Giuliano Crupi, “I mali che non vuoi” è il nuovo singolo: presentazione live il 7 ottobre a Spaghetti Unplugged / Marmo


GIULIANO CRUPI

Il nuovo singolo
I MALI CHE NON VUOI

distribuzione TuneCore

Uscita Videoclip e singolo negli store: Venerdì 05 Ottobre 2018
Uscita Videoclip e store versione spagnola: Venerdì 12 Ottobre 2018

Presentazione Videoclip versione spagnola + live acustico: Domenica 07 Ottobre ore 21:30 @ Spaghetti Unplugged (Marmo – Piazzale del Verano, 71 – San Lorenzo – Roma)

A volte ci sentiamo impotenti di fronte al dolore altrui. Vorremmo poterlo estirpare dall’anima, dal cuore, dalla testa e dagli occhi della persona che abbiamo di fronte e alla quale vogliamo bene o che, in certi casi, amiamo perdutamente. Vorremmo poterci prendere quel dolore, farlo nostro per evitarle quella sofferenza ma non è possibile. Ognuno deve vivere il proprio e provare ad affievolirlo, scalfirlo, levigarlo col tempo, col lavoro costante su se stessi e con l’amore delle persone che ci circondano. Ecco, cercare di far sentire la nostra presenza, far sentire il nostro amore ma anche scuotere, arrabbiarsi, cercare di risvegliare una coscienza anestetizzata da un forte dolore. Questa è l’unica cosa che possiamo fare e che ci può rendere utili. In questo nuovo singolo, il cantautore Giuliano Crupi si trova di fronte a un forte dolore e, travolto, del tutto inerme di fronte ad esso, lo fa scorrere, ne fruisce, lo interroga e si interroga, guardandosi intorno e internamente, guardando l’altra persona che si specchia in lui e specchiandosi, a sua volta, in essa.

E così, come nei precedenti singoli del nuovo progetto musicale, partito a Marzo 2017 con Impronte e proseguito fino alla pubblicazione a Giugno scorso de La Bellezza, anche in questo nuovo singolo I mali che non vuoi, il cantautore è mosso dall’empatia. Empatia verso il mondo ma, soprattutto, verso le persone. Empatia che lo porta a immedesimarsi, sentire gli altri, osservarli, gioire della loro gioia, soffrire del loro dolore.

I mali che non vuoi si lega stilisticamente agli altri singoli pur affrontando una tematica umana distinta. Qui, l’artista vuole dialogare con un lato imprescindibile dell’essere umano: la sofferenza. La sofferenza di qualsiasi tipo che ci fa prendere e perdere il contatto con la realtà ma che ci fornisce anche elementi utili, positivi per ristabilire le nostre priorità.




“Con gli occhi chiusi alti verso il cielo, non ho paura di tornare indietro” canta l’artista all’inizio della prima strofa del brano. Un’immagine che, nonostante il dolore, ci porta inizialmente in un’atmosfera piena di respiro e di coraggio. I mali che non vuoi, arrangiata e prodotta da e con Stefano Calabrese, è una ballad che si tuffa in un’atmosfera elettropop, portandoci in un ambiente caldo ma anche volutamente molto freddo.

Il videoclip, firmato anche stavolta dal regista Daniele Barbiero, al quale l’artista affida sempre con estrema fiducia l’arduo compito di rendere giustizia a parole e musica, è particolarissimo. Il cantautore Giuliano Crupi non compare mai, non c’è playback e uno dei due protagonisti della storia è un personaggio molto particolare, la cui espressione monotona, accompagnata da epidermide multi cromatica, sintetizza carnalmente tutto ciò che diventiamo di fronte al dolore: impotenti e scuri ma straordinariamente capaci di trasformare quell’oscurità in colore.
Social artista

https://www.facebook.com/giulianocrupiofficial
http://instagram.com/giulianocrupi
http://www.twitter.com/GiulianoCrupi
https://www.youtube.com/giulianocrupi

Credits

Regia: Daniele Barbiero

Fotografia: Gabriele Remotti
Montaggio: Gianluca Conca
Trucco: Valentina Michele
Assistente operatore: Lisa Bof
Elettricista: Diego De Musso
Artista testa: Ludovica Sitajolo
Foto Backstage: Martina Mammola

Una produzione Convergent Clouds

Testo e musica: Giuliano Crupi
Arrangiamenti e produzione artistica: Stefano Calabrese e Giuliano Crupi
Registrato, mixato e masterizzato da Stefano Calabrese (Biplano Studio)

Cast: Beatrice Simion Agvbjlj

Grafica copertina: Fabien Ceffalìa

Comunicato Stampa: Alessandra Ballarini