Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini: i prossimi eventi in programma


OFFICINA DELLE ARTI PIER PAOLO PASOLINI

NaElia

Salotto Bukowski

Il giovane Karl Marx

Mio cugino

Ancora tante iniziative culturali, sempre rigorosamente gratuite, ospitate dall’HUB culturale di Officina Pasolini Regione Lazio, il laboratorio creativo di alta formazione coordinato da Tosca, Massimo Venturiello e Simona Banchi.

Sabato 26 ottobre NaElia, la giovane cantautrice di origine siciliana che nel corso della sua carriera ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui Musicultura e Area Sanremo nel 2012, il premio A.F.I. Migliore Progetto Discografico e una borsa di studio SIAE per il suo album nel 2017 dopo il conseguimento del diploma al primo Biennio di Officina Pasolini, propone alle 21:00 Il malinteso, un concerto soul/folk/rock con inserti teatrali, musica d’autore e danza per presentare il suo ultimo lavoro, l’EP Vittim e blue.

Lunedì 28 ottobre torna in scena alle 21:00 Salotto Bukowski, lo spettacolo che rende omaggio allo scrittore americano Charles Bukowski. Un reading musicale tra Teatro e Canzone con le letture di Jacopo Ratini e la voce di Gianmarco Dottori, accompagnato al pianoforte da Luca Bellanova, curatore degli arrangiamenti musicali. Le poesie di Bukowski si incontrano a livello tematico e concettuale con i brani degli artisti che hanno reso grande la canzone d’autore italiana: Lucio Dalla, Rino Gaetano, Fabrizio De Andrè, Luigi Tenco, Vinicio Capossela, Franco Califano, Ivano Fossati, Lucio Battisti, Samuele Bersani, Stefano Rosso. Poesie crude, introspettive, irriverenti, si alterneranno a canzoni d’amore, di abbandono, di vita vissuta. Alle poesie di Charles Bukowski, lette dal cantautore e scrittore Jacopo Ratini (noto al grande pubblico per la sua partecipazione al Festival di Sanremo), si susseguiranno dunque i grandi successi della musica d’autore italiana, suonati, cantati e reinterpretati da Gianmarco Dottori, esponente di rilievo della scena musicale romana e nazionale.

Ancora una proiezione, mercoledì 30 ottobre alle 20:30. Ilgiovane Karl Marx (Le jeune Karl Marx), film diretto da Raoul Peck, con August Diehl, Stefan Konarske, Vicky Krieps, presentato fuori concorso al Festival di Berlino nel 2017. Uscito in occasione del bicentenario della nascita di Karl Marx, ripercorre la sua amicizia con Friedrich Engels, dal loro secondo incontro nel 1844 fino al 1848, anno della pubblicazione del Manifesto del Partito Comunista.

Giovedì 31, il mese di ottobre si chiude alle 21:00 con la serataMio Cuginonata da un’idea di Mauro Pescio,attore teatrale e autore radiofonico. Quattro persone comuni con quattro storie da raccontare, talmente inverosimili e assurde da sembrare inventate… ed effettivamente una lo è! Sarà proprio il pubblico, dopo aver posto una serie di domande agli “storytellers”, a dover indovinare quale fra essi sia il “bugiardo” e guadagnarsi così l’ambito premio Mio Cugino. Le persone che si alterneranno sul palco sono persone qualsiasi, ogni volta diverse, dal notaio o al panettiere, dal giornalista o al muratore, tutti con la voglia di raccontare episodi singolari delle loro vite, che verranno condivisi per farci riflettere, per insegnarci qualcosa, per farci sorridere o semplicemente per permettere a chi le racconta di sfogarsi un po’. L’unica regola sarà che nessuno si dovrà prendere troppo sul serio e tutti dovranno avere un po’ di voglia e di coraggio di abbassare la maschera.

PROGRAMMA

26 ottobre ore 21:00

IL MALINTESO 

Vittim e blue – mezzo pieno

Concerto teatrale

NaElia – voce, chitarra e piano elettrico

Matteo Cappella – chitarre

Matteo Carlini – basso e contrabbasso

Vincenzo Tacci – batteria

Tatiana Tarsia – cori

Con la gentile collaborazione dell’attrice Deialnira – Daniela Russo

NaElia presenta il suo ultimo lavoro, un EP dal titolo Vittim e blue, un concerto soul/folk/rock con inserti teatrali, musica d’autore e danza.

Uno showcase al confine del malinteso, grande spirale e voragine produttiva che lascia spazio e crea storie di ironia e drammaticità, leggerezza e no sense. Descrivendo un racconto di un viaggio in treno con un monologo dove da un malinteso si manifesta il sentirsi fuori luogo e l’incomprensione che produce disagi, comicità degli eventi tra dramma e ironia del genio sensibile. 




In un’epoca in cui si parla di stalking, in bilico tra la violenza, amore e follia dell’esistenza o no della melodrammaticità e dei sentimenti o dell’anestesia totale provocata da un abuso del trattare temi violenti all’ordine del giorno, nella società odierna. Un viaggio attraverso la musica della cantautrice siciliana di adozione romana, passando tra storie di prostituzione, accettazione della diversità, immigrazione e calamità naturali avvenute nell’ultimo secolo. 

NaElia è stata vincitrice del premio Fabrizio De Andrè 2011 “Parlare Musica” e tra i vincitori di Musicultura 2012. Nel 2017 si è diplomata in sezione canzone all’officina delle arti di Pier Paolo Pasolini. All’attivo attualmente tre album, “Caso Caos”, “A Piedi Nudi sulla Terra” e ”L’alphabeto”, per concludere la sua discografia con la pubblicazione di ”Vittim e blue” EP.

~

28 ottobre ore 21:00

Salotto Bukowski


Jacopo Ratini – lettura

Gianmarco Dottori – voce

Luca Bellanova – pianoforte, curatore degli arrangiamenti musicali

Torna in scena lo spettacolo che rende omaggio allo scrittore americano Charles Bukowski. Un Reading-Musicale tra Teatro e Canzone in cui le poesie di Bukowski s’incontrano a livello tematico e concettuale con i brani degli artisti che hanno reso grande la canzone d’autore italiana: Lucio Dalla, Rino Gaetano, Fabrizio De Andrè, Luigi Tenco, Vinicio Capossela, Franco Califano, Ivano Fossati, Lucio Battisti, Samuele Bersani, Stefano Rosso. Poesie crude, introspettive, irriverenti, si alterneranno a canzoni d’amore, di abbandono, di vita vissuta. Le poesie di Charles Bukowski lette dal cantautore e scrittore Jacopo Ratini (noto al grande pubblico per la sua partecipazione al Festival di Sanremo) e i grandi successi della musica d’autore italiana, suonati, cantati e reinterpretati da Gianmarco Dottori, esponente di rilievo della scena musicale romana e nazionale. Al pianoforte, il maestro Luca Bellanova, curatore degli arrangiamenti musicali.

~

30 ottobre ore 20:30

Il giovane Karl Marx

Un film di Raoul Peck

Con August Diehl, Stefan Konarske, Vicky Krieps

All’età di 26 anni, Karl Marx si mette insieme alla moglie Jenny sulla strada dell’esilio. Nel 1844 a Parigi conosce il giovane Friedrich Engels, figlio del proprietario di una fabbrica, che studiava gli inizi del proletariato inglese. Engels, una specie di dandy, dà a Marx il pezzo mancante del puzzle che ricompone la sua nuova visione del mondo. Insieme, tra censura e raid della polizia, rivolte e sollevamenti politici, presiederanno alla nascita del movimento operaio, che fino a quel momento era per lo più disorganizzato e improvvisato. Un movimento che, guidato, contro ogni aspettativa, da due giovani uomini di buona famiglia brillanti, insolenti e perspicaci, diventerà la più totale trasformazione teoretica e politica del mondo dal Rinascimento.

~

31 ottobre ore 21:00

Mio Cugino

Di e con Mauro Pescio

4 persone con 4 assurde storie da raccontare… solo una è inventata…

Il pubblico saprà scoprire quale?

Da un’idea di Mauro Pescio, attore teatrale e autore radiofonico, nasce la serata “Mio Cugino”: quattro persone comuni con quattro storie da raccontare, talmente inverosimili e assurde da sembrare inventate… ed effettivamente una lo è! Sarà proprio il pubblico, dopo aver posto una serie di domande agli storytellers, a dover indovinare quale fra essi sia il “bugiardo” e guadagnarsi così l’ambito  premio “Mio Cugino”; le persone che nelle precedenti serate e in quelle future si alterneranno sul palco sono persone qualsiasi, ogni volta diverse, dal notaio o al panettiere, dal giornalista o al muratore, tutti con la voglia di  raccontare episodi singolari delle loro vite, che verranno condivisi per farci riflettere, per insegnarci qualcosa, per farci sorridere o semplicemente per permettere a chi le racconta di sfogarsi un po’. L’unica regola sarà che nessuno si dovrà prendere troppo sul serio e tutti dovranno avere un po’ di voglia e di coraggio di abbassare la maschera.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

È possibile riservare i posti scrivendo in privato alla pagina Facebook di Officina Pasolini lasciando nome, cognome e numero di posti desiderati.

I posti saranno riservati soltanto fino a trenta minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

Teatro Eduardo De Filippo – Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini

Allo spazio si accede attraverso l’accesso di Viale Antonino di San Giuliano, angolo via Mario Toscano (zona Ponte Milvio)

Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini

Coordinatore generale Tosca