Gianicolo in Musica 2019


PER IL PROGRAMMA DETTAGLIATO DI LUGLIO
>>>
http://www.06live.com/?p=41377

+++ +++ +++ +++ +++

Festival “GIANICOLO IN MUSICA 2019”
III edizione

08 Giugno – 22 Settembre 2019
Piazzale Garibaldi 1, Gianicolo – Roma

orario 19:00 – 02:00

Infoline cell. 331.7098854 – email gianicoloinmusica@gmail.com www.ilgianicolo.it

Al via la terza edizione del Festival “GIANICOLO IN MUSICA 2019” nell’ambito dell’Estate Romana in una location straordinaria, la terrazza più esclusiva di Roma con una vista ineguagliabile sulla Città Eterna, nella splendida cornice di Piazza Garibaldi al Gianicolo. Uno dei luoghi più belli, suggestivi e rappresentativi della capitale ospiterà una manifestazione ricca di appuntamenti musicali ed eventi culturali.

L’Ass.ne Culturale “Roma Musica e Cultura” e l’organizzatore Giuseppe CORETTI ancora una volta si avvarranno della direzione artistica del grande batterista di chiara fama internazionale Roberto GATTO, che ha invitato sul palco della rassegna Jazz alcuni tra i più importanti artisti italiani e internazionali, da Rick Margitza a Bebo Ferra, a Rita Marcotulli a Dave Binney, da Nate Wood a Nir Felder, da Michael Rosen a Tollak, dai Quintorigo a Johnny O’Neal, da Rosario Giuliani a Giovanni Tommaso, Peter Bernstein, Antonello Salis, Gegè Munari, Maurizio Giammarco e altri ancora.

Continua anche quest’anno la collaborazione con il Saint Louis College of Music, istituzione di alta formazione artistica musicale e storica scuola di musica da cui emergono i nuovi talenti della musica italiana che presenterà, tra gli altri, il 14 giugno i Saint Louis D.O.C. in concerto con la special guest Tollak. Il Jazz non sarà l’unico protagonista della manifestazione che spazierà tra vari differenti stili musicali, dal Soul al Blues, dallo Swing alle appassionate serate danzanti di Tango e Milonga, fino alla canzone d’autore.

“Dopo il successo dell’estate scorsa, sono molto orgoglioso di ritrovarmi ancora una volta alla direzione artistica di Gianicolo in Jazz, all’interno di Gianicolo in Musica”, afferma Roberto Gatto che inaugurerà l’8 giugno la manifestazione esibendosi con il suo quartetto e il sax di Rick Margitza come special guest.

“Anche quest’anno abbiamo voluto proporre un programma vario ed equilibrato che attraversi diverse generazioni di musicisti e stili espressivi. Si spazierà dalla musica della tradizione al jazz nelle sue forme più contemporanee, ma soprattutto sarà una vetrina per numerosi giovani talenti che, con i loro gruppi, presenteranno le loro nuove proposte. Vedremo quindi alternarsi sul palco artisti italiani e stranieri di fama internazionale accanto ai giovani musicisti emergenti, nella convinzione che la musica sia un linguaggio trasversale capace di unire e far convivere ispirazioni, idee, sentimenti in un’unica armonia.

Il cartellone sarà ricco di appuntamenti da non perdere: Gianicolo in Jazz vuole essere un luogo d’incontro, dove ascoltare buona musica, conoscere i nuovi talenti e riscoprire quel senso di appartenenza a una comunità, una jazz comunity intesa nel suo senso più ampio, che rischia di andare perduto in questi tempi di estremo individualismo. E per questo mi sento di ringraziare il pubblico che ci segue con passione e tutti i miei colleghi musicisti che hanno partecipato e che parteciperanno quest’anno alla seconda edizione della manifestazione per l’impegno e la dedizione con la quale alimentano, ogni giorno, l’amore per la musica”.

L’organizzatore Giuseppe CORETTI dichiara “Il resto della rassegna sarà divisa tra musica etnica, blues, soul e funky con artisti di ottimo livello, questo per accontentare i vari tipi di pubblico, ma ospiteremo anche serate teatrali, di tango e milonga.

Tra gli ospiti Giulio Todrani e gli Alansoul (papà della cantante Giorgia), due serate con Rodolfo Laganà a luglio, ancora Marco Rinalduzzi, Mario Donatone, Fulvio Tomaino e altri ancora.

Vogliamo creare una manifestazione fruibile a tutti i cittadini romani in una delle piazze più belle e rappresentative di Roma in cui ognuno possa trovare momenti di suo gradimento.”

L’accesso ai concerti sarà a INGRESSO LIBERO.

L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.

Sabato 8 giugno alle 21,30 INAUGURA ROBERTO GATTO Quartet special guest RICK MARGITZA al sax

Roberto Gatto, batteria – Alessandro Presti, tromba – Alessandro Lanzoni, piano – Matteo Bortone, basso
SPECIAL GUEST RICK MARGITZA AL SAX

Roberto Gatto è uno dei pochi musicisti italiani che non ha bisogno di molte presentazioni: “batterista” di jazz per antonomasia, con un trascorso che lo ha visto ambasciatore del jazz italiano nel mondo sin dai suoi esordi. Vincitore anche quest’anno come miglior batterista italiano sul mensile Jazzit. Con questo nuovo progetto, straordinariamente maturo ed espressivo, Gatto ritorna alla dimensione prettamente acustica grazie all’ausilio di tre compagni di palco che rappresentano al meglio il panorama jazzistico italiano: Alessandro Lanzoni al pianoforte, Matteo Bortone al contrabbasso e Alessandro Presti alla tromba. Il disco propone un percorso variegato attraverso le cadenze di varie culture, ritmi e atmosfere, con un repertorio composto da brani originali e non. Grande lirismo ed impatto melodico che si aggiunge ad uno swing travolgente e ad un linguaggio improvvisativo e modernissimo. Il gruppo ha appena vinto il referendum della rivista Jazzit come miglior formazione del 2016.

Rick Margitza è un eccellente sassofonista tenore ispirato da Wayne Shorter, Michael Brecker e John Coltrane. Ha iniziato a suonare il violino quando aveva quattro anni (suo nonno era un violoncellista e suo padre violinista con la Detroit Symphony), ha studiato un piano classico per un po’e ha anche suonato l’oboe prima di passare al tenore al liceo. Ha frequentato la Wayne State University, Berklee, l’Università di Miami e infine la Loyola University di New Orleans, dove ha vissuto e suonato per quattro anni. Margitza ha fatto un tour con Maynard Ferguson e anche Flora Purim e Airto prima di trasferirsi a New York nel 1988. Ha trascorso parte del 1988 nel gruppo di Miles Davis e poi ha tagliato tre set come leader per Blue Note nel 1989-1991. La sua uscita nel 1994 per Challenge ha rilevato che Margitza mostra una crescente individualità.

Domenica 9 giugno ore 21,30 Michael Rosen Quartet

MICHAEL ROSEN: SAX TENORE
SEBY BURGIO: PIANOFORTE
LUCA BULGARELLI: CONTRABBASSO
MARCELLO DI LEONARDO: BATTERIA

Reduce di performance recenti in Italia, Austria, negli Stati Uniti, nell’Oman e in Albania eseguiti sia da Leader che come Special Guest con, tra gli altri artisti, Sarah Jane Morris, il noto Sassofonista/Compositore New Yorkese Michael Rosen fa una rara esibizione Romana insieme a tre musicisti ultra-affermati, per formare un quartetto eccezionale. Da anni ormai collabora spesso con Burgio e Bulgarelli, entrambi tra i più brillanti e ricercati performer sulla scena Italiana e ciascuno dei quali può vantarsi di un curriculum di livello indiscusso. Insieme a loro si segna una collaborazione nuova, con il drummer d’eccellenza Marcello di Leonardo, noto per il suo stile raffinato e sensibile nonchè per la sua lunghissima lista di collaborazioni prestigiosi, sia nel campo del jazz che nel pop.

Sarà forse proprio la capacità di variare al livello stilistico di questi quattro performer, ciascuno con alle spalle numerose esperienze musicali sia nel jazz in tutte le sue forme che nel pop, che rende loro cosi’ in sintonia per eseguire il repertorio di un performer come Rosen che, nei sui 9 cd come leader e negli altri 150 Lp eseguiti come sideman e/o da special guest, non si è mai ne fossilizzato ne fatto etichettare all’llivello stilistico, preferendo assorbire tutto quello che poteva imparare dalla musica a prescindere dal genere, priveligiando un’approccio melodico che andava oltre

Per il concerto al Gianicolo, Rosen proporrà un set variegato che includerà qualche sua composizione dal suo più recente lavoro discografico da leader, “Sweet 17”, uscito nel 2016 per la Jandomusic e registrato a New York con un gruppo “All Star” che vedeva la partecipazione di chittarista Lage Lund, trombettista Ralph Alessi, pianista Domenico Sanna e Matt Penman e Bill Stewart rispettivamente al contrabbasso e alla batteria. Il cd è stato scelto tra i 150 cd più belli del 2016 dalla rivista “Jazzit”. Insieme ai brani suoi, Rosen proporrà degli arrangiamenti propri di brani di alcuni dei suoi autori preferiti, in particolare Charlie Parker e Jobim, mirando, come fa da sempre, all’emozione e alla ricerca di un’energia viscerale e di una poetica che trascende il virtuosismo ai fini di se stesso.

Lunedì 10 giugno ore 21,30 Lello Panico & The Soul Warriors
Davide Sambrotta, tastiere e voce, Francesco Cecchet, basso – Daniele Scott Sambrotta, batteria e voce

Blues, Old School Soul, Funk, Electric Jazz sono gli ingredienti che formano il repertorio della nuova band del chitarrista Lello Panico. Brani originali scritti per band come Blue Noise, LPB, Blue Messengers, e personali riletture dei classici del Blues (con autori come Robert Johnson e Jimmy Reed), del Soul (brani di Eddie Floyd, Stevie Wonder, Ray Charles) e del Funk (con musiche di Allen Toussaint, Sly Stone, Temptations).
Si esibirà sul palco con Davide Sambrotta alle tastiere ed alla voce, Francesco Cecchetal basso e Daniele Scott Sambrotta alla batteria ed alla voce.

Martedì 11 giugno ore 21,30 Lorenzo Tucci Sparkle trio
Lorenzo Tucci, batteria – Luca Mannutza, piano – Jacopo Ferrazza, basso

Lorenzo Tucci, batterista e jazzista di fama internazionale, per questo nuovo trio, di cui è leader, decide di eseguire tutti “originals” di sua composizione e due omaggi, a due compositori eleganti e sensibili, Pino Daniele e Sting. I brani spaziano da atmosfere intimistiche e riflessive a ritmiche più complesse e articolate, senza perdere di vista l’importanza della melodia, che Tucci in questo progetto vuole esaltare. Il trio è molto attento a tutto quello che accade nel panorama musicale Internazionale, lasciandosi influenzare da tutte le varie forme e sonorità. Tutto si fonde in uno stile di jazz moderno/contemporaneo, nel quale sia il pianista Luca Mannutza, partner stimatissimo da Tucci, sia il più giovane Jacopo Ferrazza, nuovo talento del contrabbasso Italiano, sono a proprio agio, tessendo insieme al leader trame dal sapore nuovo, vivace, moderno, dando vita ad uno stile di jazz che ha ancora molto da dire. Lorenzo Tucci è fra i batteristi italiani più richiesti. La sua ecletticità e l’enorme talento gli hanno permesso di diventare il partner immancabile di numerose star del Jazz Numerosi i suoi dischi di successo: Sparkle, Tranety, Touch, Drumonk, Lunar, Drumpet (solo per citarne alcuni) progetti in cui dimostra la capacità di esprimersi in formazioni molto diverse fra loro.

Mercoledì 12 giugno ore 21,30 Studio 1
Pino Liberti, batteria – Fabiola Torresi, basso e voce – Cristiano Sacchi, tastiera e chitarra – Fabio Maccheroni, chitarra – Riccardo Rinaudo, voce

STUDIO 1 è l’affascinante contrasto tra la tv in bianco e nero, e i mille colori della musica, che rimbalzando sul mangiadischi dei ragazzi divorava le nuove vibrazioni degli anni sessanta. Formazione artistica che propone i più bei successi della storia della musica partire dalla fine degli anni 60 brani famosi ma anche molte canzoni meno note, tutte magistralmente eseguite dalla voce di Riccardo Rinaudo, uno dei migliori vocalist in circolazione nel nostro paese.
L’elenco delle sue collaborazioni è pressoché infinito, durante la carriera ha cantato e inciso con artisti come Claudio Baglioni, Francesco Renga, Michael Sembello, Tuck & Patti, Massimo Ranieri, Michele Zarrillo, Fedez, Max Gazzè, Niccolò Fabi, Alex Britti, Simone Cristicchi, Enrico Ruggeri, Fabio Concato, Anna Tatangelo, Bianca Atzei, Dear Jack, Valerio Scanu, Luca Barbarossa, Pooh, Il Volo, Franco Califano, Neri Per Caso, Patti Pravo, Giorgia, Alan Sorrenti, Renato Zero, Tiromancino, Teresa De Sio, Audio 2, Don Backy, Mario Venuti, Noemi, Simona Molinari, Frankie Hi-Energy, Renzo Arbore, ecc

Venerdi 14 giugno ore 21,30 Tollak Ollestad & Saint Louis D.O.C.

Ha suonato dal vivo e in tournée con artisti come Don Henley, Michael McDonald, Kenny Loggins, Jewel, Seal, Andrea Bocelli e David Foster ed ha partecipato alla registrazione di CD di artisti come Natalie Cole, Al Jarreau, Brian McKnight, Earth Wind & Fire, Bebe Winans, Dave Grusin, Gino Vanelli e Billy Idol. L’apprezzata armonica di Tollak è apparsa in molte registrazioni di musica classica ed è stata inserita nel tema dello show televisivo americano “Northern exposure”.

Domenica 16 giugno INAUGURAZIONE Serata Tango

Aria di Milonga è la milonga a mezz’aria affacciata sulla Città Eterna. Seconda edizione per un’estate ricca di tango, musica ed emozioni all’interno della manifestazione Gianicolo in Musica. Saranno 8 serate eccezionali che ci trasporteranno dalla romantica aria di Roma alle atmosfere sensuali di Buenos Aires. Apertura milonga h 19.30 Una serata tutta dedicata alle selezioni musicali dell’argentino Luis Goni tdj. Si ballera’ catapultati in Argentina, sospesi su Roma.




Lunedì 17 giugno ore 21,30 Gegè Munari SWING MACHINE
Gegé Munari, batteria – Ettore Carucci, pianoforte – Luca Bulgarelli, contrabbasso – Francesco Lento, tromba & flicorno

Gegè Munari, la leggenda vivente del jazz italiano, con il suo gruppo SWING MACHINE presenta un nuovo progetto coinvolgente, vibrante, ricco e fascinoso spaziando dal bebop, all’Hard Bop, con standard rivisitati e riarrangiati in chiave moderna.

Gegè Munari, breve bio
Ha collaborato con l’orchestra della Radio Televisione Italiana partecipando a numerosi spettacoli e produzioni televisive, accompagnando artisti internazionali quali: Liza Minelli, Mirelle Martieu, Jerry Lewis e altri. Ha svolto un’intensa attività come sideman incidendo anche musiche da film sotto la direzione dei maestri Ennio Morricone, Bruno Acanfora, Pino Calvi, Ritz Ortolani, Piero Piccioni, Armando Trovajoli, Gianni Ferrio e altri. La sua carriera è insignita di numerosi premi e riconoscimenti.
Ha partecipato a numerosi Festival nazionali e internazionali suonando con i maggiori musicisti di jazz e non; ha segnato l’evoluzione dello swing italiano, mettendo il suo talento e la personalità al servizio di un modo di intendere il jazz, nel rispetto della tradizione e con il tocco magico di un vero e proprio fantasista.

Martedì 18 giugno ore 21,30 Silvia MANCO Hip! 4tet feat. Max IONATA
Silvia Manco, piano e voce – Francesco Puglisi, contrabbasso – Marco Valeri, batteria
feat. MAX IONATA, sax tenore e soprano

Hip! The Blossom Dearie Songbook

Silvia Manco presenta un progetto discografico dedicato a Blossom Dearie, la più europea delle pianiste/vocalist americane. Il cd, prodotto Jando Music e Parco della Musica Records è stato realizzato dalla pianista e cantante con il suo trio americano formato da Dezron Douglas al contrabbasso e Jerome Jennings alla batteria, e con la partecipazione di due straordinari ospiti, Enrico Rava e Max Ionata, in una seduta di registrazione in presa diretta negli studi dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.
Silvia Manco rende omaggio ad un’artista di culto tutta da riscoprire, raccogliendone l’eredità e facendo suo, con un tocco di contemporaneità, un repertorio senza tempo tratto dal ricercato Songbook di Blossom Dearie. L’idea di questo omaggio è nata già alcuni anni fa quando il produttore Nicola Conte suggerì a Silvia l’ascolto di Blossom Dearie per motivi di affinità stilistica e interpretativa: da quel momento in poi la musica di Blossom Dearie ha accompagnato il percorso della pianista pugliese, ormai romana d’adozione, portandola ad ispirarsi al suo sound nel solco della tradizione del piano/vocal trio che vede in Nat King Cole e Shirley Horn i suoi maggiori esponenti. Particolarmente irresistibili risultano per Silvia gli arrangiamenti essenziali ma efficaci e la scelta non convenzionale del repertorio che attinge, oltre che all’immenso Songbook americano, anche alle composizioni ricche di humor di autori quali Bob Dorough e Dave Frishberg.

In un secondo momento la proposta di un lavoro dedicato a questa artista trova il favore dei produttori Jando Music e Parco della Musica Records, per i quali il disco è stato realizzato, dopo un accurato lavoro di scelta e arrangiamento in chiave contemporanea dei brani contenuti nel cd uscito a Febbraio 2019.

Mercoledì 19 giugno ore 21,30 Flowing Chords diretti dal M° Margherita Flore

Flowing Chords è un progetto corale diretto dal M° Margherita Flore.
Il repertorio spazia tra vari generi, dal cantaurato al pop contemporaneo passando per l’R&B ed il Soul, con rivisitazioni originali di brani cover proposti in chiave moderna e dinamica, ma anche brani inediti composti da alcuni membri del coro. L’organico comprende circa 35 elementi: soprani, mezzosoprani, contralti, tenori, bassi ed una sezione ritmica vocale di beat box. Flowing Chords è un progetto corale nato inizialmente tra alcuni studenti del Saint Louis College of Music sotto la direzione del M° Margherita Flore. Il coro ha partecipato a diverse manifestazioni musicali, tra le quali il Caffeina Jazz Festival di Viterbo, in collaborazione con il Saint Louis College of Music alla Festa di Roma presso il Lungotevere San Gallo insieme ad artisti di fama internazionale, si è esibito al Teatro Eliseo, al Teatro Don Bosco di Fabriano, al Cineteatro San Filippo Neri di San Benedetto del Tronto ,alla Domus Ciancaleoni, al Forte dei Borgia di Nepi, al Palazzo dei Congressi di Rimini, all’Auditorium parco della musica e continua ad esibirsi in alcuni dei più rinomati locali di Roma e teatri d’Italia, nonché a Festival corali come il Musicantium e Harmonika. Ha collaborato inoltre con gruppi come i Dumbo Station, i VEMM, il Circolo delle Farfalle, i Laterath e ACo –Adriano Meliffi in concerti e registrazioni. Tra il 2017 e il 2018 si è esibito al MIUR al “Nessun Parli”, al “Digital Christmas” e alla “Notte dei Musei”; nello stesso periodo ha preso parte a due puntate del programma televisivo “Domenica in” insieme all’orchestra del M° Luigi Saccà. Il coro ha partecipato a diverse manifestazioni musicali, tra cui: “Caffeina Jazz Festival” Viterbo, “Festa di Roma” presso il Lungotevere San Gallo Roma, “Musicantium” Anzio, “Harmonika” Ex Dogana Roma, “Nessun Parli”, “Digital Christmas” e “Futura Roma” organizzate dal MIUR.Si è esibito su vari palchi italiani ed ha collaborato con vari artisti tra cui: Davide Shorty, Ainé, Dumbo Station, VEMM, Laterath, ACo – Adriano Meliffi, Marta Iacoponi, Serena Brancale… Il loro primo EP è uscito nell’estate 2018. Il coro sta attualmente lavorando per la realizzazione del nuovo disco.

Domenica 23 giugno ore 21,30 Andrea Molinari 51
Andrea Molinari, chitarra – Enrico Zanisi, piano – Francesco Ponticelli, basso – Enrico Morello, batteria

Il chitarrista Andrea Molinari è uno dei nomi di cui si parla maggiormente. Il suo approccio e la sua musica si rifanno ad una concezione molto attuale del jazz in cui la conoscenza della tradizione funge da supporto ad un linguaggio di sintesi che dà sfogo a pulsioni improvvisative di ampio respiro. In questo Andrea si fa aiutare da personalità musicali intelligenti e sensibili in grado di sviluppare al meglio le sue idee di partenze. Come Marco Valeri, Luca Fattorini, Domenico Sanna e Logan Richardson nel suo apprezzato lavoro d’esordio “L’era dell’Acquario” e come il trombettista Alessandro Presti, il pianista Enrico Zanisi, il bassista Matteo Bortone e il batterista Enrico Morello – sono alcuni dei musicisti che stanno dando lustro al jazz italiano oggi – in questo suo secondo lavoro intitolato semplicemente “51”, uscito il 12 aprile per l’etichetta statunitense Ropeadope Records.

Lunedì 24 giugno ore 20 Club Imprò presenta THE BIG SHOW
I docenti della scuola Verbavolant Improvvisazione Teatrale si sfideranno a colpi d’improvvisazione.
Massimo Ceccovecchi, Alessandro Cassoni, Deborah Fedrigucci contro Tiziano Impro Storti, Susanna Cantelmo, Daniele Marcori
Senza regole, senza esclusione di colpi, solo con la fantasia e la creatività dovranno strappare il consenso degli spettatori e come sempre a decretare la squadra vincitrice sarà il pubblico.
Vi aspettiamo dalle 20 per un fantastico aperitivo panoramico a buffet e a seguire lo spettacolo più travolgente che abbiate mai visto.

Martedi 25 giugno ore 21,30 Bebo Ferra – Anthony Pinciotti – Dario Deidda

Bebo Ferra chitarra – Anthony Pinciotti batteria – Dario Deidda basso
Produzione originale del Modena Jazz Festival , vede i tre artisti giocare con un interplay tra Jazz Funk e suoni elettrici , che attraverso l’interplay espongono un sound moderno con radici di Blues e Jazz.

Anthony Pinciotti è un dinamico, innovativo batterista newyorkese, esperto in jazz, rock e musica mondiale. Ha lavorato con noti musicisti tra cui: James Moody, Dr. Lonnie Smith, John Abercrombie, Joe Lovano, Randy Brecker, Ira Sullivan, Kenny Werner, Mose Allison, Lew Tabackin, John Patitucci, Jim Hall, Bob Mintzer, Renee Roseman, George Garzone, Frank Foster, Benny Golson, George Mraz, Houston, Toninho Horta, Jerry Bergonzi, Lynne Arriale, Gary Bartz, Rufus Reid, Vic Juris, Dave Liebman, Kenny Barron e Sheila Jordan.

Bebo Ferra Considerato ormai da tempo uno dei più rappresentativi chitarristi italiani, come dimostrano le più recenti collaborazioni che lo vedono impegnato con Paolo Fresu, Enrico Pieranunzi, Giovanni Tommaso, Fabrizio Bosso, Rita Marcotulli e altri.

Dario Deidda, Salerno classe 1968, fa parte di una famiglia in cui la musica ha sempre avuto un ruolo importante, dai nonni paterni, a suo padre Franco (pianista), a lui e i suoi fratelli Sandro e Alfonso. Inizia a 6 anni con la batteria ma verso gli 11 si innamora del basso elettrico e viene iniziato dal bassista salernitano Mario Ferrigno. Si diploma in contrabbasso a Salerno ma durante gli studi al conservatorio si dedica ancora al basso elettrico e al pianoforte. Ama definirsi un musicista a 360°, ma il suo mondo musicale preferito è il jazz. Profondo conoscitore del jazz tradizionale si spinge anche fino alle tendenze più attuali tentando spesso di imporsi con uno strumento non molto considerato in questo genere, il Basso Elettrico, e a tal scopo sta sperimentando e ricercando vari strumenti semiacustici che possano dare uno spessore sonoro alternativo al contrabbasso. Continua a svolgere attività concertistica, discografica e d’insegnamento in Italia e all’estero.

Mercoledi 26 giugno ore 21,30 MARCO RINALDUZZI & FRIENDS

MARCO RINALDUZZI chitarra e voce – RICCARDO RINAUDO voce – AIDAN ZAMMIT tastiere e voce – LUCA TROLLI batteria – MARCO SINISCALCO basso – ALESSANDRO TOMEI sax

MARCO RINALDUZZI & FRIENDS è un progetto LIVE nato 15 anni fa, dalla voglia di Marco Rinalduzzi mettere insieme tanta musica e tanti musicisti, e ne propone quindi tanta, suonata ed apprezzata in tutto il mondo.

Un progetto “aperto” che vede la partecipazione di moltissimi musicisti romani e non.

A cui spesso si aggiungono numerosi ospiti, tra i quali: Serena Caporale, Claudia Arvati, Rossella Ruini, Valentina Ducrois, Valentina Galdì, Francesco Lo Vecchio, Marco D’Angelo, Michele Ranieri, Carlo Micheli, Pierpaolo Ranieri, Jacopo Carlini, Luciano Zanoni, Marco Monaco, Matteo Carlini, Patrizio Sacco, Max Furian, Maurizio Galli, Alessandro Filindeu.

Venerdi 28 giugno ore 21,30 GREG “SWINGAFFAIR” Varietà Musicale

GREG, noto attore comico del duo Lillo & Greg è un grande cantante del repertorio anni 50.

Un concerto all’insegna della musica nelle quali, con gli arrangiamenti originali, i brani più celebri di Frank Sinatra e le melodie swing più conosciute di sempre, vivranno di nuova luce grazie alla personalità unica di Greg si esibirà in una data unica ed imperdibile all’insegna della musica e della comicità.
Momenti di umorismo e gag originali in un mix di spettacolare eleganza, delicatezza ed ironia.

Sabato 29 giugno ore 21,30 ALAN SOUL & ALANSELZER

Alan Soul, voce – Alfredo Posillipo, trombone, MC – Ferruccio Corsi, saxes – Mirko “Fast” Rinaldi, tromba – Muzio Marcellini, tasti – Claudio Trippa, chitarra – Maurizio Meo basso – Stefano Parenti, batteria

“ALAN SOUL & ALANSELZER” con lo pseudonimo di Alan Soul, Giulio Todrani, padre della famosa cantante Giorgia, è la voce e l’anima di questa piccola big band che, seppure con meno elementi, ripropone lo schema e la verve delle grandi orchestre americane degli anni ’50 e ’60.

Alan Soul, il leader carismatico degli Alanselzer, è un artista che tiene il palcoscenico come pochi altri: con lo pseudonimo di Alan Soul, Giulio Todrani, è infatti la voce e l’anima di questa piccola big band che, seppure con meno elementi, ripropone lo schema e la verve delle grandi orchestre americane degli anni ’50 e ‘60. Gli Alanselzer vogliono rievocare il fascino, la suggestione e la grandiosità dei concerti che a quei tempi si tenevano in music hall, grandi club e alberghi di lusso, e che fecero le fortune dei cantanti di soul e rhythm & blues in quell’epoca votata al glamour e alla grandiosità. Il gruppo degli Alanselzer , deriva la propria esperienza e parte del suo repertorio dalla fantastica formazione R&B “Io vorrei la pelle nera”: il trombonista, il sax, il trombettista e lo stesso Todrani ne hanno fatto parte e ne continuano il discorso musicale. Ciò che rende possibile la performance è la voce graffiante di “Alan Soul”, uno dei pochi interpreti in grado di rievocare i concerti di “The Genius”.

Durante le loro esibizioni, si potranno dunque riascoltare canzoni immortali come “Hallelujah I Love Her So”, “I got a woman” o ancora “Georgia on my mind”, insieme ad altri brani classici del rhythm & blues (fra gli altri My Girl, I Feel Good, Knock on wood, Midnight Hour, Soul Man, ecc.) e tributi ad interpreti del calibro di Otis Redding e James Brown. Negli spettacoli degli Alanselzer, sempre carichi di passione ed energia, oltre alle travolgenti performances dei musicisti, non mancano mai momenti di puro divertimento, animati da tutti gli elementi del gruppo

Domenica 30 giugno Serata Tango ore 20

Aria di Milonga è la milonga a mezz’aria affacciata sulla Città Eterna. Seconda edizione per un’estate ricca di tango, musica ed emozioni all’interno della manifestazione Gianicolo in Musica.

Saranno 8 serate eccezionali che ci trasporteranno dalla romantica aria di Roma alle atmosfere sensuali di Buenos Aires. Apertura milonga h 19.30 Una serata tutta dedicata alle selezioni musicali dell’argentino Luis Goni tdj. Si ballerà catapultati in Argentina, sospesi su Roma.