Ascanio Celestini, “Storie di Roma, di lotte e di lavoro” a Porta di Roma


Grande come una città presenta

Ascanio Celestini “Storie di Roma, di lotte e di lavoro”
a Porta di Roma

Prosegue il racconto di Roma attraverso le parole di una delle voci più note del teatro di narrazione in Italia, Ascanio Celestini, attore teatrale, regista, scrittore e drammaturgo romano.
Ma prima de esse’ attore Ascanio è omo e l’omo se ’mpiccia!
Per il terzo appuntamento di “Me ’mpiccio! Storie e immagini di Roma”, Grande come una città incontra Ascanio Celestini per parlare di Roma, di lotte per il diritto al lavoro e di cosa vuol dire rielaborare un immaginario attraverso l’arte.

mercoledì 10 luglio
dalle 19:00 alle 20:45
GALLERIA COMMERCIALE PORTA DI ROMA
via Alberto Lionello, 201 Roma – Piazzale esterno




Dice, come te chiami?
Angelo Brunetti, Eccellenza, detto Ciceruacchio.
Gonfaloniere de Campo Marzio, de professione carrettiere, se sente da come parlo.
Dice, perchè te sei impicciato de cose che non te riguardano?
Dico, perchè io so’ carrettiere ma a tempo perso so’ omo e l’omo se ‘mpiccia, Eccellenza.
Di fatti, vie’ Garibaldi e di dice famo l’Italia e io che fo? Nun me ‘mpiccio?
Io so’ romano, Eccellenza, ma a tempo perso so’ italiano, è colpa?
Dice, si! Ah! Mo è corpa esse’ italiano?
No, dice lui, è colpa perchè tu hai difeso l’anarchia e la rivoluzione!
Ma no, signore, Eccellenza! Io ho difeso Roma, er paese mio!
E lei ce lo sa mejo de me!
Ma come, i francesi me pìano a cannonate e io nun me ‘mpiccio?
Nun me riguarda!
Insomma, Eccellenza, se annamo a strigne, ch’amo fatto noi?
‘Sta creatura manco a dillo ma io? Io c’ho fatto?
Ho voluto bene a Roma, embè!
E da quando in qua l’amor di Patria è diventato un delitto?
Però se nella legge vostra è un delitto voler bene al paese proprio allora io so’ corpevole!
Anzi so’ reo confesso! E m’offenderebbe pure se me rimandaste assorto!
Pur cui, Eccellenza, spero che lei si sia persuasa.
E così voi che me sembrate… oh! Ma me state a senti’?
No, dicevo spero che pure voi ve siete appersuasi
No, ma che fate? No! Il ragazzino, no!

Nino Manfredi in “Nel nome del popolo sovrano”
(Luigi Magni, 1990)
https://www.youtube.com/watch?v=EfTCCHbRivA


Ascanio Celestini (Roma, 1º giugno 1972) è un attore teatrale, regista cinematografico, scrittore e drammaturgo italiano.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ascanio_Celestini
https://www.facebook.com/AscanioCelestini