, Grecia, Barcellona ed infine Messico. Da qui, il ritorno in Italia e la necessità di fermarsi e sistemare tutte le storie vissute in quegli anni di lunghi viaggi. Circa 15 anni dopo, Luca entra a far parte della “Fiorirari” ed esce nel 2014 il suo progetto musicale “GIOVANI EROI”, album realizzato con la produzione artistica di Luca e Claudio Domestico (Gnut) e la collaborazione di Angelini/Rossi. Oggi coinvolge per le registrazioni del suo nuovo lavoro artisti come Margherita Vicario, Francesco Forni, Roberto Angelini, Alberto Bianco e due musicisti di eccezione: Fabio Marchiori (Bobo Rondelli, Linton Kwesi Johnson) e Fabio Rondanini (Calibro 35, Afterhours).

BIO DANIELE CELONA
Daniele Celona, torinese con origini sarde e siciliane, appartiene alla categoria dei cantautori che utilizzano le canzoni come una sorta di personale terapia, con l’esigenza di sezionare determinate dinamiche collettive, di comprendere e denunciare derive e storture della realtà in cui viviamo. Il processo era già iniziato con Fiori e Demoni (2012), il suo disco d’esordio, portato live lungo tutto lo stivale con preziose condivisioni di palco quali quelle con Paolo Benvegnù, Umberto Maria Giardini e Teatro degli Orrori. Il primo singolo estratto – Mille Colori – si accompagna al video ad opera del regista Mauro Talamonti che viene considerato ancora ad oggi uno dei migliori clip indipendenti degli ultimi anni, riceve la nomination come miglior fotografia al PIVI2013 e il premio Miglior Video per la Biennale MarteLive. Tra la fine del tour di Fiori e Demoni e l’uscita di Amantide Atlantide, Celona è in tour come chitarrista e pianista con l’amica cantautrice Levante per il Manuale Distruzione Tour.
Il 22 ottobre 2014 Celona annuncia l’uscita del nuovo album regalando il brano SudOvest in uno speciale Rockit e presentando il relativo docu-video firmato da Mauro Talamonti al Milano Film Festival in collaborazione con I Distratti e _resetfestival. L’anteprima del Tour è acustica e vede Celona impegnato sul finire del 2014 con il frontman degli Anthony Laszlo in un duo inedito per il SudOvestAcusticoTour. Il 3 febbraio 2015 esce il secondo album Amantide Atlantide per NøeveRecords e Sony Music, anticipato da La Colpa, primo singolo ufficiale accompagnato dal prezioso videoclip di Bruno “Mezzacapa” D’Elia che vale al cantautore torinese la selezione di MTV New Generation come Artista del Mese.Dal 30 settembre 2015 Atlantide, il prezioso feat tra Daniele Celona e Levante, è in tutte le radio.
Atlantide è accompagnato dal video uscito il 6 ottobre in esclusiva per Vevo, accolto con entusiasmo da critica e pubblico. E con l’uscita di Atlantide riparte anche il tour, che vede Daniele Celona da novembre ad aprile protagonista di una nuova serie di concerti lungo tutto lo stivale accompagnato dalla formazione elettrica che vede Marco Di Brino al basso, Davide “Invena” Mitrione alla chitarra e Mario Rossi alla batteria.

Giovedì 30 novembre
Ore 18:00 LA MASCHERA – SHOWCASE di presentazione del nuovo album “ParcoSofia”




La Maschera, una delle band emergenti più ricercate della scena campana, arriva a Roma per presentare in uno showcase sul palco di ‘na cosetta il nuovo disco “ParcoSofia” uscito lo scorso 10 novembre. La band incontrerà il pubblico e svelerà aneddoti e curiosità sull’album suonando alcuni brani in versione acustica.
A tre anni di distanza da ’O Vicolo ‘e l’Allerìa, oltre 100 concerti in giro per la Campania e per tutta Italia, il sold-out quasi immediato del Teatro Bellini e piazze piene in ogni occasione, La Maschera esce con un nuovo disco in cui convivono anime diverse tra loro, così come diverse sono le direzioni musicali che caratterizzano gli 11 brani di ParcoSofia, che partono da Napoli e arrivano fino in Africa anche grazie al fortunato incontro artistico col musicista senegalese Laye Ba.
Nel disco tra gli altri, alcuni compagni di viaggio e ospiti speciali: Claudio “Gnut” Domestico, che ha curato anche la produzione artistica di ParcoSofia, Daniele Sepe ai fiati e a tanto altro, Michele Maione alle percussioni, Arcangelo Michele Caso al violoncello, Michele Signore agli archi, ai plettri e ai missaggi, Dario Sansone, Martina De Falco e Alessio Sollo ai cori.
ParcoSofia è stato anticipato dal singolo Dimane comm’ajere e da Te vengo a cercà.

Dimane comm’ajere: https://www.youtube.com/watch?v=yGA1-xNn7jU
Te vengo a cercà: https://www.youtube.com/watch?v=AbcUxzBYbfE

Giovedì 30 novembre
Ore 22:00 PIERPAOLO CAPOVILLA per SALOTTO CANTAUTORI
Il leader de Il Teatro degli Orrori prende posto nel salotto del club per un incontro curato dall’Associazione Altramusica e condotto da Agnese Ermacora

Pierpaolo Capovilla (One dimensional man, Teatro degli Orrori) si racconta e canta alcuni brani sul palco di ‘na cosetta per la rassegna “Il Salotto Cantautori”, progetto ideato dall’Associazione Altramusica che realizza incontri dedicati al cantautorato italiano. Ad ogni evento si accedono i riflettori su alcuni dei più talentuosi cantautori italiani per parlare e cantare del loro mondo, del loro mestiere e di come prendono vita le loro canzoni. Ogni appuntamento è condotto da un moderatore che intervista il cantautore e riallaccia i vari passaggi della conversazione musicale. La serata presentata nel club del Pigneto sarà condotta dalla giornalista Agnese Ermacora.

FB: https://www.facebook.com/ilsalottocantautori/

BIO Pierpaolo Capovilla
Pierpaolo Capovilla, classe 1968, è un musicista ed autore della scena indipendente italiana. Cantante e bassista di uno dei gruppi seminali degli anni ’90, gli One Dimensional Man, con questi suona una serie sterminata di concerti in Italia e in Europa, e pubblica 5 album destinati a lasciare il segno nella storia del rock italiano più radicale e intransigente. Ricordiamo in particolare You Kill Me, del 2000, e A Better Man, del 2011.

Nel 2005 fonda il gruppo Il Teatro degli Orrori, con cui si cimenta nelle sonorità a lui consuete, questa volta però cantando in italiano. Oggi Il Teatro degli Orrori è diventata una delle band più note ed apprezzate dalla critica e dal pubblico più attenti ai contenuti e alla cifra stilistica dell’impegno sociale e del suono concreto e moderno. L’ultimo disco del gruppo, Il Mondo Nuovo, è uscito il 31 Gennaio per La Tempesta Dischi – Universal.
Il mai celato amore per i lirici russi del ’900 lo spinge a cimentarsi con Majakovskij in una lunga tournée di reading in teatri, club, centri sociali e piazze occasionali, dove interpreta alcuni dei testi majakovskijani più noti, fra i quali “Rivoluzione – Cronaca Poetica” e “Il Flauto di Vertebre”. Eresia, Auditorium Edizioni, è il resoconto filmico di uno di questi reading, tenutosi a Faenza in occasione del Meeting delle Etichette Indipendenti del 2010.
Nel 2013, Capovilla si cimenta con una tournée di reading pasoliniani, incentrati sul poema “La Religione del mio Tempo”. Il successo dell’iniziativa sorprende lo stesso artista, che reitera la rappresentazione, accompagnato dal musicista veneziano Paki Zennaro, per più di 50 date.
Nell’ opera di Capovilla sono certamente distinguibili la sua devozione per la tradizione del rock più sanguigno di matrice americana, l’affezione per la poesia e la drammaturgia russe, ma anche la passione civile e l’attaccamento ai valori democratici, sempre polemicamente ribaditi nei concerti e negli incontri pubblici.
Il primo album solista di Capovilla, “Obtorto Collo”, esce per i tipi di Virgin-La Tempesta-Universal alla fine del Maggio 2014.
Profondamente diverso dalla musica de Il Teatro degli Orrori, “Obtorto Collo” farà certamente parlare di se, per la profondità narrativa e per gli arrangiamenti, curati da Taketo Gohara, che rendono il debutto solista di Capovilla un disco d’altri tempi: maturo, impegnatissimo, poetico.

FB: https://www.facebook.com/pierpaolocapovilla/

Venerdì 1 dicembre
LIEDE – STARE BRAVI
Un piccolo gioiello indie pop con dentro il giusto pizzico di irriverenza e cinismo

Il nuovo album di Liede “Stare bravi” è un piccolo gioiello di cantautorato indie-pop, con dentro il giusto pizzico di irriverenza e cinismo. I primi due fortunati singoli “Sono Sommerso” e “Finte Intellettuali” tracciano da subito lo stile di questo giovanissimo cantautore torinese (al secolo Francesco Roccati) che salirà sul palco con la sua band composta da Vladimiro Orengo (che è anche il produttore del disco), Marco di brino e Giacomo Felicioli. Francesco Roccati spiega che Liede non significa niente, ma gli ricorda due opposti: leader, che non gli appartiene affatto, e lieve, aggettivo col quale si ritrova ben più a suo agio. Lied è una parola tedesca, che sta per “canzone”, “romanza”, ma l’ha scoperto dopo e Liede è anche il nome di un fiume olandese e di una fermata della metro (o addirittura un quartiere?) di Guangzhou, città della Cina più nota come Canton, ma anche questo l’ha scoperto dopo. La verità è che Liede è Francesco Roccati che scrive e canta canzoni. Quest’anno Liede ha aperto i concerto degli Ex-Otago.

Sono sommerso – https://www.youtube.com/watch?v=kx_ZP4YG46k
Finte Intellettuali – https://www.youtube.com/watch?v=zpI4E0NzUoA

FB: https://www.facebook.com/LiedeOfficial/

Sabato 2 dicembre
XHU – MUSIC FROM EXTRA WORLDS
Prima tappa nella capitale per il tour della band di origine napoletana ma con un respiro più che internazionale

Prima tappa nella capitale per il tour degli XHU, band di origine napoletana ma con un respiro più che internazionale. Dopo diverse date in giro per l’Italia, si esibiranno live a Na Cosetta (Via Ettore Giovenale 54/A – ingresso gratuito) il 2 dicembre a partire dalle 22.00.
La band presenterà il nuovo singolo WHELH, che esce in anteprima esclusiva su Rolling Stone il 27 novembre. WHELH arriva dopo il grande successo di Nheven, lanciato il 22 maggio dall’etichetta MarteLabel e scelto come colonna sonora dello spot di Style Magazine di settembre con protagonisti Tommaso Paradiso e Giacomo Ferrara (Suburra).
La caratteristica principale ed esclusiva degli XHU è sicuramente la forma comunicativa. La band canta in una lingua di fonemi, la lingua Xhu, da cui prende il nome, nata inizialmente come codice solo visivo ma con il tempo sviluppato in fonemi a metà tra il simbolico e il sonoro.

FB: https://www.facebook.com/xhumusic/
WEB: http://www.xhumusic.com 

Domenica 3 dicembre
LUCA MADONIA – IL TEMPO È DALLA MIA PARTE
Il cantante siciliano celebra con questo album 35 anni di carriera e torna a Roma con uno specialissimo set acustico

Cinque mesi fa, usciva Il tempo è dalla mia parte, l’album con cui Luca Madonia celebra i suoi 35 anni di carriera e la sua passione per la musica. Dopo il disco, Luca continua a festeggiare sul palco e con il suo pubblico. Finita la tournée estiva, e dopo un periodo in studio per preparare una bella sorpresa, Luca torna a Roma accompagnato dal maestro Denis Marino e prepara uno specialissimo set acustico per gli amici di ’na cosetta.

LUCA MADONIA: Biografia & Discografia
Catanese dall’aplomb inglese, esile nell’aspetto ma con una voce intensa e vibrante, Luca Madonia inizia il suo percorso artistico negli anni Ottanta fondando i Denovo insieme al fratello Gabriele e ai musicisti Mario Venuti e Toni Carbone. In breve i Denovo diventano una delle realtà più interessanti e in vista in quegli anni densi di eventi e nuove prospettive e partecipano al Festival di Sanremo del 1988. La band pubblica cinque, fortunatissimi album fra il 1984 e il 1989: “Niente insetti su Wilma”, “Unicanisai”, “Persuasione”, “Così fan tutti” e “Venuti dalle Madonie a cercar Carbone”, prodotto da Franco Battiato.
Quando nel 1990 il gruppo si scioglie, Luca prosegue il suo percorso artistico approfondendo la vena cantautorale e intimista che gli è propria. Pubblica quindi “Passioni e manie” (1991), prodotto da Mauro Paoluzzi (produttore tra gli altri di Vecchioni), che ha prodotto anche i due album successivi: “Bambolina” (1993) e “Moto perpetuo” (1994).
Segue il mini-cd “Solo”, registrato a Venezia con Francesco Fracassi, storico manager dei Denovo, che prelude alla pubblicazione de fortunatissimo “La consuetudine” (2002). Un album raffinato, ricco di prestigiose collaborazioni: nella title track, diventata sigla del programma “Hobo”, in diretta tutti i giorni su Rai-Radio1, Luca duetta con Franco Battiato, mentre è con la Consoli in “Meravigliandomi del mondo”; “Insantità” è un duetto con l’amico Mario Venuti, mentre i Voodoo Punk conferiscono alle ultime tre tracce dell’album una venatura black.
Nel 2003 un nuovo mini CD dal titolo “5 minuti e poi” liberamente ispirato alla colonna sonora del film “Perduto amor” di Franco Battiato. Fa seguito nel 2004 la raccolta “L’essenziale”.
Del 2006 il nuovo album di canzoni inedite, “Vulnerabile”, prodotto da Federighi. Il disco include un nuovo duetto con Franco Battiato nel brano “Quello che non so di te”.
Luca pubblica poi, nel 2008, “Parole contro parole” un disco registrato in presa diretta, composto da 17 canzoni tra cui due inediti (la title-track e il singolo “Vento dell’età”, in duetto con Carmen Consoli), brani di repertorio ri-arrangiati e reinterpretati e cover (“Blackbird” e “Summer on a solitary beach”).
Nel 2011, in contemporanea alla nuova partecipazione al Festival di Sanremo, la Universal Music Italia pubblica l’album “L’alieno”.
Nel 2015 il nuovo lavoro di inediti dell’artista catanese, “La monotonia dei giorni”, pubblicato dalla Narciso Records. Dieci tracce attraverso le quali Madonia cerca di indagare sui sentimenti soffermandosi, come diceva Gaber, sui “piccoli spostamenti del cuore”.
Il Tempo è dalla mia parte esce ad Aprile 2017 per Viceversa Records ed è un passaggio importante per l’artista che compie sessanta anni e che in questo nuovo disco fa confluire tutta la sua creatività e uno sguardo divertito e sognante.