La Nazionale Italiana Jazzisti sonorizza la partita Olanda – Brasile a La Moderna Summer Fest (Mercoledì 15 Luglio)


Mercoledì 15 luglio
La Nazionale Italiana Jazzisti presenta « FOOTBALL JAZZ CLUB »
PARTITA OLANDA – BRASILE 2-0 (MONDIALI 1974)

LA MODERNA
Via Galvani 89 – Roma

Sonorizzato da
Claudio Filippini : piano
Luca Bulgarelli : contrabbasso
Fabrizio Sferra : batteria

Tre straordinari musicisti come Claudio Filippini , considerato dalla critica specializzata tra i migliori talenti del jazz nazionale (Roberto Gatto, Stefano Di Battista, Giovanni Tommaso, Maria Pia De vito, Francesco Bearzatti….), Luca Bulgarelli contrabbassista e compositore dotato di alta padronanza tecnica e ricca sensibilità espressiva e il batterista Fabrizio Sferra protagonista della scena italiana ed europea. Sferra (Enrico Pieranunzi, Massimo Urbani, Antonello Salis, Maurizio Giammarco, Pietro Tonolo, Rita Marcotulli, Stefano Battaglia, Chet Baker, Lee Konitz, Mal Waldron, Kenny Wheeler, Toots Thielemans, Paul Bley) si è aggiudicato molti riconoscimenti, tanto che nel 2001 e nel 2003, il referendum della critica indetto dalla rivista Musica jazz premia come miglior disco e migliore formazione dell’anno i ” Doctor 3 “, trio creato appunto da Sferra nel ’97, con Danilo Rea al piano e Enzo Pietropaoli al basso, gruppo che ha rappresentato fra l’altro, nel gennaio del 2001, il jazz italiano nella storica ” Town Hall ” di New York. Insieme commenteranno musicalmente la partita Olanda-Brasile che verrà proiettata contemporaneamente sul maxi schermo della Moderna. Improvvisazioni ed interplay come sempre sapranno regalare al pubblico grandi emozioni.




Football Jazz Club si rinnova e grazie alla sua originalità sta riscuotendo un grande successo tra gli appassionati di buona musica e di calcio.

L’Olanda guadagna la finale con la Germania Ovest, battendo il Brasile per 2-0. Per un tempo, si assiste a un match tattico ed equilibrato: l’Olanda tiene di più il controllo della palla, ma è il Brasile – che deve vincere perché ha gli stessi punti degli olandesi nel gruppo, ma una peggior differenza di reti – ad avere le occasioni migliori. Nel secondo tempo, l’Olanda va subito in gol sull’asse Cruijff-Neeskens e da quel momento domina in lungo e in largo, archiviando la pratica con facilità.