“Ti auguro una cagna” è il nuovo singolo di Elettra


Esce oggi in radio e nei digital store

TI AUGURO UNA CAGNA”

il nuovo singolo di

ELETTRA

(Alka Record Label)

Ascolta il brano su Spotify: https://open.spotify.com/track/4KO7YaFvKhc28lECvmRH6o?si=uk_K5msjQ9Wj_3Luwttp5Q

Si può ballare senza vergogna, augurando il giusto destino a un ex-fidanzato superficiale e scorretto. A ricordarcelo, Elettra, con il suo nuovo singolo “Ti auguro una cagna” (Alka Record Label), secondo estratto dall’EP “14 minuti dentro la mia testa”, in uscita a settembre 2020.

“Ti auguro una cagna” è un brano pop liberatorio, ironico e schietto, volto a esorcizzare i postumi di una brutta storia, sdrammatizzare i momenti difficili e ripartire con nuova forza. Il brano segue “Maledetto”, il singolo d’esordio, pubblicato il 10 marzo e accolto con entusiasmo dalle radio e dalla critica.

Link al brano: https://open.spotify.com/track/4KO7YaFvKhc28lECvmRH6o?si=uk_K5msjQ9Wj_3Luwttp5Q

Elettra parla di “Ti auguro una cagna”
Prendi una storia d’amore finita male, togli speranza e delusione, aggiungi un pizzico di risentimento, una buona dose di ironia e quel tanto che basta di verità. Mescola bene e servi rigorosamente a crudo, senza troppi giri di parole. Il risultato è “Ti auguro una cagna”.

Crediti Del Singolo:

Il singolo è pubblicato e distribuito da Alka Record Label. Testo di Elettra. Musica di Elettra e Leonardo Angelucci. Registrato e mixato da Michele Guberti, presso L’Animal House Studio di Ferrara. Direttore artistico Massimiliano Lambertini. Master di Manuele Fusaroli.




Artwork è di Chiara Fabbri.

ELETTRA | BIOGRAFIA

Classe 1991. Nata e cresciuta nella provincia romana. Il suo primo amore è la danza, che la porta inevitabilmente ad avvicinarsi alla musica. Così, dopo le prime lezioni private, nel 2011 entra nell’Accademia Bottega del Suono di Marcello Cirillo. Grazie all’Accademia ha l’occasione di vivere il palco come corista, girando l’Italia in un tour estivo. Lo scricchiolio del legno, il sound check, i km di autostrada, l’ansia pre-concerto e la smisurata voglia di risalire sul palco post concerto: il suo habitat naturale.

Nel 2014 diventa la frontwoman nella cover band i “Monkey Blues” e si confronta con l’estrema malinconia e l’ironico rancore del blues. Saranno questa esperienza e la pura passione per il blues a mettere le basi per il progetto solista che svilupperà successivamente.

Nel 2017 entra nell’Accademia Spettacolo Italia, dove ha la possibilità di perfezionare la tecnica canora e lo stile vocale con il maestro Fulvio Tomaino e, parallelamente, di sperimentare nuove forme di scrittura creativa con i maestri Massimo Calabrese e Jacopo Ratini. Nello stesso anno partecipa al concorso “Premio Piero Calabrese”, classificandosi quarta.

Il 2017 è l’anno del fortunato incontro con il cantautore Leonardo Angelucci, con il quale lavora alle pre-produzioni dei suoi primi lavori. Nel 2018 iniziano le registrazioni per l’etichetta indipendente Alka Record Label di Ferrara.

Il 2019 è un anno pieno di live, voce e chitarra, gli ingredienti con cui da vita alle sue canzoni, ma soprattutto è l’anno di una piccola pausa maternità.

Elettra si sente “nera a metà”, guarda l’orologio sempre alle 17:17, ama ascoltare il rumore del silenzio, trascrive gli sbagli e li chiude in accordi. Misura tutto al grammo, è morta e poi risorta e il suo vero linguaggio è la musica.

Il 10 marzo 2020 è uscito “Maledetto”, il suo primo singolo.