WEPRO, a Le Mura il release party di The Story of A Modern Drama


Martedì 17 dicembre alle 22.00 a Le Mura (via di Porta Labicana 24), si terrà il Release party di The Story of A Modern Drama
primo EP di WEPRO, pubblicato l’11 dicembre per Forwards Records.

Anticipato da tre singoli, LA VEDO NERA, MONSTER e CHE TEMPO CHE FA, l’EP è la fotografia perfetta di una generazione, quella a cui appartiene l’artista, caratterizzata da sentimenti misti di spaesamento e inadeguatezza, attraversando i topic dell’epoca moderna che vanno da problemi ambientali all’accettazione della diversità.

Le prime tracce affondano completamente nelle sonorità del punk rock più grezzo, mutando con impressioni più calde e nostalgiche verso la fine, come se WEPRO volesse accompagnare l’ascoltatore nel proprio universo artistico, superficialmente ruvido, duro, diretto, ma in profondità estremamente empatico. In questo primo lavoro si fondono umori diversi: rabbia, potenza, irriverenza e nostalgia, mescolati in un perfetto equilibrio sonoro e testuale.

Nonostante l’EP abbia un sound che spazia dal punk all’elettronica, il risultato è un prodotto equilibrato e ben strutturato e soprattutto credibile. L’impronta riconoscibile del progetto e di questa produzione nello specifico è la presenza incidente delle chitarre e molto caratteristica anche la presenza delle lingua inglese, utilizzata sia per alcuni titoli che per alcune frasi all’interno dei testi, non per vezzo ma per inclinazione naturale. Anche attraverso questa scelta linguistica passa la rappresentazione generazionale che WEPRO cerca di portare a termine nelle sue produzioni, inglesismi che si mescolano alla lingua corrente, riprendendo quello che di fatto è il linguaggio dei millenial.




Infine, THE STORY OF A MODERN DRAMA è un’opera che racchiude perfettamente la natura di questo istrionico artista, ruvida e soffice allo stesso tempo.  

WEPRO è il progetto di Marco Castelluzzo. Un viaggio interiore dell’artista che sintetizza nella sua produzione musicale e visiva. La caratteristica è la commistione tra musica e cinematografia. Ogni brano è accompagnato da videoclip molto vicini a dei veri e propri cortometraggi, e anticipato da uno short video recitato, in cui l’artista rivela velatamente la trama del video. Il fine è quello di raccontare delle vere e proprie storie, quasi sempre autobiografiche, utilizzando un concept nuovo e inedito, probabilmente non ancora sperimentato nello scenario nazionale. Il sound è quello di un progetto a metà tra il rock e il pop, con forti influenze dell’indie più elettronico, ma le sfumature sono in continua mutazione, per permettere di spaziare le sonorità in direzioni più disparate, sperimentando e non rimanendo delineato in un unico contenitore sonoro. Questo senza perdere mai la credibilità e l’identità artistica.