‘Na Cosetta: i live della settimana

‘NA COSETTA
Concerti dal 16 al 22 Aprile
Via Ettore Giovenale, 54
Roma – Pigneto
Inizio concerti ore 22:00
PRENOTAZIONE CONSIGLIATA AL NUMERO 06.45598326
www.nacosetta.com
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/nacosetta
– INGRESSO GRATUITO –

Lunedì 16 Aprile
OPEN SWING LAB
Il laboratorio musicale dedicato agli stili del jazz e della cultura Swing, ideato da Giorgio Cùscito con Gino Cardamone e Giuseppe Talone. Una vera Jazz Renaissance che va in scena tutti i santi lunedì a ‘na cosetta.

Da tre anni ogni lunedì va in scena il laboratorio coordinato dal sassofonista Giorgio Cuscito che raccoglie a sé musicisti e ballerini della scena swing romana e non solo. Nell’intimità del salotto di ‘na cosetta l’atmosfe­ra si surriscalda subito perché la formula aperta del laboratorio consente di costruire e arrivare a coordinare sul momento una vera e propria orchestra di fiati, batteria, violini, chitarre, washboard e voci che si alterna­no sui grandi standard della musica swing da ballo degli anni venti e trenta. Un vero e proprio gruppo di stu­dio che tutti i lunedì mette in scena uno spettacolo ogni volta diverso e tutto da ballare.

Martedì 17 Aprile
JOY AS A TOY (dal Belgio)
Melodie esotiche e rock’n’roll alternativo nel sound di questa band in arrivo da Bruxelles

Sembra viaggiare senza bussola e ignorando ogni convenzione il progetto musicale dei Joy as a toy. In questo tour europeo portano il loro terzo album “Mourning Mountains”, un disco caleidoscopico in cui ai colori vibranti di una cerimonia messicana nel giorno dei morti si combinano cori celesti. In sintesi una perfetta colonna sonora di un viaggio onirico nel cuore di tropici immaginari.

Mercoledì 18 Aprile
MARCO CONIDI in concerto con FRANCESCO FORNI e LUCA CAROCCI
Nuovo esperimento firmato “Zelo in Condotta” che unisce sul palco tre cantautori con i loro repertori e inediti incastri sonori.

Nella prossima puntata il featuring è tra Francesco Forni, Luca Carocci e Marco Conidi, cantautore di razza che fin dai primi anni ’90 ha firmato grandi pezzi anche per artisti come Paola Turci. Oggi è il perno centrale dell’Orchestraccia, gruppo “aperto” che filtra la tradizione folkloristica romana (dagli stornellatori a Gabriella Ferri) attraverso sonorità figlie della cultura gitana e di tanta musica popolare del mondo. Un gruppo itinerante di folk-punk-rock dove c’è sempre posto per autori, fini musicisti, buskers, attori e amici di passaggio.

Giovedì 19 Aprile
NON È MICA DA QUESTI PARTICOLARI CHE SI GIUDICA UN CANTAUTORE
ospite GUIDO CATALANO
Dieci cantautori in gara si sfidano sulla traccia commissionata dal poeta torinese Guido Catalano.

Ruvio, Marat, DogsLoveCompany, Livio Livrea, Drugo e il complesso di Napoleone, Le Teorie di Copernico, Ottobre, Giovanni Amirante e Giulia Olivari sono i dieci giovani cantautori che si sfidano in questo insolito premio musicale, ideato dal Carlo Valente ed Eleonora Tosto sulla scia di un celebre verso di Francesco De Gregori. In gara canzoni su commissione che i partecipanti dovranno scrivere in poche settimane sulle tracce assegnate da grandi poeti del nostro Paese. Nella quinta serata è il turno del poeta torinese Guido Catalano che oltre a deliziare il pubblico con alcune delle sue ormai famosissime poesie rivestirà il ruolo di giudice.




Traccia n. 5 commissionata da Guido Catalano.
“E fu così che ci trovammo al posto più sbagliato nel momento giusto
o forse era il posto giusto al momento sbagliato
con tutta probabilità era tutto sbagliato
il posto e il momento”

Venerdì 20 Aprile
GINGER BENDER
Anteprima del nuovo album “Tieni accesa la luce”

Le lingue e gli stili si mischiano nella musica di questo duo al femminile che sul palco di ‘na cosetta suonerà in anteprima i brani della loro opera prima. Nelle loro canzoni si possono sentire sonorità blues, funk, afro, armonie che ricordano vecchie ballad jazz anni 30’ cantate su un ritmo reggae sincopato. Anticipato dal singolo “Cumbia Nera” l’album dal titolo “Tieni accesa la luce” uscirà ad Aprile con la produzione di Paolo Mei per Rocketta Records e la collaborazione di Lorenzo Gasperoni in veste in produttore artistico.

Una delle prerogative del duo è quella dell’improvvisazione, retaggio del loro percorso musicale jazz e afro. Il progetto Ginger Bender nasce nel 2012 dall’incontro di Alessandra Di Toma e Jeanne Hadley. Parallelamente allo studio della chitarra e del canto, le due ragazze studiano percussioni africane e decidono di formare un duo per consolidare lo studio degli standard jazz. Iniziano a esibirsi in diversi locali di Milano e portano avanti a lungo la loro attività di busker in Italia e all’estero tra Spagna, Grecia e poi Finlandia.

Sabato 21 Aprile
LESIGARETTE
La band prodotta dal club ‘na cosetta torna al pigneto per un concerto speciale.

In pochi mesi dalla release ufficiale del nuovo disco “La Musica non serve a niente” il duo energico e imprevedibile composto da Jacopo Dell’Abate e Lorenzo Lemme ha già macinato centinaia di km e collezionato decine di concerti in tutta Italia. Con le loro sono sonorità garage, i testi corali e spensierati, leggeri o veri e propri siluri dadaisti, LeSigarette hanno costruito la loro identità su una musica piena di controtempi, con ritmi altalenanti e canzoni che una volta entrate in testa non ne escono facilmente.

Cresciuti in vari ambiti nella scena musicale indipendente romana, il loro background è fatto di produzioni musicali indipendenti, di bande di strada e busker, cabaret musicali, spettacoli improvvisati e parate. A inizio 2017 vengono selezionati dal club ‘na cosetta che proprio dopo averli visti live decide di aprire un’etichetta discografica e produrre il loro secondo disco.

Sul palco:
Jacopo Dell’Abate – chitarra e voce
Lorenzo Lemme – batteria e voce

Domenica 22 Aprile
HUGOMORALES
Synth e drum machine protagonisti dei tessuti sonori del progetto Hugomorales di Emiliano Angelelli.

Nel passato di Hugomorales ci sono già due dischi firmati con lo pseudonimo Elio Petri: “Non è morto nessuno” (Matteite/Venus 2010) e “Il bello e il cattivo tempo” (Cura Domestica 2013). Dal vivo sul palco di ‘na cosetta presenta pezzi vecchi e nuovi con una formazione duo totalmente inedita accompagnato alla batteria da Tiziano Tetro. Lo pseudonimo Hugomorales è stato preso in prestito da Victor Hugo Morales, il grande telecronista sportivo uruguaiano che commentò, tra l’altro, Argentina-Inghilterra, partita di calcio memorabile giocata in Messico nel corso dei Mondiali del 1986. In particolare Hugo Morales passò alla storia per la mirabolante telecronaca del gol del 2-0 siglato da Diego Armando Maradona, uno dei gol più belli della storia del calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *